Ictus cerebrale: sintomatologia e prevenzione

Ictus cerebrale: sintomatologia e prevenzione

L'ictus cerebrale, che è una delle cause di morte più importanti, colpisce gli over 60 ma i giovani non sono di certo risparmiati.

Si solito una persona colpita da un ictus cerebrale subisce un'invalidità permanente. Sono molto rari i casi in cui il paziente se la cava con danni minori.

Esistono due tipologie di ictus cerebrale:

1) Ischemia: rappresenta l'80 per cento dei casi è si manifesta con l'ostruzione di un vaso in seguito alla formazione di un trombo o un embolo (coagulo di sangue);

2) emorragia: rappresenta il 20 per cento dei casi e si manifesta con la rottura di un vaso che provoca la fuoriuscita del sangue con la conseguente inondazione del cervello.

Come si può scoprire l'ictus e come prevenirlo:

Le ragioni che scatenano questa patologia sono riconducibili ad un errato stile di vita: fumo, alcol, alimentazione scorretta. Fattori che conducono all'ipertensione arteriosa, alla stenosi caroteidea e al diabete mellito.

La casistica vuole che siano gli over 60 ad essere i più colpiti da questa patologia che da dei segni preventivi e inequivocabili: il soggetto avvertirà in un braccio ed alla gamba posta dalla stessa parte una forte riduzione della forza, parlerà con difficoltà, farà fatica a comprendere, la sua bocca assumerà una posizione non lineare.

Segnali internazionali di una crisi epocale

Segnali internazionali di una crisi epocale

I segnali ci sono tutti: dazi doganali, immigrazione selvaggia, minacce Usa in precise aree del pianeta. Nessuno può sapere cosa accadrà di preciso, perché il futuro non si può prevedere, ma siccome gli indizi per una crisi epocale ci sono, non possiamo non tenerne conto.

E questi segnali ci sono ora, non sono frutto della suggestione catastrofista. Senza citare tutto, nell’elenco metterei l’ambiguità del fenomeno Greta Thunberg, la denatalità europea, la burocratizzazione esasperata, l’assalto politico-militare ai paesi con risorse naturali come il Venezuela e l’Iran, l’inasprimento della politica protezionistica americana mentre leader russi e cinesi girano come trottole in un’estenuante attività diplomatica. Insomma, c’è una certa puzza di morte nell’aria, ma nessuno sa se finirà così male, oppure se si tratta solo di percezione catastrofista. Non sempre dove c’è il fumo c’è l’arrosto, però fingere di non sentire l’odore e di non vedere il fumo è una colpa grave. Imperdonabile, poi, se a fare finta di nulla è l’informazione ufficiale.

Perché avvengono fatti così inediti in così poco tempo?

L’ipotesi più convincente è che la disparità delle risorse disponibili non sia molto diversa che in passato, ma con la differenza che ora tutti gli abitanti del pianeta la percepiscono come tale.

La popolazione mondiale, secondo le stime, ha raggiunto i 7,7 miliardi di persone, ed è destinata a crescere fino a 9,2 miliardi entro il 2050. Dentro questo oceano di uomini e donne, solo 850 milioni godono di una situazione accettabile in termini di welfare, alimentazione, opportunità occupazionali, istruzione e sanità. E gli altri 7 miliardi? No, tutti gli esclusi, che sono la stragrande maggioranza, vivono in una situazione di sostanziale indigenza, solo che, rispetto ai “miserabili” del passato, oggi loro ne hanno piena consapevolezza e coscienza.

Il riscaldamento globale degli oceani

Il riscaldamento globale degli oceani

Il confronto delle climatologie globali conferma il riscaldamento di tutti gli oceani.

Tutti gli oceani rappresentano la componente più importante del sistema climatico terrestre. Essi accumulano energia termica e trasportano il calore dai tropici alle alte latitudini, rispondendo molto lentamente ai cambiamenti nell'atmosfera.

Le climatologie a griglia digitale, che effettuano il monitoraggio di tutti gli oceani, forniscono utili informazioni di base per molte applicazioni oceanografiche, geochimiche e biologiche. Poiché sia l'oceano globale che la base osservativa stanno cambiando, necessitano aggiornamenti periodici delle climatologie oceaniche. Questo protocollo è in linea con le raccomandazioni dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale per fornire aggiornamenti decadali delle climatologie atmosferiche.

“La costruzione delle climatologie oceaniche consiste in diverse fasi, tra cui: controllare la qualità dei dati; aggiustare i pregiudizi strumentali; colmare le lacune di dati mediante un metodo di interpolazione adatto”, ha affermato il professore Viktor Gouretski (1) dell'Università di Amburgo, che è un borsista della Chinese Academy of Sciences President's International Fellowship Initiative (PIFI), presidente presso l'Institute of Atmospheric Physics, Chinese Academy of Sciences e autore di un rapporto recentemente pubblicato dall'Atmospheric and Oceanic Science Letters. (2)

Il dottor Viktor Gouretski spiega: “L'acqua di mare è essenzialmente un sistema a due componenti: con una dipendenza non lineare di densità su temperatura e salinità; con la miscelazione nell'interno dell'oceano che si svolge prevalentemente lungo le superfici isopicniche. pertanto l'interpolazione dei parametri oceanici deve essere eseguita su isopicnali (3) anziché su livelli isobarici, per minimizzare la produzione di masse artificiali d'acqua. Le differenze tra questi due metodi di interpolazione dei dati sono più pronunciate nelle regioni ad alta pendenza come la Corrente del Golfo, il Kuroshio e la corrente circumpolare antartica.”

Pagine