Booking.com

Il vero significato dell'esoterismo

L’esoterismo è molto più che una filosofia, è un grandioso insieme di insegnamenti e pratiche, che costituiscono l’Anima di tutte le religioni e filosofie

Esoterismo: volgarmente interpretato, è lo studio di ciò che si nasconde dietro le apparenze. Dietro il mondo fenomenico, esiste infatti una realtà superiore, che sta oltre la mente e i sensi. È il “mondo delle Cause”, delle vere ragioni per le quali ogni cosa è generata.

Anche la parola metafisica ha un’interpretazione simile, poiché identifica quello studio che va oltre la scienza puramente fisica. Essa propone un’interpretazione o visione, dove gli strumenti di investigazione non siano quelli puramente fisici, bensì altre capacità, che potremmo chiamare psichiche, che vengono attivate grazie ad un elevato sviluppo spirituale dell’uomo.

Nel passato, purtroppo, la parola Esoterismo cadde nel discredito a causa del suo impiego abusivo, fatto da parte di ciarlatani ignoranti. E ancora oggi molti utilizzano in modo inappropriato ed erroneo l’attributo “esoterico”, con il comprensibile risultato di creare confusione e rigetto, da parte delle persone che non ne conoscono il vero significato.

L’esoterismo, invece, è addirittura molto più che una filosofia, è un grandioso insieme di insegnamenti e pratiche, che costituiscono l’Anima di tutte le varie religioni e filosofie del mondo. Questo insieme di insegnamenti, purtroppo, è arrivato fino a noi oggi mutilato e deformato, e praticamente irriconoscibile. L’Umanità attuale possiede perciò solo “alcuni poveri resti”, o particelle sfigurate di questa antica Scienza Ancestrale, della quale le nostre attuali scienze positive non rappresentano altro che il grado inferiore di investigazione.

E tuttavia, questa “Scienza Sacra” o “Scienza dell’Anima” – la quale c’insegna che il mondo è una manifestazione del Pensiero Divino – è l’unica capace di condurre l’umanità verso il proprio Vero destino. Per questo motivo, essa si dovrebbe ricostituire interamente, servendosi a tale scopo degli insegnamenti che ci hanno lasciato, di volta in volta, i diversi Maestri di Compassione e di Saggezza.

Lo stile di vita degli italiani è ammirato in tutto il mondo

Lo stile di vita degli italiani è ammirato in tutto il mondo per quanto riguarda salute e alimentazione. L'italiano cammina di più della media mondiale

Lo stile di vita degli italiani è ammirato in tutto il mondo per quanto riguarda salute e alimentazione, è spesso associato all'immagine di una popolazione tendenzialmente pigra, che svolge poca attività fisica.

Un team di ricercatori dell'Università di Stanford negli Stati Uniti ha però di recente pubblicato su 'Nature' una sorta di classifica mondiale dei Paesi più pigri nella quale, a sorpresa, l'Italia è risultata nella parte alta della graduatoria.

Lo studio ha raccolto dati da 717mila persone in 111 Stati per tre mesi di seguito, tramite una app per smartphone (Argus di Azumio) che ha fornito ai ricercatori le cifre sui passi effettuati quotidianamente: ogni giorno nel mondo se ne percorrono in media 4.961 ad abitante e l'Italia, con 5.296 passi, cammina di più della media mondiale ed è in linea con i principali Paesi europei.

“Gli utenti di un app che misura i passi e il movimento fisico sono in genere persone con una forte attenzione all'attività fisica e non sono quindi rappresentativi dell'intera popolazione”, spiega Roberto Volpe del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr. “E comunque, se anche non siamo tra le popolazioni più pigre, non rientriamo neppure tra le più virtuose. Inoltre, andrebbe meglio indirizzata la tipologia di movimento degli italiani: se per un giovane è consigliabile un'attività con elevato dispendio calorico, come la corsa, il nuoto o gli sport di squadra, per un adulto-anziano può bastare anche il solo passeggio sostenuto o la cyclette almeno mezz'ora al giorno per cinque giorni a settimana. In questo modo, tra l'altro, si aiuta il metabolismo a bruciare le calorie in eccesso, a produrre colesterolo 'buono', a controllare la glicemia e ad abbassare la pressione arteriosa”.

Le emissioni di cloroformio in Asia sfavoriscono il recupero dell'ozono

Una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono è il cloroformio, un composto utilizzato nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti

All'inizio di quest'anno, le Nazioni Unite hanno annunciato che lo strato di ozono, che protegge la Terra dalle dannose radiazioni ultraviolette del sole e che è stato gravemente impoverito da decenni di sostanze chimiche prodotte dalle attività umane, è sulla strada della ripresa.

La drammatica inversione di tendenza è un risultato diretto dei regolamenti stabiliti dal Protocollo di Montreal del 1987, un trattato globale in base al quale quasi tutti i paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti, hanno agito con successo per vietare la produzione di clorofluorocarburi (CFC), i principali agenti dell'ozono esaurimento. Come risultato di questo sforzo internazionale, le Nazioni Unite prevedevano che lo strato di ozono poteva ristabilirsi completamente entro la metà del secolo.

Ma un nuovo studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), pubblicato oggi sulla rivista Nature Geoscience,(1) identifica una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono: il cloroformio, un composto incolore e dall'odore tenue che viene utilizzato principalmente nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti.

I ricercatori, tra cui scienziati dell'Università di Bristol, hanno scoperto che tra il 2010 e il 2015 le emissioni e le concentrazioni di cloroformio nell'atmosfera sono aumentate in modo significativo. Essi hanno individuato la fonte di queste emissioni nell'Asia orientale, dove sembra che la produzione di prodotti derivati dal cloroformio sia in aumento. Se le emissioni di cloroformio continuano ad aumentare, i ricercatori prevedono che il recupero dello strato di ozono potrebbe essere ritardato di 4-8 anni.

Il coautore Ronald G. Prinn ,(2) professore di Scienze Atmosferiche presso il MIT della TEPCO, ha dichiarato: “Il recupero dell'ozono non è così veloce come si sperava, e dimostriamo che il cloroformio rallenterà ulteriormente.”

Pagine