Ecologia

Termiti laboriose fondamentali per gli ecosistemi

Termiti laboriose fondamentali per gli ecosistemi

Nell'ambiente naturale, le termiti fanno parte di un intero sistema ecologico. Il loro ruolo è aiutare a trasformare gli alberi morti in preziosa materia organica.

Un recente studio, pubblicato su Soil Science Society of America Journal, (1) ha dimostrato che l'attività delle formiche termiti nei suoli delle zone umide può aiutare a migliorare la struttura del terreno e il contenuto di nutrienti.

La dottoressa Deborah S. Page-Dumroese (2) e i suoi colleghi hanno studiato vari tipi di sistemi di lettiera nella Carolina del Sud orientale. “I microrganismi e le termiti sono i principali agenti di decomposizione del legno nelle foreste degli Stati Uniti sudorientali”, afferma la ricercatrice.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i letti di piantagione rialzati su terreni scarsamente drenati migliorano notevolmente la sopravvivenza e la crescita delle piantine seminate. Il gruppo di ricerca della dottoressa Deborah S. Page-Dumroese ha dimostrato che anche la lettiera nelle zone umide potrebbe rappresentare una buona pratica di gestione.

La dottoressa Deborah S. Page-Dumroese, è una scienziata presso l'USDA Forest Service, Rocky Mountain Research Station, nell'Idaho. Ha lavorato con membri del team nel Michigan e nella Carolina del Sud. Ella sostiene: “Le zone umide fanno parte del servizio forestale. Ci sono molte zone umide boscose all'interno delle foreste nazionali, in particolare nel nord e nel sud-est, ma ce ne sono anche alcune nell'ovest montuoso.”

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88 per cento a causa dello sfruttamento eccessivo e della perdita dei fiumi a flusso libero.

Fiumi e laghi coprono circa l'uno percento della superficie terrestre, ma ospitano un terzo di tutte le specie di vertebrati in tutto il mondo. Allo stesso tempo, la vita in acqua dolce è fortemente minacciata. Scienziati dell'Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e della pesca nelle acque interne (IGB) e colleghi internazionali hanno ora quantificato il declino globale dei grandi animali d'acqua dolce: dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88% - il doppio della perdita di popolazioni di vertebrati a terra o nell'oceano. Le specie ittiche di grandi dimensioni sono particolarmente colpite. Eppure permangono grandi lacune nelle azioni di monitoraggio e conservazione delle megafauna di acqua dolce, in particolare nelle aree con alti livelli di biodiversità.

Le megafauna d'acqua dolce comprendono tutti gli animali d'acqua dolce che pesano almeno 30 chilogrammi, come le specie di delfini di fiume, castori, coccodrilli, tartarughe giganti e storioni. Gli scienziati hanno raccolto i dati disponibili delle serie temporali per 126 specie di megafauna d'acqua dolce in tutto il mondo, nonché i dati storici e contemporanei sulla distribuzione geografica di 44 specie in Europa e negli Stati Uniti.

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

A causa del surriscaldamento globale, gli ecosistemi marini subiranno riduzioni sia della biomassa che della biodiversità. Le comunità marine dovranno attuare delle strategie per il futuro basate sulle tendenze climatiche piuttosto che sui dati storici.

Un nuovo studio suggerisce come gli ecosistemi marini di tutto il mondo stiano sperimentando temperature oceaniche insolitamente alte più frequentemente di quanto i ricercatori si aspettassero in precedenza. Questi eventi di riscaldamento, comprese le ondate di calore marine, stanno sconvolgendo gli ecosistemi marini e le persone che dipendono da loro.

Il dottor Andrew Pershing, (1) Chief Scientific Officer presso il Gulf of Maine Research Institute, ha guidato lo studio, intitolato “Sfide per le comunità naturali e umane a causa di temperature oceaniche sorprendenti” (Challenges to natural and human communities from surprising ocean temperatures) e pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS). (2)

Come parte di questo nuovo studio, il dottor Pershing, la cui ricerca aveva precedentemente identificato il Golfo del Maine come uno degli ecosistemi a riscaldamento più rapido nell'oceano globale, ha osservato tendenze di riscaldamento simili in tutto il mondo.

Il dottor Andrew Pershing e i suoi colleghi hanno esaminato 65 grandi ecosistemi marini dal 1854-2018 per identificare la frequenza delle temperature oceaniche.

Pagine