ricerche

Nel 2015 i batteri multiresistenti hanno provocato 33mila morti nell'UE

Il settore medico avverte costantemente del pericolo di un consumo eccessivo o inappropriato di antibiotici che rende i batteri resistenti

Secondo gli autori dello studio, l'impatto delle infezioni da batteri è paragonabile all'effetto cumulativo di influenza, tubercolosi e virus dell'AIDS nello stesso periodo.

Secondo i calcoli di ricercatori europei pubblicati sulla rivista The Lancet Infectious Diseases,(1) i batteri resistenti agli antibiotici sono stati responsabili della morte di 33.110 persone nell'Unione europea nel 2015.

I ricercatori hanno sviluppato un modello di calcolo per cinque tipi di infezioni sulla base dei dati della rete europea di sorveglianza EARS (European Antimicrobial Resistance Surveillance Network). Per il 2015, è stato calcolato che il numero di persone infette erano 671,689 e il numero di decessi attribuibili a batteri multiresistenti ammontavano a 33.110 individui.

Gli autori della ricerca paragonano l'impatto all'effetto cumulativo di influenza, tubercolosi e virus dell'AIDS calcolato nello stesso periodo. La maggior parte dei decessi causati da batteri colpisce bambini sotto i 12 e gli adulti sopra i 65 anni. L'impatto in termini di mortalità è più alto in Italia e in Grecia (nel primo si concentra più di un terzo dei decessi), secondo lo studio.

Il settore medico avverte costantemente del pericolo di un consumo eccessivo o inappropriato di antibiotici che rende i batteri resistenti.

Un team australiano ha evidenziato a settembre la pericolosa diffusione di batteri resistenti a tutti i farmaci esistenti, lo Staphylococcus epidermidis, che può causare gravi malattie e morte ed è correlato allo Stafilococco aureo resistente alla meticillina (MRSA).

Come stimolare i bambini a praticare sport

Esaminato l'impatto di meccanismi sociali come la reciprocità e la cooperazione di gruppo sul motivare bambini di 9-11 anni a praticare più sport

Usare le leve sociali per spronare i bambini all’attività fisica.

È quanto emerge da uno studio cui ha partecipato una ricercatrice del Cnr-Istc, pubblicato su Nature Human Behaviour e condotto dal Jrc della Commissione europea. Le femmine sono più stimolate dalle migliori amiche, i maschi da gioco in squadreSecondo l’International Association for the Study of Obesity, in Europa un bambino su tre è obeso o sovrappeso.

Ma qual è il modo migliore per motivare i giovani a fare più attività fisica, che aiuta a dimagrire e a prevenire le malattie associate alla sedentarietà?

Un recente studio di cui è coautrice Eugenia Polizzi, ricercatrice dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc), ha esaminato l'impatto di meccanismi sociali come la reciprocità e la cooperazione di gruppo sul motivare bambini di 9-11 anni a praticare più sport. Il lavoro, pubblicato su Nature Human Behaviour, è coordinato dal Joint Research Center della Commissione europea in collaborazione con l’Università di Cambridge.

A 350 bambini di 15 scuole elementari italiane è stato chiesto di indossare quotidianamente per sette settimane un accelerometro che permette di registrare i movimenti del corpo. L’attività fisica rilevata veniva trasformata in punti, che alla fine dello studio potevano essere scambiati con premi, assegnati in base all’attività svolta dal bambino (incentivi individuali), oppure a quella dei loro migliori amici e collettivamente all’interno di squadre (incentivi sociali). In queste ultime due condizioni, più i loro amici si muovevano, più i bambini ricevevano punti.

Nuove importanti ricerche per l'informatica quantistica

Gli scienziati mirano a ottenere un gate a fase controllata per due qubit fotonici che possono essere implementati su una piattaforma a semiconduttore

I professori Ku e Steel stanno applicando le loro competenze per intraprendere i prossimi passi chiave verso l'informatica quantistica pratica

I ricercatori in ingegneria elettrica e informatica stanno applicando la loro esperienza e creatività per migliorare la nostra capacità di utilizzare la tecnologia quantistica al fine di migliorare le comunicazioni, le potenzialità di calcolo, di elaborazione delle informazioni e della misurazione di precisione.

I professori Pei-Cheng Ku(1) e Duncan Steel(2) sono i due principali ricercatori dell'Università del Michigan coinvolti nel progetto, "Two-Photon Quantum Photonic Logic Gates Enabled by Photonic Bound States",(3) sostenuti dalla National Science Foundation e con sede presso la Washington University di St. Louis.

I ricercatori mirano a creare un nuovo approccio per ottenere un gate a fase controllata per due qubit fotonici che possono essere implementati su una piattaforma a semiconduttore. Il loro successo finale comporterà un significativo passo avanti nella realizzazione del pieno potenziale del calcolo quantico.

Le operazioni con un singolo qubit sono state raggiunte, ma non sono sufficienti per sfruttare il potenziale potere computazionale dell'elaborazione dell'informazione quantistica. Mentre le porte logiche fotoniche a due qubit sono state dimostrate teoricamente, la loro implementazione non è pratica né finanziariamente né tecnicamente.

Pagine