Un piccolo motore che cammina per svolgere compiti

Un piccolo motore che cammina per svolgere compiti

Il nuovo motore mobile del MIT potrebbe assemblare strutture complesse, inclusi altri robot.

Anni fa, il professore del MIT Neil Gershenfeld (1) ebbe un pensiero audace. Affascinato dal fatto che tutte le cose viventi del mondo sono costruite con combinazioni di soli 20 amminoacidi, si chiedeva: è possibile creare un kit di appena 20 parti fondamentali da utilizzate per assemblare tutti i diversi prodotti tecnologici del mondo?

Da allora, il professor Neil Gershenfeld e i suoi studenti hanno fatto progressi costanti in quella direzione. Il loro ultimo risultato, recentemente presentato in una conferenza internazionale sulla robotica, consiste in una serie di cinque minuscole parti fondamentali che possono essere assemblate in un'ampia varietà di dispositivi funzionali, tra cui un minuscolo motore che può spostarsi avanti e indietro su una superficie o girare gli ingranaggi di una macchina.

In precedenza, il professor Neil Gershenfeld e i suoi studenti hanno dimostrato che le strutture assemblate da molte piccole e identiche subunità possono avere numerose proprietà meccaniche. (2) Successivamente, hanno dimostrato che una combinazione di tipi di parti rigide e flessibili può essere utilizzata per creare ali di aeroplano che si trasformano, (3) un obiettivo di lunga data nell'ingegneria aerospaziale.

Il loro ultimo lavoro, che sarà presentato alla Conferenza internazionale sulla manipolazione, automazione e robotica (MARSS) ad Helsinki, in Finlandia, aggiunge componenti per il movimento e la logica in un progetto di Neil Gershenfeld e Will Langford, (4) studente del MIT selezionato come migliore allievo per la conferenza.

Centinaia di squali e razze aggrovigliati nella plastica

Centinaia di squali e razze aggrovigliati nella plastica

Centinaia di squali e razze si sono aggrovigliati con attrezzi da pesca persi o gettati via negli oceani di tutto mondo, come dimostra una nuova ricerca.

Gli scienziati dell'Università di Exeter hanno visionato gli studi, già pubblicati da molte fonti, compreso Twitter, concernenti le spiacevoli problematiche a cui vanno in contro gli squali quando vengono letteralmente avvolti o impigliati nella plastica. I ricercatori hanno trovato rapporti su oltre 1.000 individui aggrovigliati, ma il numero reale sarà probabilmente molto più alto, dato che pochi studi si sono concentrati sugli squali e sulle razze.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Endangered Species Research, (1) afferma che questi incidenti, per lo più con attrezzi da pesca persi o gettati via, non rappresentano una “minaccia” per gli squali e le razze rispetto alla pesca commerciale, ma la sofferenza che causa è una preoccupazione importante per il benessere degli animali.

Il dottor Kristian Parton, (2) del Center for Ecology and Conservation di Exeter's Penryn Campus in Cornovaglia, spiega: “nello studio è citato come esempio un piccolo squalo mako avvolto in una corda da pesca. Lo squalo è cresciuto e la corda, che era coperta da cirripedi, si è stretta nella pelle danneggiando la sua spina dorsale. Sebbene non pensiamo che l'aggrovigliamento sia una delle principali minacce per il futuro degli squali e delle razze, è importante capire il tipo di pericolo che queste specie affrontano tenendo conto che esse sono tra le più minacciate negli oceani. Inoltre, c'è un vero problema di benessere degli animali perché gli intrecci possono causare dolore, sofferenza e persino la morte.”

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Per la prima volta i ricercatori hanno stilato una mappa globale dei luoghi nel mondo in cui si potrebbero piantare nuovi alberi con lo scopo di migliorare il clima.

Il Crowther Lab dell'ETH di Zurigo studia soluzioni naturali per contrastare i cambiamenti climatici. Nel loro ultimo studio, pubblicato da Science, (1) i ricercatori hanno mostrato per la prima volta dove nel mondo potrebbero crescere nuovi alberi e quanto carbonio avrebbero immagazzinato.

Jean-François Bastin, (2) autore principale e post dottorato del Crowther Lab, spiega: “abbiamo stilato un progetto in cui si è valutata l'esclusione delle città o delle aree agricole dalla lista delle zone idonee al ripristino boschivo perché sono luoghi peculiari per la vita degli esseri umani.”

I ricercatori hanno calcolato che, in base alle attuali condizioni climatiche, le aree della Terra potrebbero supportare 4,4 miliardi di ettari di copertura continua di alberi. Questa stima corrisponde a 1,6 miliardi in più rispetto ai 2,8 miliardi di ettari attualmente esistenti. Di questi 1,6 miliardi di ettari, 0,9 miliardi di ettari soddisfano il criterio di non essere usati dalle attività umane. Ciò significa che attualmente esiste un'area grande quanto gli Stati Uniti disponibile per la riforestazione. Una volta cresciute, queste nuove foreste potrebbero immagazzinare 205 miliardi di tonnellate di carbonio: circa due terzi dei 300 miliardi di tonnellate di carbonio che sono state rilasciate nell'atmosfera a causa dell'attività umana dalla rivoluzione industriale.

Il Professor Thomas Crowther, (3) coautore dello studio e fondatore del Crowther Lab all'ETH di Zurigo, spiega: “sapevamo tutti che il ripristino delle foreste potrebbe avere un ruolo nell'affrontare il cambiamento climatico, ma non sapevamo quanto fosse grande l'impatto. Il nostro studio mostra chiaramente che la riforestazione è la migliore soluzione oggi disponibile per contrastare i cambiamenti climatici, ma dobbiamo agire rapidamente perché le nuove foreste impiegheranno decenni per maturare e raggiungere il loro pieno potenziale come fonte di stoccaggio naturale del carbonio.”

Pagine