Piergiorgio Gawronski: stampare denaro, o l’Italia sarà distrutta

Stampa EuroIl rapporto Istat appena uscito prefigura un crollo di civiltà: la percentuale di concittadini in stato di «grave deprivazione» vola al 14,7. In soli sei anni il Pil pro capite è sceso dell’11,5%; nella graduatoria internazionale l’Italia passa dal 31°al 45°posto.

Anche il futuro è stato ipotecato: calano infatti la ricchezza (-12%), gli investimenti pubblici (dal 4 al 2,9% del Pil), la capacità produttiva (-16% nell’industria), gli studenti universitari (-17%); crescono il debito pubblico, il debito estero netto (28% del Pil, sul quale l’Italia paga 12 miliardi di interessi l’anno), i giovani senza lavoro (57% fra disoccupati e scoraggiati).

Perciò è essenziale a questo punto dire la verità.

La crisi non dipende dai nostri vizi storici, bensì – lo dicono i dati – da uno straordinario, diffuso timore di spendere i soldi.

Per uscirne non è perciò necessario «cambiare gli italiani» o la struttura economica: la depressione della domanda, notoriamente, si cura sostenendo crisila domanda. Terapia tutt’altro che difficile: basta spendere soldi; e i soldi… si stampano. Ma noi abbiamo consegnato le leve macroeconomiche all’Europa. E i trattati europei – concepiti per combattere l’inflazione (l’eccesso di domanda) – offrono ai liberisti europei un inopinato potere di veto su tutto ciò che di significativo si potrebbe e si dovrebbe fare. Perciò resta il problema di fondo, «noto e così riassumibile: l’Italia deve rimanere credibile sul terreno dei conti pubblici, ma deve dare prova concreta di discontinuità in chiave pro crescita» (Guido Gentili).

I semi di zucca prevengono i disturbi dell’apparato urinario

Semi di zuccaRicchi di proteine (18,7%) e carboidrati (24 %), i semi di zucca sono altresì ricchi di sali minerali, zinco e fosforo. Per quanto riguarda i principi attivi fondamentali contenuti in questi semi, troviamo le cucurbitine, i delta steroli, le fitosterine, le globuline vegetali, oltre alle vitamine F ed E.

Queste ultime svolgono un’azione protettrice delle membrane cellulari e un’azione antiossidante, specie la vitamina E abbinata al selenio, che nei semi di zucca è ben rappresentato.

A tali principi attivi è inoltre riconosciuta un’azione preventiva verso i disturbi dell’apparato urinario, sia maschile che femminile, come cistiti, infiammazioni della vescica causate dall’esposizione al freddo, debolezza e irritabilità della vescica (anche quella di origine nervosa), catarro vescicale, incontinenza, enuresi notturna.

La presenza dei semi di zucca nella dieta quotidiana può quindi costituire una buona prevenzione nei confronti di tutti questi disturbi. Inoltre, la cucurbitina vanta anche proprietà antiparassitarie, specie sulla tenia, della quale favorisce il distacco dalla parete intestinale, facilitandone così l’eliminazione.

Una volta essiccati, i semi di zucca possono essere spellati e mangiati crudi, oppure leggermente tostati o cotti al forno; sono un ottimo snack e si prestano ad essere serviti con gli aperitivi o per arricchire la prima colazione. Il decotto che se ne ricava, simile ad una orzata, concilia il sonno e lenisce anch’esso le irritazioni delle vie urinarie.

In Italia da oggi tutti i conti correnti sono monitorati dal fisco. Riflettiamo!

SpiataL’idea di tenere sotto controllo i conti degli italiani, esprimere l’incapacità e la disperazione di una intera classe politica ormai, non all'altezza, persino di formare un governo commissionato dai propri elettori, classe, che nel disperato tentativo di conservare le proprie ricche poltrone, presa dal panico, è persino incapace di riflettere sulle proprie decisioni.

In queste condizioni, non ci vuole certo la sfera di cristallo per prevedere il disastroso risultato che si manifesterà immediatamente.

L’attuazione di questo dispotico provvedimento, non sarà accettato dalla maggior parte degli italiani che vivono difficoltà economiche senza precedenti, e, che ormai nel proprio DNA hanno sufficiente anticorpi per difendersi da tali vessazioni che sapranno rimandare ai mittenti, nei fatti, i molteplici diversificati risultati, produrranno l’estinzione dei responsabili per autocombustione.

Infatti, persino i più cretini, hanno già intuito per ragioni meno pesanti, che l’astensione dal voto è il sistema più pacifico e indolore per disarcionare una politica che lavora per l’esclusivo proprio arricchimento, figuriamoci, cosa avverrà ora, a chi tenta di ficcare il naso nei propri risparmi, unica ancora di salvezza.

Pagine