Astronomia

Una antica fusione di stelle di neutroni

Due stelle di neutroni si sono scontrate vicino al sistema solare miliardi di anni fa. Un evento cosmico che ha creato elementi che sono diventati parte di noi

Una fusione di stelle di neutroni, avvenuta vicino al sistema solare miliardi di anni fa, spiega le abbondanze di attinidi nel primo sistema solare. La Columbia University e la University of Florida studiano il segno di un evento cosmico che ha creato elementi che sono diventati parte di noi.

Gli astrofisici Szabolcs Marka della Columbia University (1) e Imre Bartos (2) presso l'Università della Florida, hanno identificato una violenta collisione di due stelle di neutroni 4,6 miliardi di anni fa. Secondo questa nuova ricerca, pubblica di recente dalla rivista Nature, (3) questo particolare evento cosmico, vicino al nostro sistema solare, ha generato lo 0,3 per cento degli elementi più pesanti della Terra, tra cui oro, platino e uranio.

Il dottor Imre Bartos spiega: “Le meteoriti forgiate nel primo sistema solare portano le tracce di isotopi radioattivi. Questi decadimenti degli isotopi agiscono come orologi che possono essere utilizzati per ricostruire il tempo in cui sono stati creati.”

Per arrivare alla loro conclusione, Bartos e Marka hanno confrontato la composizione delle meteoriti con le simulazioni numeriche della Via Lattea. Grazie a questo confronto, essi hanno scoperto che una singola collisione stellare di neutroni si sarebbe verificata circa 100 milioni di anni prima della formazione della Terra, nel nostro stesso vicinato, a circa 1000 anni luce dalla nube di gas che alla fine formò il Sistema Solare.

La stessa galassia della Via Lattea ha un diametro di 100.000 anni luce, o 100 volte la distanza di questo evento cosmico dalla culla della Terra.

Nuove tecnologie al Max Planck Institute for Astronomy

Il Max Planck Institute for Astronomy è coinvolto nell'ingegneria meccanica per i telescopi spaziali e nello sviluppo di rivelatori a infrarossi

Il Max Planck Institute for Astronomy (MPIA) partecipa per lo sviluppo di tecnologie astronomiche per strumenti sia terrestri che spaziali

Gli astronomi stanno costantemente ampliando le tecnologie con lo scopo di ottenere osservazioni sempre più dettagliate e dati per un numero sempre maggiore di oggetti in una varietà di lunghezze d'onda nello spettro elettromagnetico.

I telescopi e gli strumenti necessari per questo tipo di ricerca all'avanguardia non possono essere acquistati dall'industria. Di solito sono sviluppati da consorzi di istituti di ricerca e società specializzate. In cambio, gli istituti ottengono tempo di osservazione sugli strumenti con i quali, in virtù del loro aiuto nella costruzione, sono molto familiari.

Il Max Planck Institute for Astronomy è coinvolto nello sviluppo di strumenti sia terrestri che spaziali.(1)

Le specialità dell'istituto includono lo sviluppo di ottica adattiva e interferometria nel vicino infrarosso - tecniche per rimuovere l'influenza disturbante dell'atmosfera terrestre dalle immagini astronomiche e per combinare diversi telescopi in uno, rispettivamente.

I progetti attuali in questa direzione includono lo strumento LINC-NIRVANA, gli spettrografi LUCI e il sistema a stella guida laser ARGOS per il Large Binocular Telescope Observatory in Arizona,(2) il rilevatore di velocità radiale CARMENES per l'Osservatorio di Calar Alto e gli strumenti GRAVITY e MATISSE per il Very Large Interferometro del telescopio all'osservatorio Paranal dell'ESO. Il MPIA è anche coinvolto nella progettazione e costruzione di due strumenti, MICADO e METIS, per il prossimo Telescopio Europeo Estremamente Grande di 39 metri.

Come si formano nello spazio i dimeri HCN

Ricerche hanno suggerito che nello spazio l’adenina si possa essere formata da molecole più semplici contenenti idrogeno, carbonio e azoto

Un gruppo internazionale di astronomi guidato da Víctor M. Rivilla dell’Inaf di Arcetri (Firenze) ha scoperto l’abbondante presenza, nello spazio interstellare, dell’isomero Z della cianometanimina – considerata un precursore dell’adenina

Capire l’origine della vita sulla Terra studiando le nubi molecolari della Via Lattea? È possibile ed è quello che sta cercando di fare un team internazionale di astronomi guidati da Víctor M. Rivilla, ricercatore dell’Inaf di Arcetri, a Firenze, con un contratto Marie Sklodowska-Curie, nell’ambito del programma AstroFIt2.(1)

Gli esperti hanno avvistato per la prima volta nel mezzo interstellare, il “serbatoio” che alimenta la formazione di stelle e pianeti nell’universo, la parte mancante della molecola cianometanimina (Z-HNCHCN), che si pensa essere un precursore di una componente chiave del Dna e dell’Rna, cioè l’adenina. La scoperta è stata effettuata con i dati raccolti dal radiotelescopio Iram di 30 metri a Granada, in Spagna.

Modelli teorici hanno suggerito che l’adenina possa essere formata da molecole più semplici contenenti idrogeno (H), carbonio (C) e azoto (N). In particolare, i dimeri(2) di HCN (molecole con 2 atomi di H, C e N) sono considerati i ”mattoni” fondamentali per la formazione dell’adenina. È per questo di cruciale importanza, dal punto di vista astrobiologico, capire come i dimeri HCN si formino nello spazio.

Pagine