L’asparago rosa di Mezzago

AsparagiSu tutti i banchi di ortaggi in questo momento dell’anno si trovano gli asparagi. L’Italia ne è uno dei maggiori produttori in Europa, perciò, in genere, colui che consuma asparagi in questo periodo, è una persona attenta all’utilizzo di prodotti magari a filiera corta, che sono di stagione, ed è quindi consapevole delle maggiori qualità nutrienti e benefiche che gli alimenti con queste caratteristiche hanno.

Gli asparagi sono piante erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. La pianta presenta un rizoma, fusto modificato che cresce sotto terra e produce germogli, detti turioni. Questi vanno raccolti appena spuntano dalla terra, in questo modo saranno teneri e ricchi di nutrienti. Per testarne la freschezza all’acquisto, gli asparagi non si devono piegare, ma si devono spezzare, devono avere la testa integra e non devono presentarsi legnosi.

Furono coltivati e usati dagli Egizi e in Asia Minore 2000 anni fa. In epoca romana, già dal 200 a.c. gli asparagi erano conosciuti e apprezzati tanto da averne manuali per la coltivazione; se ne trova anche traccia in scritti di Catone e Plinio.

Attualmente la Cina ed il Perù sono i due maggiori produttori ed esportatori di asparagi al mondo.

Dobbiamo distinguere due tipi di asparagi: quello coltivato, Aspatagus officinalis, e l’asparago selvatico, Asparagus acutifolius, quest’ultimo, conosciuto anche come asparagina, in genere è lungo e più sottile rispetto alle qualità coltivate ed è ideale per risotti e frittate.

Il legame tra l'aria condizionata e il riscaldamento globale

Il legame tra l'aria condizionata e il riscaldamento globaleGli impianti di aria condizionata generano un circolo vizioso che contribuisce in modo discreto ma crescente al riscaldamento globale.

In Cina, India e Indonesia il mercato ha introdotto questi prodotti in maniera che siano facilmente acquistabili da tutta la popolazione per cui, nei prossimi decenni, miliardi di nuovi condizionatori d'aria verranno installati in queste due grandi nazioni. La tendenza interesserà tutto il mondo.

Queste apparecchiature consumano molta elettricità, un'energia prodotta principalmente in centrali a carbone o gas con una conseguente emissioni di gas serra, responsabili dell'innalzamento delle temperature.

Secondo un rapporto pubblicato dall'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE),(1) a meno che non ci sia un cambiamento radicale nella tendenza, si prevede che le emissioni di anidride carbonica, relative ai condizionatori d'aria, saranno quasi il doppio tra il 2016 e il 2050.

Si stima che la quantità aggiuntiva di anidride carbonica che verrà rilasciata nell'atmosfera sarà di circa 1.000 milioni di tonnellate all'anno, il che equivale ad aggiungere un'Africa attuale al pianeta.

GRID: 30,6 mln di sfollati nel 2017 a causa di conflitti e le calamità naturali

GRID: 30,6 mln di sfollati nel 2017 a causa di conflitti e le calamità naturaliI conflitti e le calamità naturali dello scorso anno hanno causato lo spostamento di 30,6 milioni di persone dai loro paesi, secondo uno studio(1) pubblicato dall'Osservatorio sullo spostamento interno (IDMC)(2) e dal Norwegian Refugee Council (NRC).(3)

Questa cifra equivale a più di 80.000 sfollati al giorno, secondo il World Report on Internal Displacement.

Di quel totale di 30,6 milioni di persone, 11,8 milioni hanno dovuto lasciare le loro case o il luogo di rifugio a causa di conflitti e violenze, quasi il doppio dei 6,9 milioni nel 2016.

Tuttavia, molti di coloro che dovevano fuggire erano già stati costretti a spostarsi in occasioni precedenti a causa del conflitto nei loro paesi, specialmente in Siria, nello Yemen o in diversi Stati africani, in particolare nel Sud del Sudan.

L'Africa sub-sahariana ha registrato 5,5 milioni di viaggi, mentre in Medio Oriente e Nord Africa c'erano 4,5 milioni.

Queste cifre aumentano il numero totale di persone che vivono in sfollati interni causate da conflitti nel mondo a quasi 40 milioni.

Pagine