Scienza

Nuova composizione del mantello terrestre

Nuova composizione del mantello terrestre

Dopo aver misurato la nuova composizione del mantello terrestre, i geochimici ipotizzano dinamiche maggiori tra la superficie terrestre e il suo mantello.

Qual'è la composizione chimica degli interni della Terra? Poiché è impossibile perforare più di una decina di chilometri in profondità nella Terra, le rocce vulcaniche formate in seguito alla fusione dell'interno profondo della Terra spesso forniscono tali informazioni.

I geochimici delle università di Münster (Germania) e Amsterdam (Paesi Bassi) hanno studiato le rocce vulcaniche che formano le Azzorre con l'obiettivo di raccogliere nuove informazioni sull'evoluzione compositiva del mantello terrestre, che è lo strato situato all'incirca tra 30 e 2.900 chilometri all'interno della superficie. Usando sofisticate tecniche analitiche, i ricercatori hanno scoperto che la composizione del mantello sotto le Azzorre è diversa da quella precedentemente teorizzata. precedentemente si pensava infatti che grandi parti del mantello contenessero pochi cosiddetti elementi incompatibili. Questi sono elementi chimici che, a seguito del costante scioglimento del mantello terrestre, si accumulano nella crosta terrestre, che è lo strato solido più esterno della Terra.

I ricercatori concludono che, nel corso della storia della Terra, una quantità maggiore del mantello terrestre si è sciolta e alla fine ha formato la crosta terrestre. “Per sostenere il bilancio materiale tra il mantello e la crosta terrestri, i flussi di massa tra la superficie e l'interno della Terra devono aver operato a un ritmo più elevato”, afferma il professor Andreas Stracke dell'Università di Münster, che dirige lo studio.

Celle fotovoltaiche organiche ad alte prestazioni

Celle fotovoltaiche organiche ad alte prestazioni

Accettatore non fullerene a grande gap che consente celle fotovoltaiche organiche ad alte prestazioni per applicazioni indoor.

Scienziati svedesi e cinesi hanno sviluppato celle solari organiche ottimizzate per convertire la luce ambientale interna in elettricità. Il potere che producono non è elevato, ma probabilmente è sufficiente per alimentare i milioni di prodotti che Internet delle cose porterà online.

Man mano che l'internet delle cose si espanderà, ci si aspetterà che avremo milioni di prodotti online, sia negli spazi pubblici che nelle case. Molti di questi saranno la moltitudine di sensori per rilevare e misurare umidità, concentrazioni di particelle, temperatura e altri parametri. Per questo motivo, al fine di ridurre la necessità di sostituzioni di batterie frequenti e costose, la domanda di fonti rinnovabili ed economiche di energia sta aumentando rapidamente.

È qui che entrano in scena le celle solari organiche. Non solo sono flessibili, economiche da fabbricare e adatte alla produzione, come ad esempio in grandi superfici in una macchina da stampa, ma hanno un ulteriore vantaggio: lo strato che assorbe la luce è costituito da una miscela di materiali donatori e accettori, che offre una notevole flessibilità nell'accordare le celle solari in modo tale che siano ottimizzate per spettri diversi - per luce di lunghezze d'onda diverse.

Nuovo metamateriale si trasforma in nuove forme

Nuovo metamateriale si trasforma in nuove forme

Un nuovo tipo di metamateriale progettato ha la capacità di cambiare forma in modo sintonizzabile, assumendo nuove proprietà.

Mentre la maggior parte dei materiali riconfigurabili possono alternare tra due stati distinti, il modo in cui un interruttore si accende o si spegne, la forma del nuovo materiale può essere regolata con precisione, calibrando le sue proprietà fisiche come desiderato. Il materiale, che ha potenziali applicazioni nell'immagazzinamento dell'energia di prossima generazione e nei micro-dispositivi bio-impiantabili, è stato sviluppato da un team congiunto Caltech-Georgia Tech-ETH Zurigo nel laboratorio di Julia R. Greer. (1)

Julia R. Greer. Ruben F. and Donna Mettler Professore di Scienza dei materiali, Meccanica e Ingegneria medica nella Divisione Ingegneria e Scienza applicata di Caltech, crea materiali a partire da blocchi di micro e nanoscala che sono disposti in architetture sofisticate che possono essere periodiche, come un reticolo.

La maggior parte dei materiali progettati per cambiare forma richiedono uno stimolo nel momento in cui assorbe l'acqua.

Al contrario, il nuovo nanomateriale si deforma attraverso una reazione di lega di silicio-litio guidata elettrochimicamente, il che significa che può essere finemente controllato per raggiungere qualsiasi stato "intermedio", rimanere in queste configurazioni anche dopo la rimozione dello stimolo ed essere facilmente invertito.

Pagine