Statistiche

Il debito bubblico italiano raggiunge i 2.168.400.000.000 di euro

Debito pubblicoSiete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perché c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di casa e dovrete pagarlo. Eccome, se dovrete pagarlo. Il debito pubblico italiano ha toccato nuove vette in termini assoluti, raggiungendo la cifra record di 2.168.400.000.000 €, cresciuto di ben 99.000.000.000 da inizio anno. Ogni cittadino italiano ha sul groppone la bellezza di 36.225 euro, neonati compresi.

Per fare un esempio, una famiglia italiana composta da genitori e due figli ha un debito di 144.900 euro in contanti che è niente di più della fetta che gli spetta del debito pubblico dello stato. Così gli italiani capiscono - forse - di che entità sarà la patrimoniale che presto verrà imposta “dall'Europa”, oh cara, buonista coll'africano ma nazista con l'italiano, vittima spolpabile e spolpata.

Interessante notare che, a dispetto di quanto raccontino i mezzi d’informazione di regime, è calata la spesa delle regioni, mentre è aumentata quella dello stato centrale.

Qualcuno, invasato dalla retorica neoliberista, dirà che è tutta colpa dello stato che spende troppo, che spreca risorse e che bisogna tagliare, tagliare tutto, pensioni (quelle degli altri), sanità (sempre quella degli altri) e stipendi (ovviamente non il suo, perché lui è un virtuoso neoliberista) e aumentare le tasse perché hanno vissuto (sempre gli altri, perché il neoliberista medio è convinto di essere un austero virtuoso) sopra le proprie capacità e quindi bisogna espiare le proprie colpe.

Centinaia di migliaia di italiani in fuga

EmigrazioneLe anticipazioni del Dossier 2017 del centro studi Idos. Se ne sono andati diplomati, laureati e dottori di ricerca nel cui percorso di studi lo Stato aveva investito quasi 9 miliardi, e la stima è per difetto. Due su tre non ritornano. Il danno è in parte compensato dai flussi d'ingresso degli immigrati: sono sempre di più quelli con alti livelli di istruzione

In Italia si emigra come negli anni del dopoguerra. Il Centro studi Idos stima che nel 2016 285mila italiani hanno lasciato il loro Paese di nascita. Nel dopoguerra erano 300mila. Ad andarsene sono soprattutto laureati e dottorandi in cerca di migliori condizioni lavorative: i “migranti economici” dell’Italia.

Sono più degli stranieri che sbarcano sulle nostre coste: 181mila nel 2016, 200mila quelli attesi quest’anno. Sono le anticipazioni del Dossier statistico sull’immigrazione 2017, che il centro studi cura insieme alla rivista Confronti. Da cui si deriva anche che questa fuga di cervelli costa al Paese che non riesce a valorizzarli almeno 8,8 miliardi di euro: tanto lo Stato italiano ha speso per la loro formazione, prendendo la parte più bassa della forchetta.

Idos raggiunge la cifra di 285mila attraverso la comparazione di diverse fonti.

Nuove tasse in arrivo in Italia. Iva oltre il 25 per cento

TasseIn queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare l’incidente diplomatico per far cadere il governo formalmente sostenuto dal partito di cui lui è il segretario ed andare al voto anticipato, possibilmente entro ottobre.

Sorvoliamo sul fatto che il “bomba”, avesse giurato e spergiurato che in caso di sconfitta al referendum costituzionale si sarebbe ritirato dalla vita politica, mentre è ancora qui a sproloquiare di una realtà che esiste solo nella sua mente e chiediamoci come mai, nei fatti, voglia porre fine alla vita di un governo di cui il piddì è azionista di maggioranza.

La risposta è contenuta nelle affermazioni del commissario agli affari economici della Ue, l’oligarca Moscovici: “dall’Italia ci attendiamo uno sforzo sostanzioso nella riduzione del debito pubblico nel 2018”, il che, tradotto dal linguaggio tipicamente mafioso degli esponenti della Ue, significa che il governo italiano dovrà imporre un pizzo molto sostanzioso ai cittadini per placare gli appetiti degli oligarchi di Bruxelles e del capobastone tedesco, che hanno concesso qualche zuccherino negli anni precedenti a Renzi - in cambio di 500.000 africani da stipare in Italia senza farli arrivare nella Ue - e che ora vogliono passare all’incasso spolpando quello che resta del tessuto economico nazionale, imprese e risparmi dei cittadini in primis.

L'Italia in crisi spenderà 30 mld di dollari in armamenti

ArmamentiQuasi 30 miliardi di dollari, pari a 70 milioni di euro al giorno. È la nuova spesa militare dell’Italia (media giornaliera) calcolata dal Sipri di Stoccolma, l’istituto internazionale di ricerche sulla pace: la spesa militare italiana è salita nel 2016 a 27,9 miliardi di dollari. «Un flusso irrefrenabile ma diventato normale, quasi ovvio», scrive Gianni Ballarini su “Nigrizia”, in un reportage ripreso da “Il Cambiamento”.

Che osserva: cresce a dismisura il commercio internazionale delle armi italiane, grazie anche al pieno coinvolgimento collaborativo e interessato delle banche, «che mettono a disposizione dell’industria bellica servizi di intermediazione ben remunerati e conti correnti». Per “Nigrizia”, ormai, «l’industria militare è il pilastro del sistema paese», almeno secondo «ciò che pensa il governo». E i dati lo confermano: «Cresce la spesa e l’export di armamenti conosce un vero boom. Soprattutto verso i regimi della penisola arabica. Cala, invece, la vendita verso l’Africa». Le banche? «Sostengono il business, seppellendo ogni tentennamento etico».

Solo poche fonti, tra cui il “Tirreno”, il “Manifesto” e “Italia Oggi”, hanno registrato – lo scorso 19 aprile – l’imbarco di armi e blindati, nel porto di Piombino, sulla nave Excellent, noleggiata dal ministero della difesa e battente bandiera maltese. «Dopo aver imbarcato un gran quantitativo di armamenti e aver effettuato uno scalo tecnico ad Augusta, s’è diretta a Gedda, in Arabia Saudita, attraversando il canale di Suez. Secondo l’autorità portuale di Piombino, quelle armi e quei blindati erano destinati a un corso di addestramento bellico di militari italiani nella penisola arabica.

Pagine