Trial clinici

I pistacchi sono ideali per controllare la glicemia

PistacchiLa frutta secca ha tante proprietà importanti, nonostante sia molto calorica. Torniamo ancora una volta a parlare dei pistacchi, già eletti tempo fa lo snack ideale per perdere peso o mantenere la linea. Secondo una nuova ricerca pubblicato dall’European Journal of Clinical Nutrition, i pistacchi sono in grado di controllare la glicemia.

Alcuni ricercatori del Canada hanno notato che questo tipo di frutta secca, nelle giuste proporzioni, agisce sul valore della glicemia. Per giungere a questa tesi hanno preso in considerazione un gruppo di adulti in sovrappeso, ma senza problemi di salute.

Durante i test, le persone hanno consumato pistacchi in abbinamento con dei carboidrati (per l’esattezza pane bianco). I volontari sono stati divisi in tre gruppi e la dieta differenziava nella dose di frutta secca: 28, 56 e 84 grammi.

È emerso che maggiore era il consumo di pistacchi, ridotta era la risposta glicemica. Stando alle analisi, c’era una riduzione del 40 percento, se i pistacchi erano mangiati con il pane, rispetto al 20 percento dato dal solo consumo della pasta o del pane. Il dato quindi arrivava al raddoppio. Donatella Caruso, professore di biochimica all’Università degli Studi di Milano, ha dichiarato:

Molti cadono in depressione perché si alimentano con cibo spazzatura

Cibo spazzaturaSecondo un recente studio degli scienziati dell’Università di Las Palmas e dell’Università di Granada chi mangia cibo spazzatura ha il 51% di probabilità in più, rispetto a chi non ne mangia, di cadere in depressione. La ricerca è pubblicata sulla rivista Public Health Nutrition

Secondo la ricerca è possibile osservare anche un effetto legato alla velocità con cui si consumano i cibi: tanto più si consumano velocemente maggiore è il rischio di cadere in depressione.

Il soggetto tipo delineato dalla ricerca è single, conduce una vita poco attiva, ha cattive abitudini alimentari, fuma e lavora più di 45 ore a settimana.

inoltre gli scienziati hanno dimostrato che anche mangiare cibo spazzatura in piccole quantità aumenta la probabilità di sviluppare la depressione.

Il campione dello studio apparteneva al Progetto SUN dell’Università di Navarra. Si trattava di 8.964 partecipanti cui non era mai stata diagnosticata la depressione e che non avevano mai fatto uso di antidepressivi. Sono stati valutati per un periodo medio di sei mesi e a 493 è stata diagnosticata la depressione o ha iniziato a prendere antidepressivi.

Alcuni antibiotici causano il distacco della retina

Distacco della retinaUna classe di antibiotici comune è legato a un più alto rischio del cosiddetto distacco di retina, vale a dire quando il tessuto sensibile alla luce negli occhi si separa da gel che riempie il bulbo oculare.

Lo sostiene un nuovo studio canadese. Le persone trattate dagli oculisti in condizioni di emergenza avevano cinque volte più probabilità di assumere farmaci noti come fluorochinoloni, che includono la ciprofloxacina (commercializzata con nomi come Zoxan, Proquin e Cipro) e la Levofloxacina (Levaquin, Cravit), rispetto a quelli che non hanno avuto distacco di retina.

"Sappiamo che questi farmaci sono tossici per il tessuto connettivo e della cartilagine", ha detto Mahyar Etminan, autore principale dello studio, sottolineando studi precedenti che collegano fluorochinoloni con danni al tendine d'Achille e ai tendini della spalla. "Abbiamo voluto vedere se questo danno può anche avvenire in un occhio, perché c'è un sacco di tessuto connettivo negli occhi”.

Il distacco della retina, che inizia con la comparsa di linee, punti o "floater" attraverso l'occhio, può causare cecità permanente, in alcuni casi, se non è trattata chirurgicamente in pochi giorni.

Etminan e i suoi colleghi hanno utilizzato dati provenienti da registri di trattamento dei medici del British Columbia, che ha visto tra il 2000 e il 2007 - quasi un milione di pazienti. Comprendeva circa 4.400 persone con diagnosi di distacco di retina quando erano in media di 61 anni.

Pagine