Neurologia

Una scarpa terapeutica per far camminare i pazienti con ictus

Una scarpa terapeutica per far camminare i pazienti con ictus

Una scarpa terapeutica progettata per migliorare il recupero dall'ictus si sta rivelando vincente e dovrebbe raggiungere il mercato entro la fine dell'anno.

Sono stati completati gli studi clinici sul dispositivo iStride brevettato e concesso in licenza negli Stati Uniti, precedentemente conosciuto con il nome di Gait Enhancing Mobile Shoe (GEMS), con risultati appena pubblicati sul Journal of NeuroEngineering and Rehabilitation. (1)

Chi soffre di ictus sperimenta debolezza muscolare o paralisi parziale su un lato del corpo, che influisce notevolmente sul modo in cui camminano, noto come andatura. L'asimmetria dell'andatura è associata a uno scarso equilibrio, una delle principali cause di problemi degenerativi che rendono le persone più sensibili a cadute e lesioni.

Lo stress può indebolire le difese immunitarie

Lo stress può indebolire le difese immunitarie

Una nuova ricerca del laboratorio Alkema mostra come lo stress può indebolire le difese immunitarie.

La ricerca, pubblicata su Nature, (1) fa luce su come la risposta comprometta la salute dell’organismo a lungo termine.

Quando si percepisce una situazione pericolosa o stressante, il corpo rilascia ormoni dello stress quali l’adrenalina, che aumenta i battiti cardiaci, aumenta il flusso sanguigno al cervello e stimola il corpo a produrre zucchero da usare come combustibile. La scarica di adrenalina innesca la risposta “lotta o fuga” che consente alla persona di reagire a una minaccia.

Il dottor Mark Alkema, (2) insieme al gruppo di scienziati del professor Diego Rayes all’Università Nazionale dell’Argentina del Sud, ha studiato l’impatto di questa reazione ripetuta sulla salute di un piccolo verme, un organismo usato come modello per molti esperimenti e che ha aiutato a risolvere molte questioni fondamentali in biologia.

Prevenire la malattia di Alzheimer in laboratorio

Prevenire la malattia di Alzheimer in laboratorio

Identificato il legame tra le cellule immunitarie cerebrali e lo sviluppo della malattia di Alzheimer. Uno studio della University of California, Irvine rileva l'assenza di microglia che previene la formazione di placche.

Gli scienziati dell'Università della California, Irvine School of Biological Sciences hanno scoperto come prevenire la malattia di Alzheimer in un ambiente di laboratorio, una scoperta che un giorno potrebbe aiutare a ideare farmaci mirati per prevenire la patologia neurologica.

I ricercatori hanno scoperto che rimuovendo le cellule immunitarie cerebrali, conosciute come microglia, dai modelli di roditori della malattia di Alzheimer, le placche beta-amiloidi - la patologia caratteristica dell'AD - non si sono mai formate. Il loro studio è stato divulgato sulla rivista Nature Communications. (1)

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la maggior parte dei geni a rischio di Alzheimer sono attivi nella microglia, suggerendo che queste cellule svolgono un ruolo nella malattia. “Siccome non avevamo capito esattamente le dinamiche delle microglia e se sono significative nel processo iniziale dell'Alzheimer abbiamo deciso di esaminare questo problema osservando cosa sarebbe successo in loro assenza.”, ha dichiarato il dottor Kim Green, (2) professore associato di neurobiologia e comportamento.

I ricercatori hanno utilizzato un farmaco che blocca la segnalazione della microglia necessaria per la loro sopravvivenza. Il professor Kim Green e il team del suo laboratorio, hanno precedentemente dimostrato che il blocco di questa segnalazione elimina efficacemente queste cellule immunitarie dal cervello.

Pagine