Tendenze

L’impero USA declina a causa dell'abuso di potere di Trump

L’impero USA declina e l’unico responsabile è l’abuso di potere del Donald Trump. L’ultima risorsa è l’unico bastone rimasto agli USA: la potenza militare

Trump cerca di far quadrare un mondo globalizzato attraverso un capitalismo nordamericano nazionale. Non funzionerà.

L’ex-presidente Teddy Roosevelt (1901-09) descrisse l’essenza della politica estera degli Stati Uniti come “parlare piano mentre si porta un grosso bastone”.

Sotto l’attuale presidente Donald Trump sembra che si tratti di “gridare”. Quella che Trump riserva è una domanda discutibile. La differenza si riduce a una questione di credibilità. Un secolo fa, gli USA erano un formidabile potenza militare, diplomatica ed economica. Quindi, Roosevelt poteva permettersi di parlare sottovoce perché c’erano altri mezzi indiscutibili a disposizione per rafforzare il potere degli Stati Uniti.

Oggi, gli Stati Uniti sono ancora una formidabile potenza militare, questo è certo. Ma per quanto riguarda economia e ruolo del dollaro statunitense come meccanismo di pagamento globale, l’evidenza suggerisce che ha perso molto del precedente dominio. Il presidente Trump sembra cerchi di compensare il declino della potenza degli Stati Uniti nel complesso, adottando una retorica più irosa e scontrosa affinché gli altri si conformino alle pretese statunitensi.

Questa settimana ha visto il calo record nel mercato azionario statunitense. Ciò suggerisce che la presunta forza dell’economia statunitense non è ciò che è stato spacciato da Trump. Uno dei principali fattori nel crollo del mercato azionario statunitense è l’incertezza provocata dalla crescente guerra commerciale degli Stati Uniti con la Cina. La scorsa settimana, il Presidente Vladimir Putin deplorava la politica statunitense delle sanzioni alle altre nazioni e l’eccessiva dipendenza dal dollaro quale principale strumento di scambio valutario globale. Putin aveva detto che gli Stati Uniti commettono un “errore strategico” usando il dollaro come arma con cui punire le altre nazioni per conformarsi ai diktat di Washington. “Questo è un errore tipico di qualsiasi impero”, aveva detto alla Conferenza russa della Settimana dell’energia, a Mosca. Implicito nei commenti di Putin era che gli Stati Uniti si comportano da impero fallito.

La caccia sportiva degli americani provocherà l'estinzione delle giraffe

Una petizione ha chiesto che Fish and Wildlife Service intervenga per proteggere le giraffe in quanto è una delle specie in via di estinzione.

Cinque gruppi di ambientalisti sostengono che la caccia del trofeo, fatta prevalentemente dagli americani che viaggiano in Africa, mette in serio pericolo l'esistenza delle giraffe

I conservazionisti hanno presentato una richiesta formalmente al governo degli Stati Uniti affinché le giraffe vengano inserite nell'elenco delle specie in via di estinzione. Questa iniziativa ha lo scopo di fermare quella che viene considerata l' “estinzione silenziosa” dell'animale terrestre più alto del mondo.

Una petizione, presentata da cinque gruppi di ambientalisti, ha chiesto che il servizio statunitense Fish and Wildlife Service(1) intervenga per proteggere la giraffa in quanto è ormai da considerare una delle specie in via di estinzione.

Negli ultimi anni il numero degli esemplari ha subito una importante flessione. Secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura, che ha elencato le giraffe come specie minacciata, nei primi mesi di gennaio 2018 nell'Africa sub-sahariana erano presenti solo 97.500 giraffe, una diminuzione di quasi il 40% dal 1985. Ora in Africa il numero delle giraffe è inferiore a numero degli elefanti.

Le giraffe hanno sofferto per la perdita di habitat, malattie e caccia illegale. Inoltre, affrontano il rischio di essere investite da veicoli e collisioni con le linee elettriche. I firmatari della petizione sostengono che la specie sta subendo una maggiore pressione dai cacciatori di trofei che si recano in Africa per sparare per gioco alle loro prede. Questi cacciatori provengono soprattutto dagli Stati Uniti. Secondo l'analisi dei dati sulle importazioni da parte dei gruppi, gli americani hanno importato 21.402 incisioni di ossa, 3.008 pezzi di pelle e 3.744 diversi trofei di caccia dalle giraffe negli ultimi dieci anni. Si ritiene che almeno 3.700 giraffe siano state uccise per tali oggetti.

I lati oscuri della Legge sul Copyright

Il modo in cui percepiamo la nostra realtà è cruciale. Ci potrebbe essere un Universo in cui esisti o sei esistito attraverso la stessa cronologia storica.

la Legge sul Copyright sembra non aver nulla a che fare col diritto d’autore, e infatti non ce l’ha, quello è solo il pretesto per fermare la libera informazione.

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge sul copyright. In Italia il Movimento 5 Stelle tuona il suo parere contrario per voce del leader Di Maio, mentre sui più blasonati giornali online si festeggia. Ufficialmente gli articoli 11 e 13, vero cuore della riforma, sembrano indirizzati a preservare i diritto d’autore, ma, come dice il poeta, “fatta la legge trovato l’inganno”.

Lascerei perdere l’idea che il pericolo stia dietro il divieto di pubblicare immagini o spezzoni di contenuti altrui sotto forma di link (chiamati snippet). Se fosse davvero tutto qua ci sarebbe solo da festeggiare: basterebbe infatti evitare di richiamare le puttanate che puntulamente scrivono le testate giornalistiche mainstream e saremo a cavallo. Anzi, messa giù così l’agonia del giornalismo prezzolato subirebbe una forte accelerazione perché le piattaforme più importanti del web come Google e Facebook si troverebbero nella condizione di impedire la divulgazione tramite modalità ipertestuale dei vari Espresso, Repubblica, Corriere, Sole24ore, Huffingtonpost, ecc. Per i blog, i canali privati di youtube e le testate giornalistiche medio-piccole sarebbe una manna caduta dal cielo di Strasburgo.

Siccome le lobby degli editori, invece, hanno fatto pressione proprio nel senso opposto a quello sopra descritto, occorre allora chiedersi che diamine nasconda questa legge.

Il trucco sta tutto negli algoritmi che facebook e google news dovranno implementare per difendere il diritto d’autore. Con ogni probabilità, Zuckerberg e amici dovranno pagare costosissimi algoritmi allo scopo di individuare tutti quei siti e post che non pagano gli editori per avere il diritto di pubblicare un loro link nella forma evoluta dello snippet. In altri termini, se possiedi un sito web che divulga informazioni, alla fine dell’iter attuativo della legge, potresti trovarti bloccato da facebook o da qualsiasi piattaforma internet. Perché?

Pagine