Tendenze

Economia: Regno Unito in forte crescita

Regno UnitoTutti i “profeti di sventura” del Brexit sono stati sonoramente smentiti dai dati reali.

In evidenza sul Financial Times di questa mattina gli ultimi dati sulla crescita economica del Regno Unito e la decisione di Nissan di costruire nuovi modelli in Gran Bretagna con forti investimenti industriali ed occupazionali per realizzarli.

Nel terzo trimestre, il primo dopo il voto referendario per l'uscita dall'Unione Europea, stando all'Office for National Statistics, l'istituto nazionale di statistica, l'economia britannica è cresciuta dello 0,5 per cento rispetto ai tre mesi precedenti.

E l'aspetto più interessante è che il Tesoro britannico aveva previsto una contrazione dello 0,1 per cento; negative anche le previsioni di altre istituzioni, dalla Banca d'Inghilterra al Fondo monetario internazionale. Evidentemente le loro “previsioni negative” si sono basate non sulla realtà ma sull'opinione politica errata per la quale uscire dalla Ue danneggia inesorabilmente chi lo fa, quando invece è vero il contrario.

I dati dell'Ons son stati accolti con soddisfazione dal cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, per il quale i fondamentali sono buoni e il sistema è ben piazzato per affrontare le sfide e le opportunità che deriveranno dal nuovo rapporto con l'Ue.

L'opinione di Bloomberg: L'Italia potrebbe seguire la Gran Bretagna

ItalexitLa principale delle agenzie stampa finanziarie a livello globale, Bloomberg, lancia un allarme mirato che segnala l'alto rischio-Italia: è iniziata la fuga d capitali.

“L'Italia - scrive Bloomberg - seguirà l'esempio del Regno Unito e lascerà l'Europa, pressata dal debito pubblico, dall'eccessivo rigore nei conti imposto da Bruxelles e da un ambiente svantaggioso per la sua economia?”

“Prevederlo oggi è praticamente impossibile - precisa Bloomberg - ma a giudicare dai flussi di capitali, diversi investitori non intendono attendere di scoprire la risposta e stanno lasciando il Paese trasferendo i propri capitali in banche di altre nazioni dell'eurozona”.

“Le banche centrali europee tengono sotto controllo i flussi di capitali tra i paesi membri dell'Ue - spiega Bloomberg - ed è una misura necessaria a vigilare sull'equilibrio dei bilanci dell'eurozona. Se ad esempio 100 euro vengono spostati dall'Italia alla Germania, la Banca d'Italia notifica all'Eurosistema un passivo di eguale importo, e la Bundesbank un attivo”.

“Il progressivo accumulo di passivi da parte di una banca centrale - precisa ancora l'agenzia - solitamente è il sintomo di una fuga di capitali, che a sua volta è l'effetto di un grave rischio sistemico percepito.

Il cacao è la nuova droga dei giovani

Il cacao è la nuova droga dei giovaniIl cacao puro sta letteralmente rimpiazzando le droghe pesanti e leggere e l'alcol. Sempre più giovani ne fanno utilizzo sia perché è facile recuperarlo sia perché è legale

Già da qualche tempo, il cacao è l'anima dei festini e delle serate in discoteca dei ragazzini.

Ora, però, la situazione è sfuggita di mano e sta diventando sempre più seria. Il cacao puro, infatti, aumenta i livelli di seratonina e stimola le endorfine creando una sensazione di estasi. Una volta assunto, ci si sente felici e rilassati.

Non è allucinogeno, ma amplifica a dismisura le esperienze.

Il vero problema in tutta questa storia è che il cacao è legale. Questa sostanza, che dalla maggior parte delle persone è conosciuta come cibo, è l'ingrediente preferito di tutti quelli che vogliono ballare per ore senza assumere né alcol né droga illegale. Questa polverina, se consumata pura, fa venire come delle scariche e proprio sotto questo punto di vista assomiglia alla cocaina.

A Londra, per esempio, sono nati diversi eventi dove i partecipanti fanno uso di cacao crudo.

1.500.0000 di italiani sul lastrico e senza posti in hotel

Italiani sul lastricoQuesto articolo è stato postato lo scorso mese di marzo 2106. Tuttavia risulta ancora molto attuale ! «Nel 2014, 1 milione 470 mila famiglie residenti in Italia (il 5,7% del totale) sono stimate attraverso l’indagine in condizione di povertà assoluta, si tratta di 4 milioni e 102 mila individui (il 6,8% dell’intera popolazione)».

Questi gli allarmanti dati presentati dall’Istat in audizione alla Camera davanti alle commissioni Lavoro e Affari sociali per il ddl povertà. Il fenomeno – continua l’Istat – appare più diffuso tra le famiglie residenti nel Mezzogiorno, dove si stimano in condizione di povertà circa 704 mila famiglie (l’8,6% del totale), pari a 1,9 milioni di individui poveri (il 45,5% del totale dei poveri assoluti).

Livelli elevati di povertà assoluta sono stati osservati dall’Istat «anche per le famiglie con cinque o più componenti (16,4%), soprattutto se coppie con tre o più figli (16%), e per le famiglie con membri aggregati (11,5%); l’incidenza sale al 18,6% se in famiglia ci sono almeno tre figli minori e scende nelle famiglie di e con anziani (4% tra le famiglie con almeno due anziani)».

Pagine