Dalla Cina una bambola gonfiabile a forma di bambina. Scandaloso!

Clicca per ingrandireCosta 178 dollari, viene spedita dalla Cina, è una bambola gonfiabile a forma di bambina ed è venduta su DHgate – una delle maggiori piattaforme cinesi per la compravendita online di oggetti di ogni tipo – e, stando a quanto riportato dall’Huffington Post britannico ne sarebbero già stati venduti 57 esemplari e spediti a compratori negli Stati Uniti, Giappone, Gran Bretagna e Germania.

L’oggetto è presentato nella pagina come una “bellissima giovane bambola sessuale per gli uomini” e la descrizione sottolinea la “grande flessibilità” della bambola e il fatto che “tutti e tre i buchi possono essere usati”.

Un’associazione no profit, la Dining for Dignity, ha denunciato il prodotto con una campagna online: “Per favore, aiutateci a rimuovere questo e altri prodotti analoghi, perché questa negligenza va ad alimentare il traffico di esseri umani per il sesso, la pedofilia e gli stupri.

Dobbiamo alzare la voce e chiedere che si passi all’azione. Invita i tuoi amici a inondare i social media di DHgate con migliaia di messaggi di protesta. Dobbiamo proteggere i nostri bambini e l’ignoranza non è contemplata”.

In Lombardia diossina e policlorobifenili nelle uova di 23 allevamenti su 30

Uova alla diossinaDiossina e policlorobifenili (PCB) in misura superiore al limite consentito dalla legge europea nelle uova di 23 allevamenti su 30.

Sono questi i primi allarmanti risultati del Piano di monitoraggio del Ministero della Salute che prevede la verifica della presenza di sostanze contaminanti nelle uova e nel latte nei 57 siti inquinati di interesse nazionale (7 quelli lombardi).

Con il campione analizzato dall'Azienda Sanitaria Locale della Lombardia è emerso che nel 76% dei pollai d'allevamento lombardi, industriali o artigianali, sono state riscontrate sostanze cancerogene in misura superiore al limite consentito dalla legge europea (5 picogrammi per ogni grammo di grasso).

Le uova contengono diossina e policlorobifenili (PCB) in 23 pollai tra Milano, Sesto San Giovanni e la Provincia di Monza Brianza, in 15 allevamenti di Cerro al Lambro (MI) e in 9 di Mantova e dintorni (tre in città, due a Bigarello, uno a San Giorgio, Porto Mantovano, Marmirolo e Borgoforte).

Il monitoraggio sugli allevamenti rurali rientra nel piano triennale di controlli programmato dal Ministero della Salute per valutare la presenza di contaminanti in alimenti di origine animale (uova e latte) prodotti nelle zone a maggior impatto ambientale individuati come Siti di Interesse Nazionale (SIN). Entro la fine dell'anno si concluderà anche nelle aree di Milano Bovisa, Pioltello-Rodano e Brescia-Caffaro.

In Cina api e calabroni giganti causano decine di morti

Ape giganteCi troviamo in Cina, e vi parliamo di un fenomeno che si è verificato nella provincia dello Shaanxi, dove dei calabroni giganti hanno già causato 42 vittime.

Come potete vedere dalla foto sotto, queste vespe sono davvero enormi, il loro nome scientifico è “vespa mandarinia”, noti per la quantità di veleno che contengono nel pungiglione.

Ogni autunno queste vespe si riproducono e si sta cercando di contenere questo fenomeno tanto vero che sono già stati rimossi più di 300 nidi nelle aree residenziali.

Secondo gli esperti, questi calabroni sono i più grandi del mondo, e i loro attacchi si pensa siano dovuti all’aumento della temperatura negli ultimi mesi.

Pagine