Creato un pc lungo 0,3 millimetri

Creato il PC più piccolo del mondoIl più piccolo computer al mondo è lungo 0,3 millimetri (più piccolo di un chicco di riso) ed è stato realizzato dall'Università del Michigan.(1) Più piccolo di quello costruito dalla IBM nel marzo 2018. L'IBM ha già espresso dubbi sul fatto che si possa parlare di un vero “computer” dal momento in cui si perdono tutti i dati ogni volta che non viene alimentato.

Il progetto(2) è stato recentemente presentato al Symposia on VLSI Technology and Circuits di Honolulu.

“Non siamo sicuri di poter parlare di un computer o no. È una questione di opinioni se questo dispositivo abbia o meno le funzioni minime richieste”, ha detto David Blaauw,(3) che ha guidato l'indagine con Dennis Sylvester(4) e Jamie D. Phillips.(5)

I mini computer sono stati progettati per fungere da sensori di precisione per rilevare la temperatura con un margine di errore pari a 0,1 gradi Celsius, ma si potrebbero adattare a una grande varietà di applicazioni.

Oltre alla RAM e al fotovoltaico, - spiega David Blaauw - i nuovi dispositivi informatici hanno processori, trasmettitori e ricevitori wireless. Poiché sono troppo piccoli per avere antenne radio convenzionali, ricevono e trasmettono dati con luce visibile. Una stazione base fornisce luce per alimentazione e programmazione e riceve i dati.

Bruno Chastonay: gli USA con TRUMP cambiano le regole del commercio, e il mondo si adegua

In questi ultimi mesi ci siamo accorti tutti che il modo di gestire il COMMERCIO, e pure le RELAZIONI entro le parti, sono cambiate drasticamente.

Un nuovo STILE di conduzione degli affari, e di PROTEZIONISMO, per scopi POLITICI ed ECONOMICI.

Avevamo la diplomazia, che con la politica e i dirigenti governanti del momento, si occupavano di viaggiare, di incontrare, di discutere, trattare, e firmare contratti commerciali di reciproco interesse. Un sistema che è durato decenni, seppur con tensioni, tasse, barriere doganali, limiti dettati dalla sicurezza interna, da fattori di salute, anti-dumping. Cioè con tutto quanto era a disposizione per imporre dei limiti sui prodotti importati, tenere il controllo, l’egemonia sui settori, prendere i vantaggi. E lasciando possibilmente tutte le cose negative all’estero, quali inquinamento, sfruttamento del territorio e dei lavoratori, avvelenamento dell’aria e dell’acqua, deterioramento della salute pubblica. E se oltre a questo si potevano avere dei vantaggi ulteriori, quali inferiori COSTI produttivi, meglio ancora.

In effetti tutto questo modus-operandi è ancora attuale, ma sta cambiando velocemente, e bisogna essere pronti.

Non è vero che si attira ciò che si vuole. Si attira solo ciò che una persona è

Non è vero che si attira ciò che si vuole. Si attira solo ciò che una persona è“La Sorgente di ogni abbondanza non è fuori di voi. Fa parte di chi siete. Tuttavia, essa inizia riconoscendo e approvando l’abbondanza fuori di voi. Vedere la pienezza della vita intorno a voi. Sentire il calore del sole sulla pelle, ammirare l’esposizione di fiori magnifici fuori da un fioraio, addentare un frutto succulento o anche lasciarsi bagnare in abbondanza dall’acqua che cade dal cielo.

La pienezza della vita è lì ad ogni passo. Il riconoscimento di tale abbondanza che è tutto intorno a voi risveglia l’abbondanza che dorme dentro di voi. Dopo, lasciatela defluire. Quando sorridete a uno sconosciuto, c’è già un deflusso di alcuni minuti di energia. Diventate un donatore. Chiedetevi spesso: “Quanto posso dare qui, come posso essere utile a questa persona o in questa situazione?”: non è necessario che possediate nulla per sentirvi abbondanti, ma se vi sentite sempre abbondanti le cose cominceranno a venire quasi certamente a voi.”

Eckhart Tolle

Richard Bartlett, noto chiropratico e naturopata nonché scrittore, afferma che possiamo osservare solamente ciò che possiamo vedere. Ci sono però cambiamenti che non possiamo vedere ma che non di meno hanno luogo. E, probabilmente, si tratta dei cambiamenti più significativi.

Pagine