Archive

Aprile 23rd, 2017

Più di un miliardo di lavoratori verranno sostituiti dai robot

Più di un miliardo di lavoratori sostituiti dai robotUn miliardo e 100 milioni di posti di lavoro, a livello globale, potrebbero essere sostituiti dai robot nel corso di poco più di una generazione.

Secondo il Rapporto del Mc Kinsey Global Institute il 49% delle attività lavorative potrà essere automatizzato già a partire dalle tecnologie esistenti. Sarebbe solo questione di tempo, anzi di un tempo relativamente breve. Il che significa che un miliardo e 100 milioni di posti di lavoro, a livello globale, potrebbero essere sostituiti dai robot nel corso di poco più di una generazione.

È una previsione terrificante, tenendo conto che, nel frattempo, le tecnologie esistenti saranno in via di rinnovamento a velocità crescente. Cioè i posti di lavoro riservati agli umani diminuiranno di anno in anno in termini variamente geometrici. Per l'Occidente e per l'Oriente. Molto più drammaticamente per l'Oriente di quanto non sarà per l'Occidente.

Lo stesso rapporto citato — che già sta facendo parlare di sé in tutto il mondo — aggiunge, per soprammercato, tra le molte altre sconvolgenti proiezioni, che circa il 60% di tutti i posti di lavoro inventati dall'uomo contemporaneo possono essere automatizzati per circa il 30% delle loro funzioni, mentre è già ora possibile calcolare la completa automatizzazione futura del 5% delle rimanenti.

Aprile 22nd

Concessione cittadinanze: l'Italia è al primo posto in Europa

Passaporto italianoUna persona su cinque in Europa che nel 2015 ha acquisito la cittadinanza UE l'ha ottenuta in Italia, che risulta quindi essere il primo Paese europeo per numero di nazionalità concesse a fronte di un giro di vite generale sui passaporti registrato negli ultimi anni.

I “nuovi italiani” sono in maggioranza albanesi (19,7%), marocchini (18,2%) e romeni (8,1%), mentre sono in prevalenza italiani i cittadini che hanno chiesto e ottenuto una nuova nazionalità in Svizzera (primi con il 13,4% delle 40.689 totali concesse) e Lussemburgo (terzi con il 9,5% sulle 3195 complessive).

È la fotografia scattata da Eurostat, dove l'Italia ha concesso 178.035 cittadinanze sulle 840mila complessive date a livello Ue (pari al 21%), nel quadro di una tendenza europea in calo rispetto alle 890mila del 2014 e alle 980mila del 2013.

Da Ginevra, intanto, oggi l'Organizzazione internazionale per la migrazione (Oim) fa sapere che dall'inizio dell'anno 42.974 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare e 962 sono morti.

Aprile 21st

Craig Roberts: Putin non sta dormendo... L'Eurasia non ha paura degli Usa

Putin Jinping TrumpFine del film: la Russia, insieme alla Cina, si sta preparando a subire un attacco nucleare da parte degli Usa. E non starà certo a guardare.

È la conclusione cui giunge un allarmatissimo Paul Craig Roberts, di fronte all’escalation in atto: i missili sulla Siria, le minacce a Mosca e quelle rivolte alla Corea del Nord. «I dirigenti russi, che a differenza dei bugiardi occidentali dicono la verità, hanno dichiarato in modo chiaro che la Russia non combatterà più una guerra nel proprio territorio», scrive Craig Roberts. «I russi non potevano specificarlo più chiaramente: provocate una guerra, dicono, e vi distruggiamo nel vostro territorio». Aggiunge l’ex viceministro di Reagan: «Washington è così arrogante e perduta nella sua hybris, da non capire che anni di bugie cristalline sulle intenzioni e azioni della Russia e dei russi hanno convinto la Russia che Washington stia preparando le popolazioni degli Stati Uniti e dei popoli prigionieri di Washington, nell’Europa dell’Ovest e dell’Est, nonché in Canada, Australia e Giappone, a un primo colpo nucleare Usa contro la Russia». Bombe atomiche: «C’è l’Arnageddon nucleare all’orizzonte?».

I già pubblicati piani di guerra degli Stati Uniti contro Pechino «hanno convinto la Cina della stessa cosa», scrive Craig Roberts sul suo blog, in un post tradotto da Pino Cabras per “Megachip”.

Aprile 20th

Sicurezza e tecnologia, non solo biometria

Sicurezza e tecnologia, non solo biometriaLa sicurezza è una questione e una problematica che riguarda un numero di persone sempre più vasto e ampio. Spioncini digitali, telecamere di videosorveglianza dotate di wifi o infrarossi: questi strumenti fanno capire che la tecnologia ha fatto a dir poco passi da gigante. E si può affermare che il tutto e in continuo sviluppo e in costante evoluzione.

Insomma, non ci si ferma davvero mai. Basti pensare alla biometria, che oramai sta sempre più scalando le gerarchie, come dimostra uno studio pubblicato su Foggiaefoggia.com.

Il riconoscimento facciale, dell’iride e le impronte digitali vengono infatti utilizzati in tantissimi campi, con molteplici compiti e funzioni. Sono davvero semplici e rapidi da utilizzare: basta semplicemente fissare un determinato punto per alcuni secondi. Questa tecnologia viene applicata nei sistemi di prevenzione del crimine per identificare gli individui in una folla, per esempio, ma il suo utilizzo si diffonderà e sarà più del tipo one-to-one. Difatti il riconoscimento facciale viene utilizzato sempre più per l’accesso sicuro agli edifici e ai luoghi di alta sicurezza, oltre ai casinò.

Il rapporto tra tecnologia e sicurezza non si ferma alla biometria

Un ulteriore esempio è rappresentato dal Nfc (Near Field Communication).

Pagine