Ecologia

I cambiamenti climatici danneggiano il caffè

I fenomeni estremi causati dai cambiamenti climatici indicano un futuro preoccupante per i raccolti del caffè di tutto il mondo

Gli eventi estremi causati dai cambiamenti climatici comprometteranno i raccolti del caffè in tutto il mondo

Cosa faremmo senza caffè in queste fredde e oscure mattine di gennaio? A parte l'acqua del rubinetto, il caffè è la bevanda più consumata d'America. Grazie al caffè 1,7 milioni di persone hanno un lavoro retribuito. Ma poiché i cambiamenti climatici provocano ondate di calore, siccità e epidemie in tutto il mondo, le nostre bevande preferite sono a rischio.

Secondo un rapporto del Centro internazionale per l'agricoltura tropicale (CIAT), circa metà della terra produttrice di caffè nel mondo diventerà sterile entro il 2050.

Il riscaldamento danneggerà in particolare l'Arabica di qualità superiore, che per una crescita ottimale ha bisogno di una temperatura tra i 17 e i 21 gradi Celsius.. L'arabica rappresenta circa i due terzi (1) della produzione mondiale di caffè, ma è limitata agli altipiani subtropicali situati in Brasile, nell'America centrale e nell'Africa orientale. Il chicco di robusta di bassa qualità è più resistente al calore, anche se meno tollerante delle principali oscillazioni di temperatura e precipitazioni. Entrambe le specie soffrono di parassiti come la piralide della bacca del caffè, che causa annualmente danni per oltre 500 milioni di dollari (2) e si sta diffondendo in tutto il mondo.

I fenomeni estremi causati dai cambiamenti climatici nel 2014 indicano un futuro preoccupante. La siccità ha colpito il Brasile e il Vietnam, i due principali produttori di caffè al mondo, riducendo i rendimenti. Una regione brasiliana ha subito solo il 10 per cento delle precipitazioni piovose tipiche della stagione umida. Nel frattempo, il calore elevato e le forti piogge hanno intensificato un focolaio di funghi di ruggine delle foglie in America centrale, causando perdite per 250 milioni di dollari in mancata produzione. Il risultato: un quasi raddoppio dei prezzi dei semi di Arabica in un solo anno.

Tagliare le nostre emissioni di gas serra potrebbe ridurre queste conseguenze. Secondo il rapporto CIAT, l'azione immediata (rappresentata dallo scenario RCP 2.6) porterà a solo il 43% della perdita di terre arabiche entro il 2050, rispetto al 58% delle emissioni incontrollate (RCP 8.5). Per Robusta, la perdita di terreno potrebbe variare dal 51% al 64%.

I cambiamenti del clima causano il riscaldamento oceanico

Il riscaldamento oceanico è un indicatore molto importante dei cambiamenti del clima e ci sono prove solide che si sta riscaldando più rapidamente

Un'analisi di quattro recenti studi sul riscaldamento degli oceani, causato dai cambiamenti del clima, suggerisce che il calore intrappolato dai gas serra sta aumentando le temperature degli oceani più velocemente di quanto si pensasse.

I risultati forniscono un'ulteriore prova del fatto che precedenti affermazioni di un rallentamento o di “una pausa” nel riscaldamento globale negli ultimi 15 anni erano infondate.

“Se vuoi verificare dove si manifesta il riscaldamento globale, osserva gli oceani”, puntualizza il dottor Zeke Hausfather,(1) uno studente laureato nel gruppo Energy and Resources presso l'UC Berkeley e co-autrice del documento. “Il riscaldamento oceanico è un indicatore molto importante dei cambiamenti climatici e abbiamo prove solide che si sta riscaldando più rapidamente di quanto pensassimo”. La nuova analisi, che è stata pubblicata su Science,(2) mostra che le tendenze nel contenuto di calore oceanico corrispondono a quelle previste dai modelli leader dei cambiamenti climatici e che il riscaldamento globale degli oceani sta accelerando.

Assumendo uno scenario di ordinaria amministrazione in cui nessuno sforzo è stato compiuto per ridurre le emissioni di gas serra, i modelli del Progetto 'Intercomparison Project 5' (CMIP5) prevedono che la temperatura degli oceani, fino a una profondità di 2000 metri, aumenterà di 0,78 gradi Celsius entro la fine del secolo. Ne consegue che la dilatazione termica, causata da questo aumento di temperatura, potrebbe aumentare di 30 centimetri i livelli del mare, in aggiunta al già significativo innalzamento del livello del mare causato dallo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali. Gli oceani più caldi contribuiscono anche a tempeste più forti, uragani e precipitazioni estreme.

“Mentre il 2018 sarà il quarto anno più caldo mai registrato in superficie, sarà sicuramente l'anno più caldo mai registrato negli oceani, così come lo erano il 2017 e il 2016”, ha detto il dottor Zeke Hausfather, dopo aver analizzato i dati preliminari per il 2018. “Il segnale del riscaldamento globale è molto più facile da rilevare se sta cambiando negli oceani piuttosto che in superficie.”

Le emissioni di cloroformio in Asia sfavoriscono il recupero dell'ozono

Una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono è il cloroformio, un composto utilizzato nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti

All'inizio di quest'anno, le Nazioni Unite hanno annunciato che lo strato di ozono, che protegge la Terra dalle dannose radiazioni ultraviolette del sole e che è stato gravemente impoverito da decenni di sostanze chimiche prodotte dalle attività umane, è sulla strada della ripresa.

La drammatica inversione di tendenza è un risultato diretto dei regolamenti stabiliti dal Protocollo di Montreal del 1987, un trattato globale in base al quale quasi tutti i paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti, hanno agito con successo per vietare la produzione di clorofluorocarburi (CFC), i principali agenti dell'ozono esaurimento. Come risultato di questo sforzo internazionale, le Nazioni Unite prevedevano che lo strato di ozono poteva ristabilirsi completamente entro la metà del secolo.

Ma un nuovo studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), pubblicato oggi sulla rivista Nature Geoscience,(1) identifica una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono: il cloroformio, un composto incolore e dall'odore tenue che viene utilizzato principalmente nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti.

I ricercatori, tra cui scienziati dell'Università di Bristol, hanno scoperto che tra il 2010 e il 2015 le emissioni e le concentrazioni di cloroformio nell'atmosfera sono aumentate in modo significativo. Essi hanno individuato la fonte di queste emissioni nell'Asia orientale, dove sembra che la produzione di prodotti derivati dal cloroformio sia in aumento. Se le emissioni di cloroformio continuano ad aumentare, i ricercatori prevedono che il recupero dello strato di ozono potrebbe essere ritardato di 4-8 anni.

Il coautore Ronald G. Prinn ,(2) professore di Scienze Atmosferiche presso il MIT della TEPCO, ha dichiarato: “Il recupero dell'ozono non è così veloce come si sperava, e dimostriamo che il cloroformio rallenterà ulteriormente.”

Pagine