Finestra critica per la reinfezione da HIV


Finestra critica per la reinfezione da HIV dopo trapianto di cellule staminali

Gli scienziati hanno identificato una finestra temporale critica dopo un trapianto di cellule staminali allogeniche, durante il quale le cellule donatrici in espansione potrebbero essere particolarmente vulnerabili al reseeding del serbatoio dell'HIV.

Finora, il trapianto di cellule staminali allogeniche per il trattamento di gravi tumori del sangue è stato l'unico intervento medico ad aver curato almeno tre persone infette dal virus HI (HIV). Non è ancora chiaro perché questa procedura non sia stata in grado di curare con successo altri pazienti con infezione da HIV. In uno studio, pubblicato da Science Translational Medicine (1) con 16 persone con infezione da HIV, gli scienziati del Centro medico universitario Hamburg-Eppendorf (UKE), il Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni (DZIF) e l'Institut Pasteur di Parigi hanno identificato una finestra temporale critica dopo un trapianto di cellule staminali allogeniche, durante il quale le cellule donatrici in espansione potrebbero essere particolarmente vulnerabili al reseeding del serbatoio dell'HIV.

Alcune persone con HIV devono sottoporsi a un trapianto di cellule staminali allogeniche per curare diversi tipi di tumore del sangue. La maggior parte delle cellule immunitarie del paziente viene eliminata durante questi trapianti. Le cellule staminali di un donatore sano vengono quindi utilizzate per sostituire il midollo osseo danneggiato del paziente e ripristinare il sistema immunitario.

La dottoressa Johanna Eberhard, (2), prima autrice dello studio, dichiara: «Nelle prime settimane dopo un trapianto di cellule staminali allogeniche, durante il quale le cellule del donatore e le cellule del paziente esistono ancora insieme, le cellule T CD4 + ( “cellule helper” ) sono state fortemente attivate. Questa attivazione potrebbe promuovere la riattivazione del virus HI e il reseeding dell'infezione nell'espansione delle cellule T donatrici di CD4 +.»

In collaborazione con i ricercatori dell'Istituto Pasteur, la dottoressa Johanna Eberhard ha scoperto che dopo questo periodo si sono sviluppate nuove risposte specifiche delle cellule T alle proteine dell'HIV da cellule donatrici. «Ciò indica che le cellule donatrici erano in contatto con virus HI durante la loro espansione e avevano imparato a reagire contro di esse. Ciò conferma l'esistenza di una “finestra di vulnerabilità” durante la quale può verificarsi un'infezione delle cellule donatrici», ha affermato la dottoressa Johanna Eberhard.

«Insieme ai risultati di studi precedenti, questi risultati mostrano un punto debole che potrebbe spiegare perché i trapianti di cellule staminali allogeniche potrebbero non rimuovere completamente il virus dal corpo, nonostante una drastica riduzione del numero di cellule infette. Un'ulteriore immunoterapia o terapia genica può essere tenuto a raggiungere un controllo spontaneo e continuo dell'infezione da HIV nelle persone con HIV dopo trapianto di cellule staminali allogeniche», ha affermato il co-autore dello studio, il Professore associato Dr. Julian Schulze zur Wiesch, (3) medico senior presso la clinica medica e il policlinico del Regno Unito, che svolge ricerche con il suo gruppo di lavoro presso il Centro tedesco di ricerca sulle infezioni su argomenti relativi alla cura HIV.

Lo studio è uno dei progetti realizzati dal consorzio internazionale IciStem, che dal 2014 ricerca i meccanismi che portano a una riduzione riuscita del serbatoio dell'HIV dopo il trapianto di cellule staminali allogeniche. Il consorzio IciStem ha condotto uno studio osservazionale dal 2014, che comprende pazienti infetti da HIV che necessitano di un trapianto di cellule staminali allogeniche a causa di una grave malattia ematologica. Il consorzio IciStem è costituito da un gruppo di esperti europei che comprende ematologi, infettori, virologi e immunologi. (4)

Riferimenti:

(1) Vulnerability to reservoir reseeding due to high immune activation after allogeneic hematopoietic stem cell transplantation in individuals with HIV-1

(2) Johanna Eberhard

(3) Julian Schulze zur Wiesch

(4) IciStem Consortium

Descrizione foto: immagine microscopica elettronica a scansione di una cellula T infetta da HIV (gialla) (rossa). - Credit: NIAID.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Critical window for re-infection with HIV after stem cell transplantation

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.