Booking.com

Ecologia

Gli indigeni sono i migliori custodi delle foreste


Gli indigeni sono i principali esperti della gestione sostenibile delle foreste, un elemento chiave nelle strategie per proteggere il clima.

E così le popolazioni indigene hanno finalmente ottenuto un riconoscimento al vertice internazionale sul clima tenutosi a San Francisco lo scorso mese di settembre.

Nuovi "principi guida" per la collaborazione sostenuti da tre dozzine di province e stati tropicali in nove paesi rafforzano i diritti degli indigeni alla terra, all'autogoverno e la alla gestione delle risorse finanziarie per la salvaguardia delle foreste.

"La partnership tra governi e leader indigeni segna un cambio di paradigma nell'impegno tribale e indigeno", ha commentato Mary Nichols, presidente del Consiglio delle risorse aeree della California, al Global Climate Action Summit. Fino ad oggi, le comunità native nelle foreste dell'America Latina, dell'Africa e dell'Asia hanno visto le loro terre ancestrali degradate e distrutte - a volte con la benedizione dei governi locali o nazionali - da parte delle industrie estrattive (petrolio, oro) e dalla grande agricoltura (soia, palma olio, bestiame).

Persino gli sforzi delle Nazioni Unite per coinvolgere le popolazioni indigene nella prevenzione della deforestazione si sono manifestate "in un contesto di violazioni dei diritti, deportazione e espropriazione, minacce e vessazioni nei territori indigeni e repressione e assassinio di attivisti ambientali da parte di forze statali e private", come sostiene il Centro per la ricerca forestale internazionale (CIFOR). Almeno 207 ambientalisti, metà delle tribù indigene delle foreste tropicali, sono stati assassinati nel 2017, secondo Global Witness.

Scoperte in Cile 50 nuove specie

Ricercatori cileni hanno creato una catalogo di biodiversità determinato l'esistenza di circa 50 nuove specie nel nord del Cile, tra cui insetti e aracnidi

L'inventario più ambizioso di biodiversità fatto in Cile ha già scoperto 50 nuove specie, tra cui insetti, aracnidi e scorpioni.

Scoperte cinquanta specie endemiche (uniche al mondo), descritte dagli scienziati e non ancora pubblicate su riviste specializzate. Questi sono i primi risultati di un anno e mezzo di lavoro dell'Inventario Nacional de Biodiversidad, iniziativa del Sistema integrato di monitoraggio dell'ente Ecosistemas Forestales Nativos de Chile (Simef),(1) supportato tecnicamente dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ) e il finanziamento dello Stato e del Global Environment Facility (GEF).

L'inventario cerca di specificare la quantità di specie che popolano il Cile. È la prima volta che viene eseguita con copertura nazionale e focalizzata sulle categorie di mammiferi, invertebrati, rettili e uccelli, associati agli ecosistemi vegetali terrestri nativi del Cile.

I primi risultati hanno già determinato l'esistenza di circa 50 nuove specie nel nord del Cile, tra cui ci sono insetti e aracnidi mai descritti prima. La raccolta dei dati, iniziata a gennaio 2017, è stata effettuata principalmente in aree protette dal governo con poche alterazioni e grande biodiversità. I responsabili dell'esecuzione di questa funzione sono stati i ricercatori dell'universita cilena La Serena(2) che hanno visitato parchi, monumenti nazionali e aree di conservazione prioritarie del nord.

Jaime Pizarro-Araya,(3) ricercatore del Laboratorio di Entomologia Ecologica dell'Università di La Serena e uno degli scienziati che partecipano al progetto, afferma di aver avuto la fortuna di coordinare il lavoro proprio nel deserto fiorito. Nel 2018 i ricercatori sono tornati nel Parco Nazionale di Llullaillaco alla ricerca di più materiali per sviluppare le descrizioni di nuove specie, ma le condizioni ambientali hanno impedito loro di lavorare normalmente, poiché hanno incontrato temperature da -15 ° e venti estremi.

L’83% dei mammiferi selvatici è scomparso. I dati della catastrofe causata dall'uomo

L’83% dei mammiferi selvatici è scomparso. I dati della catastrofe causata dall'uomoÈ uscita una recente ricerca sulla vita sulla Terra, che può lasciarci senza fiato. Rivela quanto sia piccola la nostra umanità, ma quanto sia stato sproporzionatamente grande l’impatto che gli esseri umani hanno prodotto sulla terra.

Il 60% dei mammiferi ormai è costituito da bestiame di allevamento. Nella foto: Allevamento di bovini nel Mato Grosso, in Brasile (Daniel Beltra / Greenpeace).

Questa valutazione sulla vita del pianeta, rivela, allo stesso tempo, quanto sia insignificante l’Umanità comparandola con il suo impatto esercitato nel grande schema della vita terrestre.

Secondo questo studio, i 7,6 miliardi di persone che oggi vivono nel mondo rappresentano solo lo 0,01% di tutti gli esseri viventi, malgrado ciò, dagli albori della sua civiltà, l’umanità ha provocato la scomparsa dell’83% di tutti i mammiferi selvatici e della metà delle piante viventi, mentre domina su tutto il bestiame che serve all’alimentazione degli umani.

Questa ricerca è la prima stima completa sul peso percentuale esercitato da ciascuna classe di creature viventi e ribalta certi presupposti che finora ci avevano sempre accompagnato. In sintesi i batteri sono una forma di vita veramente importante – il 13% del totale – ma le piante oscurano tutto il resto e rappresentano l’82% di tutta la materia vivente. Tutte le altre creature, dagli insetti ai funghi, ai pesci e agli animali, costituiscono solo il 5% della biomassa mondiale.

Pagine