Ecologia

La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

In Amazzonia i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria.

Un nuovo studio ha scoperto che nei modelli di ecosistemi non è stato adeguatamente preso in considerazione l'apporto insufficiente di nutrienti.

L'agricoltura, la silvicoltura e altri tipi di utilizzo del suolo rappresentano il 23% delle emissioni di gas serra provocate dall'uomo, ma allo stesso tempo i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria, secondo l’International Panel on Climate Change, che ha pubblicato il primo rapporto (1) completo in assoluto sulle interazioni tra terra e clima all'inizio di questo mese. Per quanto tempo la foresta pluviale amazzonica continuerà a fungere da efficace pozzo di assorbimento del carbonio?

Un team internazionale di scienziati, tra cui climatologi del Dipartimento dell'Energia del Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab), ha indagato su questa domanda e ha scoperto che i terreni carenti di fosforo hanno ridotto l'assorbimento di biossido di carbonio previsto in media del 50% in Amazzonia, rispetto alle stime attuali basate su precedenti modelli climatici che non hanno tenuto conto di questa carenza.

Il bacino amazzonico è fondamentale per aiutare a mitigare i cambiamenti climatici grazie ai suoi alberi che assorbono circa un quarto della CO2 rilasciata ogni anno dai combustibili fossili.

L'articolo, "Risposta della foresta amazzonica alla fertilizzazione con CO2 dipendente dall'acquisizione di fosforo nelle piante", è stato pubblicato il 5 agosto sulla rivista Nature Geoscience. (2)

Il riscaldamento del mar Adriatico nell'ultimo secolo

Il riscaldamento del mar Adriatico nell'ultimo secolo

La temperatura marina superficiale del nord Adriatico è sempre aumentata nell'ultimo secolo, così dice una serie di dati ricostruita dai ricercatori dell'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche. La serie temporale, tra le più lunghe del mediterraneo.

La temperatura marina superficiale del nord Adriatico nell'ultimo secolo è in aumento crescente. Ad attestarlo, un lavoro dell'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar), con sede in Area Science Park, condotto attraverso una serie di osservazioni effettuate nel porto di Trieste, e pubblicato di recente sulla rivista scientifica internazionale Earth System Science Data, (1) liberamente consultabile su una piattaforma open. (2) Le misurazioni abbracciano un intervallo di tempo di 117 anni e costituiscono una tra le più lunghe serie temporali esistenti relative alla temperatura del Mediterraneo.

“Avere serie temporali lunghe e per quanto possibile omogenee è fondamentale per comprendere se e come l'evoluzione recente del clima possa aver influito sui parametri fisici del mare, in questo caso sulla temperatura”, spiega Renato R. Colucci del Cnr-Ismar, coautore della ricerca “il problema è che, rispetto alle osservazioni meteorologiche, la complessità strumentale e logistica chiamata in causa dalle osservazioni marine ha per lungo tempo impedito la rilevazione di dati caratterizzati da sufficiente continuità e qualità. Per questo, andando indietro nel tempo, c'è carenza di dati e non risulta semplice costruire una serie come questa”, conclude Colucci.

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Nelle Alpi e nell'Artico, gli esperti confermano la presenza di microplastica nella neve.

Negli ultimi anni, le particelle di microplastica sono state ripetutamente rilevate nell'acqua di mare, nell'acqua potabile e persino negli animali. Ma queste piccole particelle vengono anche trasportate dall'atmosfera e successivamente lavate via dall'aria, specialmente dalla neve - e persino in regioni remote come l'Artico e le Alpi. Lo ha dimostrato uno studio condotto da esperti dell'Istituto Alfred Wegener e un collega svizzero, recentemente pubblicato sulla rivista Science Advances. (1)

Il fatto che i nostri oceani siano pieni di rifiuti di plastica è ormai diventato una consapevolezza per tutti: anno dopo anno, diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica si fanno strada nei fiumi, nelle acque costiere e persino nel mare profondo dell'Artico. Grazie al movimento delle onde e ancora di più alla radiazione UV del sole, la lettiera viene gradualmente suddivisa in frammenti sempre più piccoli, chiamati microplastiche. Questa microplastica può essere trovata nei sedimenti marini, nell'acqua di mare e negli organismi marini che ingeriscono inavvertitamente. In confronto, ci sono state poche ricerche fino ad oggi per stabilire se, e in tal caso, in che misura le particelle di microplastica siano trasportate nell'atmosfera. Sono disponibili solo poche opere, ad esempio da ricercatori che sono stati in grado di confermare la presenza delle particelle nei Pirenei e nei pressi dei principali centri urbani in Francia e Cina.

Un team di esperti dell'Alfred Wegener Institute, Helmholtz Center for Polar and Marine Research (AWI) ha ora scoperto che le particelle di microplastica possono essere trasportate a grandi distanze dall'atmosfera e in seguito vengono spazzate via dall'aria dalle precipitazioni, in particolare dalla neve.

Pagine