Barriere coralline

Nuova specie di pesce a Zanzibar

Nuova specie di pesce a Zanzibar

A Zanzibar, nelle barriere mesofotiche profonde e poco conosciute, è stato individuato un nuovo pesce, il Vibranium Fairy Wrasse che incanta con le sue squame viola.

In Africa sono stati individuati nuovi esemplari, di una specie di pesce con una colorazione viola, che abitano a più di 80 metri sotto la superficie dell'oceano. Scienziati esperti di immersioni, seguendo il progetto Hope for Reefs della California Academy of Sciences e dell'Università di Sydney, hanno avvistato degli esemplari - in precedenza sconosciuti alla scienza - nelle scarsissime barriere coralline mesofotiche situate della zona orientale di Zanzibar, al largo della costa della Tanzania. I poligoni multicolori sfoggiano squame pigmentate di un colore viola intenso. Gli scienziati chiamano questa area “twilight zone”, mentre l'abitante della barriera corallina Cirrhilabrus wakanda (nome comune “Vibranium Fairy Wrasse”) in onore della mitica nazione di Wakanda dei fumetti della Marvel Entertainment e del film Black Panther. Il nuovo pesce è stato descritto su ZooKeys. (1)

Il signor Yi-Kai Tea, autore principale e studente di dottorato di ittiologia dell'Università di Sydney, si esprime: “quando abbiamo pensato alla natura segreta e isolata di queste inesplorate barriere africane, sapevamo che dovevamo dare il nome a questa nuova specie. Abbiamo saputo di altre specie imparentate nell'Oceano Indiano, ma la nostra convinzione è che doveva esistere una specie scomparsa lungo il bordo orientale del continente. Quando ho visto questo incredibile pesce viola, ho capito subito che avevamo a che fare con il pezzo mancante del puzzle.”

Gli scienziati dell'Accademia sostengono che la remota casa del Cirrhilabrus wakanda nelle barriere coralline mesofotiche - al di sotto dei limiti delle immersioni ricreative - probabilmente ha contribuito al loro status di lunga data nascosto nell'ombra dell'Oceano Indiano.

Rivalutare gli obiettivi climatici per le barriere coralline

Rivalutare gli obiettivi climatici per le barriere coralline

Esperti delle barriere coralline di tutto il mondo chiedono una rivalutazione urgente degli obiettivi climatici alla luce delle crescenti prove di una velocità di cambiamento negativo senza precedenti di questi fragili ecosistemi.

Le barriere coralline, che sono rimaste relativamente invariate per circa 24 milioni di anni, stanno attraversando profondi cambiamenti nella loro composizione.

In uno speciale rapporto di Functional Ecology, alcuni dei maggiori esperti di barriera corallina del mondo hanno posto dei quesiti mirati sulle priorità da attuare per la loro conservazione con lo scopo di trovare adeguati protocolli ecologici. Questo atteggiamento è stato imposto dopo i recenti e rapidi cambiamenti del clima, che hanno ormai superato di gran lunga le previsioni.

Gli scienziati affrontano questioni come il modo in cui dovremmo effettivamente definire ciò che comprende una barriera corallina funzionante nell'Antropocene, (1) un'era in cui gli umani sono stati la forza dominante del cambiamento planetario.

Il clima del mondo si trasforma: le temperature tropicali si spostano verso i poli consentendo ai coralli di crescere in nuove località geografiche. Essi riscaldano gli oceani in alcuni punti del pianeta e crescono in acque più fredde precedentemente inospitali.

Di fronte a questi mutamenti, come reagiscono gli scienziati ambientali?