Edoardo Capuano

Il nuovo aeroporto di Pechino sarà dotato della tecnologia di riconoscimento facciale

tecnologia facciale, beijing airportNel nuovo aeroporto di Pechino, progettato dalla defunta architetta Zaha Hadid,(1) verrà installata l'ultima tecnologia di riconoscimento facciale per la sicurezza del sito, secondo quanto riportato di recente dal quotidiano ufficiale South China Morning Post.(2)

Con questa nuova tecnologia il nuovo aeroporto di Pechino, da 12 miliardi di dollari, progettato per gestire fino a 100 milioni di passeggeri all'anno a pieno regime, migliorerà la gestione dei flussi e soprattutto dei controlli di tutte le persone.

Il nuovo aeroporto si trova a circa 50 chilometri a sud del centro di Pechino e contribuirà a ridurre la congestione nell'attuale aeroporto situato nel nord-est della capitale. Servirà anche Xiongan, la città satellite nella vicina provincia di Hebei, creata per ridurre il sovraffollamento a Pechino. Si prevede che la verifica dell'identità nel nuovo aeroporto sarà gestita da telecamere che trasmetteranno l'aspetto dell'utente a un database ID nazionale. Attraverso la visione artificiale, le autorità aeroportuali potranno anche abbinare gli utenti ai loro effetti personali, in modo che il possessore di un eventuale bagaglio incustodito o abbandonato sarà facilmente rintracciato, valutato e controllato.

In un'intervista con China Newsweek dello scorso marzo, Guo Yanchi, l'ingegnere capo che supervisiona i lavori di costruzione, ha dichiarato alla rivista che il nuovo aeroporto di Pechino è stato progettato per il futuro, sulla base di concetti digitalizzati e intelligenti. L'aeroporto utilizzerà tecnologie come Internet of Things (IoT), cloud computing e storage, singoli dispositivi intelligenti e la realtà virtuale.

Per la prima volta un robot esegue una chirurgia oculistica assistita nell'uomo

Chirurgia oculistica eseguita da un robotLa medicina, una delle aree in cui l'area della robotica ha avuto importanti progressi, ha appena segnato un nuovo passo nell'evoluzione tecnologica grazie a un gruppo di ricercatori dell'Università di Oxford(1) che ha annunciato la prima procedura di successo in una operazione chirurgica alla retina assistita da un robot. Questo studio è stato pubblicata da Nature.(2)

Il metodo, eseguito dopo due anni di test e che ha coinvolto 12 pazienti assegnati metà alla chirurgia convenzionale e l'altra metà al robot, aveva lo scopo di rimuovere una membrana dalla parte posteriore dell'occhio. Quindi, usando il robot, il chirurgo è stato in grado di eseguire la procedura con efficacia uguale o migliore rispetto all'approccio manuale tradizionale. Già nella seconda fase dello studio, il team ha utilizzato il robot per inserire un ago sottile sotto la retina per dissolvere il sangue in tre pazienti con degenerazione maculare legata all'età. Di conseguenza tutti hanno sperimentato un miglioramento della loro visione.

Tecniche di stimolazione elettrica non invasiva per comunicare con i pazienti in coma

Tecniche di stimolazione elettrica non invasiva per comunicare con i pazienti in comaScienziati dell'Università di Liegi (Belgio)(1) studiano come utilizzare tecniche di stimolazione elettrica non invasiva per leggere l'attività cerebrale dei pazienti in coma e comunicare con loro in un progetto che è ancora in fase iniziale e testato in pochi pazienti.

Questa è una delle linee di lavoro intorno ai limiti della coscienza discusse di recente a Barcellona alla prima Conferenza Internazionale sul Cervello e la Coscienza del Progetto Cervello Umano.

Il neuroscienziato e presidente del comitato scientifico Johan Frederik Storm(2) ha descritto il lavoro scientifico alla stampa. Egli lo ha definito un programma di ricerca europeo che si occupa dello studio del cervello nel campo della neurobiologia teorica e sperimentale, nel trattamento clinico e filosofico.

In un'Europa che invecchia, dove un cittadino su tre affronterà patologie cerebrali ad un certo punto della propria vita, lo studio della coscienza, quando si verifica un danno cerebrale, è una delle principali aree di ricerca di questo gruppo di esperti.

Il neurologo Steven Laureys,(3) che guida la ricerca focalizzata sui pazienti in coma nell'università belga, sottolinea che è molto complicato comunicare con persone in stato comatoso perché la coscienza è qualcosa di privato e intimo.

Pagine