Ecologia

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Per la prima volta i ricercatori hanno stilato una mappa globale dei luoghi nel mondo in cui si potrebbero piantare nuovi alberi con lo scopo di migliorare il clima.

Il Crowther Lab dell'ETH di Zurigo studia soluzioni naturali per contrastare i cambiamenti climatici. Nel loro ultimo studio, pubblicato da Science, (1) i ricercatori hanno mostrato per la prima volta dove nel mondo potrebbero crescere nuovi alberi e quanto carbonio avrebbero immagazzinato.

Jean-François Bastin, (2) autore principale e post dottorato del Crowther Lab, spiega: “abbiamo stilato un progetto in cui si è valutata l'esclusione delle città o delle aree agricole dalla lista delle zone idonee al ripristino boschivo perché sono luoghi peculiari per la vita degli esseri umani.”

I ricercatori hanno calcolato che, in base alle attuali condizioni climatiche, le aree della Terra potrebbero supportare 4,4 miliardi di ettari di copertura continua di alberi. Questa stima corrisponde a 1,6 miliardi in più rispetto ai 2,8 miliardi di ettari attualmente esistenti. Di questi 1,6 miliardi di ettari, 0,9 miliardi di ettari soddisfano il criterio di non essere usati dalle attività umane. Ciò significa che attualmente esiste un'area grande quanto gli Stati Uniti disponibile per la riforestazione. Una volta cresciute, queste nuove foreste potrebbero immagazzinare 205 miliardi di tonnellate di carbonio: circa due terzi dei 300 miliardi di tonnellate di carbonio che sono state rilasciate nell'atmosfera a causa dell'attività umana dalla rivoluzione industriale.

Il Professor Thomas Crowther, (3) coautore dello studio e fondatore del Crowther Lab all'ETH di Zurigo, spiega: “sapevamo tutti che il ripristino delle foreste potrebbe avere un ruolo nell'affrontare il cambiamento climatico, ma non sapevamo quanto fosse grande l'impatto. Il nostro studio mostra chiaramente che la riforestazione è la migliore soluzione oggi disponibile per contrastare i cambiamenti climatici, ma dobbiamo agire rapidamente perché le nuove foreste impiegheranno decenni per maturare e raggiungere il loro pieno potenziale come fonte di stoccaggio naturale del carbonio.”

Una popolazione di Koala senza clamidia

Una popolazione di Koala senza clamidia

L'ultima grande popolazione di koala sani senza clamidia in Australia potrebbe essere stata identificata sull'isola di Kangaroo.

Questa è l'ipotesi avanzata dai ricercatori finanziati dalla Morris Animal Foundation all'Università di Adelaide.

La clamidia rappresenta una seria minaccia per la specie. Essa contribuisce a una drastica riduzione della popolazione e il team spera che i koala dell'isola del canguro (Kangaroo Island - KI) possano rappresentare una garanzia contro ulteriori perdite e persino l'estinzione. Il team ha pubblicato questa scoperta nella rivista scientifica Nature Reports. (1)

La dottoressa Natasha Speight, studiosa dei koala e docente presso la Scuola di Scienze animali e veterinarie dell'Università di Adelaide, suggerisce: “questo è un risultato molto importante se si calcola le elevate proporzioni di diffusione della malattia da clamidia. Gli sforzi per combatterla finora non hanno avuto successo.”

La Chlamydia pecorum è un'infezione batterica dei koala che viene trasmessa principalmente a livello sessuale, ma può anche essere diffusa a stretto contatto, anche dalle madri ai piccoli di koala. Si sviluppa come congiuntivite che può portare alla cecità e infezioni del tratto urinario. L'infezione può propagarsi ai reni e al tratto riproduttivo, causando infertilità. La clamidia è una malattia che porta alla morte.

La dottoressa Jessica Fabijan, (2) autrice principale e ricercatrice presso l'Università di Adelaide, dice: “l'impatto della clamidia sulle popolazioni di koala in parti dell'Australia è devastante, con alti livelli di grave diffusione, decessi e infertilità. Quest'ultima popolazione libera dalla clamidia rappresenta una garanzia per il futuro della specie. Potremmo aver bisogno dei nostri koala della Kangaroo Island (KI), situata al largo dell'Australia Meridionale, a sud-ovest di Adelaide, per ripopolare altre popolazioni in declino.”

Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Secondo alcuni studi, con l'età le foreste negli Stati Uniti orientali e in Canada diventano meno vulnerabili ai cambiamenti del clima.

Una nuova ricerca dell'Università del Vermont sostiene che le foreste più vecchie nell'America settentrionale e orientale sono meno vulnerabili ai cambiamenti climatici rispetto alle foreste più giovani, in particolare per lo stoccaggio di carbonio, la produzione di legname e la biodiversità.

Lo studio, pubblicato da Global Change Biology, (1) ha analizzato come i cambiamenti climatici influenzeranno le foreste degli Stati Uniti orientali e del Canada. Secondo la ricerca, l'aumento dell'età aiuta a salvaguardare le foreste dai cambiamenti climatici.

Il dottor Dominik Thom, (2) autore principale e ricercatore postdottorato della UVM's Rubenstein School of Environment and Natural Resources di UVM e Gund Institute for Environment, (3) afferma: “questo studio dimostra che le foreste più vecchie dell'Alto Midwest nel New England sono eccezionalmente resistenti al clima. Abbiamo constatato che i servizi essenziali sono protetti meglio dai cambiamenti climatici da parte delle foreste più vecchie. Questo fenomeno è una pietra miliare nel dibattito su come preparare le nostre foreste per le incerte condizioni ambientali che ci attendono.”

Analizzando grandi quantità di dati sul campo provenienti da 18.500 appezzamenti di foreste - dal Minnesota al Maine e dal Manitoba alla Nuova Scozia - lo studio identifica le regioni prioritarie per gli sforzi di adeguamento al clima delle foreste. Le foreste più giovani situate a est e sud-est dei Grandi Laghi erano meno resistenti ai cambiamenti climatici, mostrando un calo previsto dello stoccaggio del carbonio, del legname e della biodiversità.

Pagine