Inquinamento

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Nelle Alpi e nell'Artico, gli esperti confermano la presenza di microplastica nella neve.

Negli ultimi anni, le particelle di microplastica sono state ripetutamente rilevate nell'acqua di mare, nell'acqua potabile e persino negli animali. Ma queste piccole particelle vengono anche trasportate dall'atmosfera e successivamente lavate via dall'aria, specialmente dalla neve - e persino in regioni remote come l'Artico e le Alpi. Lo ha dimostrato uno studio condotto da esperti dell'Istituto Alfred Wegener e un collega svizzero, recentemente pubblicato sulla rivista Science Advances. (1)

Il fatto che i nostri oceani siano pieni di rifiuti di plastica è ormai diventato una consapevolezza per tutti: anno dopo anno, diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica si fanno strada nei fiumi, nelle acque costiere e persino nel mare profondo dell'Artico. Grazie al movimento delle onde e ancora di più alla radiazione UV del sole, la lettiera viene gradualmente suddivisa in frammenti sempre più piccoli, chiamati microplastiche. Questa microplastica può essere trovata nei sedimenti marini, nell'acqua di mare e negli organismi marini che ingeriscono inavvertitamente. In confronto, ci sono state poche ricerche fino ad oggi per stabilire se, e in tal caso, in che misura le particelle di microplastica siano trasportate nell'atmosfera. Sono disponibili solo poche opere, ad esempio da ricercatori che sono stati in grado di confermare la presenza delle particelle nei Pirenei e nei pressi dei principali centri urbani in Francia e Cina.

Un team di esperti dell'Alfred Wegener Institute, Helmholtz Center for Polar and Marine Research (AWI) ha ora scoperto che le particelle di microplastica possono essere trasportate a grandi distanze dall'atmosfera e in seguito vengono spazzate via dall'aria dalle precipitazioni, in particolare dalla neve.

Plastica biodegradabile per modo di dire

Plastica biodegradabile per modo di dire

I produttori offrono sacchetti di plastica biodegradabili o compostabili, ma in molti casi queste affermazioni non sono state testate in ambienti naturali.

L'onnipresente sacchetto di plastica è utile per trasportare generi alimentari e altri oggetti dal negozio a casa. Tuttavia, questa convenienza mette a dura prova l'ambiente, con detriti di plastica che sporcano terra e corsi d'acqua.

Ora, i ricercatori segnalano nella scienza e tecnologia ambientale dell'American Chemical Society che le borse non si degradano in alcuni ambienti più velocemente del normale polietilene.

Secondo la Commissione europea, circa 100 miliardi di sacchetti di plastica entrano nel mercato dell'Unione europea ogni anno. Molti di questi vengono usati solo una volta e poi gettati via, buttati a terra o trasportati dal vento in laghi o oceani.

Oltre a risultare sgradevoli alla vista, i detriti di plastica possono danneggiare gli animali e gli ecosistemi.

Alcuni produttori di sacchetti offrono materie plastiche che si deteriorano a causa dell'azione dei microrganismi, mentre altri utilizzano materie plastiche oxo-biodegradabili contenenti additivi pro-ossidanti per accelerare il processo. Inoltre, le materie plastiche compostabili possono essere degradate dai microrganismi in condizioni gestite. Tuttavia, queste potenziali soluzioni al problema della plastica non sono state ben studiate in diversi ambienti per lunghi periodi di tempo.

In una ricerca, pubblicata su ACS Pubblicatios, (1) gli studiosi Imogen Napper e Richard Thompson hanno deciso di confrontare il degrado di diversi sacchetti di plastica in tre ambienti naturali per un periodo di 3 anni.

Le tendenze agricole globali minacciano la sicurezza alimentare

Le tendenze agricole globali minacciano la sicurezza alimentare

Agrumi, caffè e avocado: il cibo sui nostri tavoli è diventato più vario negli ultimi decenni. Tuttavia, Le tendenze agricole globali non riflettono questa tendenza.

Le monoculture stanno aumentando in tutto il mondo, occupando più terra che mai. Allo stesso tempo, molte coltivazioni dipendono dall'impollinazione di insetti e altri animali. Ciò pone un rischio maggiore per la sicurezza alimentare, come scrive un team di ricercatori con l'aiuto dell'Università Martin Luther di Halle-Wittenberg (MLU) sulla rivista Global Change Biology. (1) Per lo studio, gli scienziati hanno esaminato gli sviluppi globali dell'agricoltura negli ultimi 50 anni.

I ricercatori hanno analizzato i dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) sulla coltivazione di colture da campo tra il 1961 e il 2016. La loro valutazione ha dimostrato che vengono sempre più utilizzati terreni agricoli in tutto il mondo. Nel frattempo, 16 delle 20 colture in più rapida crescita richiedono l'impollinazione di insetti o altri animali.

Il professor Robert Paxton, (2) biologo della MLU e uno degli autori di questo studio, afferma: “solo pochi mesi fa, il World Biodiversity Council IPBES ha rivelato al mondo che fino a un milione di specie animali e vegetali sono state minacciate di estinzione, inclusi molti impollinatori. Ciò colpisce in particolare le api da miele che sono sempre più minacciate da agenti patogeni e pesticidi come pure le popolazioni di api selvatiche che sono in declino in tutto il mondo da decenni.”

Un minor numero di impollinatori equivale ad una flessione dei raccolti oppure, nei casi più gravi, a una totale mancanze di raccolti. Tuttavia, i rischi non sono distribuiti equamente in tutto il mondo. I ricercatori hanno utilizzato i dati della FAO per creare una mappa che mostra il rischio geografico di fallimento delle colture.

Pagine