ricerche

Eruzioni vulcaniche: inibiscono il recupero dell'ozono


Le forti eruzioni vulcaniche potrebbero interrompere i processi di recupero dell'ozono.

Da quando il buco nell'ozono antartico è stato rilevato nel 1985, il suo assottigliamento ha suscitato notevoli preoccupazioni. Gli sforzi delle comunità internazionali hanno portato al successo del “Protocollo di Montreal sulle sostanze che distruggono lo strato di ozono”, firmato nel 1987, che vietava la produzione e l'uso globale di clorofluorocarburi, la principale causa dell'ozono impoverito. Da allora, le sostanze che riducono lo strato di ozono (ODS) nella stratosfera sono state gradualmente cancellate ed è stata evitata un'ulteriore distruzione dell'ozono. Lo strato di ozono si è gradualmente ripreso dal basso verso l'alto e gli scienziati stimano che raggiungerà il livello degli anni '80 entro la metà di questo secolo.

“Tuttavia, forti eruzioni vulcaniche, specialmente quando esplode un super vulcano, avranno un forte impatto sull'ozono e potrebbero interrompere i processi di recupero dell'ozono”, afferma il professore associato Ke Wei dell'Istituto di fisica atmosferica, Accademia cinese delle scienze. Wei è l'autore corrispondente di un articolo recentemente pubblicato su Advances in Atmospher Sciences. (1)

Per stimare l'effetto di un possibile super vulcano sullo strato di ozono in via di recupero, il team di Ke Wei ha lavorato con scienziati russi e ha utilizzato un modello di trasporto e un modello chimico-climatico per simulare l'impatto delle eruzioni super vulcaniche sull'ozono stratosferico durante diversi periodi di recupero dell'ozono.

I risultati mostrano la percentuale dell'esaurimento totale globale medio dell'ozono. “metà livello di ODS degli anni '90” è stato di circa il 6% e la percentuale è del 6,4% nei tropici. Quando vengono rimossi tutti gli ODS antropogenici e rimangono solo le fonti naturali (principalmente CH3Cl e CH3Br), un'eruzione super vulcanica produce un impoverimento globale di ozono medio del 2,5%, con una perdita del 4,4% nei tropici.

Oceano analizzato nei suoi nuovi modelli di nutrienti


I nuovi modelli rappresentano una valida opportunità di prevedere i molti modi in cui ogni oceano risponderà in base all'evoluzione dei cambiamenti climatici.

Secondo un nuovo articolo di Science Advances, (1) per creare un set di dati più accurato, con l'obiettivo di alimentare i modelli oceanici globali, i ricercatori hanno raccolto specifici dati utilizzando tecniche altamente sensibili capaci di misurare il fosfato.

“Questo è un po' un campanello d'allarme per farci capire che, con l'avanzamento della tecnologia, dobbiamo aggiornare i dati e i processi sottostanti che alimentano i modelli oceanici. Questa modalità garantirebbe migliori previsioni”, ha dichiarato il dottor Mike Lomas, (2) ricercatore senior presso il Bigelow Laboratory for Ocean Sciences e autore del documento. “I modelli rappresentano la nostra migliore possibilità di prevedere i molti modi in cui gli oceani risponderanno in base all'evoluzione dei cambiamenti climatici.”

Il dottor Mike Lomas ha acquisito nuovi importanti elementi dai dati provenienti dalle misurazioni ad alta sensibilità. Le nuove informazioni rivelano che il fosfato nell'oceano di superficie è meno abbondante di quanto suggeriscano misure e modelli tradizionali. I ricercatori hanno anche scoperto modelli precedentemente sconosciuti dei livelli di fosfato nei principali bacini oceanici sia nell'Atlantico che nel Pacifico. Le alghe oceaniche dipendono dal fosfato minerale, che è essenziale per tutta la vita sulla Terra. I livelli più bassi di fosfato rappresentano una sfida per le alghe, che sono già destinate a soffrire poiché i cambiamenti climatici rendono più scarsi i nutrienti dell'oceano.

Artrosi: un chip 'imita' la malattia per escogitare terapie mirate

Artrosi un chip imita la malattia per escogitare terapie mirate

Un chip sofisticato, delle dimensioni di una moneta, in cui è possibile coltivare la cartilagine e che in seguito può essere sottoposto a stress meccanico tale da generare gli effetti dell'artrosi.

Questo è lo straordinario risultato raggiunto presso il laboratorio MiMic (Microfluidic e Biomimetic Microsystems) del Politecnico di Milano del dottor Marco Rasponi (1) del campus di Milano, coordinatore dello studio insieme al dottor Andrea Barbero (2) dell'Ospedale Universitario di Basilea.

Non solo ha prodotto il chip rivoluzionario ma, mentre il piccolo dispositivo era in fase di sperimentazione, lo studio, pubblicato su Nature Biomedical Engineering, (3) ha anche dimostrato che l'iperstimolazione meccanica della cartilagine sembra essere sufficiente per indurre la patologia correlata all'osteoartrosi, senza dover ricorrere alla somministrazione di molecole infiammatorie come era comune fare fino ad ora.

Infatti, un'appropriata compressione del tessuto cartilagineo può indurre sintomi tipici dell'osteoartrosi (OA): infiammazione, ipertrofia e un'accelerazione dei processi degenerativi. Pertanto, nella cartilagine “su chip” si crea un ambiente ideale in cui testare l'efficacia e i meccanismi dei trattamenti farmacologici, abbreviando i tempi e i costi della sperimentazione e riducendo al contempo la necessità di test sugli animali.

Pagine