Armi

Geoingegneria: siccità globale e global dimming

Global dimmingQUANTO PIÙ PROCEDONO LE ATTIVITÀ CHIMICHE, SEMPRE PIÙ SICCITÀ IN FUTURO, SEMPRE MENO PIOGGIA CADE E CADRÀ.

I dati a sostegno di questa affermazione sono indiscussi,ma i media nascondono. Non piove da mesi, c’è siccità a livello globale, un inquinamento alle stelle. Infatti data la siccità perdurante e la scarsità di vento, la situazione dell’inquinamento atmosferico nei centri urbani si è fatta gravissima.

I provvedimenti di restrizione del traffico si rivelano pietose menzogne per deviare l’opinione pubblica, atte a colpire la causa minore dell’inquinamento per lasciare campo libero alle cause maggiori: fabbriche e geoingegneria clandestina.

Migliaia di cittadini subiranno affezioni alle vie respiratorie, se non di peggio. Nessun giornale dice che la prossima estate sarà più torrida e più disastrosa della precedente. Nessuno dice che le falde acquifere si impoveriranno ulteriormente, che il prezzo di frutta ed ortaggi quadruplicherà, mentre quello dell’acqua potabile raddoppierà.

Scie Chimiche. La Guerra Segreta

Scie Chimiche - La Guerra Segreta - LibroIl controllo del clima, un "sogno" diventato un'atroce realtà

Gli aspetti salienti della geoingegneria clandestina illustrati dai fratelli Marcianò nel loro nuovo saggio: “Scie chimiche: la guerra segreta”.

Con taglio oggettivo e per mezzo di una corposa documentazione, dopo aver inquadrato il problema, il libro si sofferma sulle varie sfaccettature della questione:

  • il controllo del tempo e del clima
  • le connessioni con le strategie militari e gli interessi economici
  • le conseguenze sull’ambiente e sulla salute
  • il ruolo della disinformazione e della propaganda

È stato privilegiato un approccio scientifico, ma questo non esclude una precisa volontà di denuncia accanto ad uno sprone nei confronti dei lettori a prendere coscienza del fenomeno.

Il testo si basa su ricerche pluridecennali sul tema che hanno condotto a conclusioni ormai inconfutabili.

L’osservazione e l’esperienza, come da metodo consolidato, hanno completato il mosaico.

Pilota sbadato: non spegne le scie chimiche in fase di atterraggio

Scie chimicheVideo shock fatto a Viterbo stamattina alle ore 7,40.

Mario stava portando a spasso il cane e come ogni mattina percorreva i viali intorno l’aeroporto, fumando la prima sigaretta della mattina, subito dopo il caffè al bar.

A un certo punto Mario vede quello che non si sarebbe mai aspettato di vedere, un aereo in atterraggio lanciare scie chimiche. Ha fatto un video che ha spopolato sul web.

“Cio che è accaduto è molto grave” dice Mario “ho parlato con alcuni esperti del settore che non hanno saputo dirmi molto, forse le tesi complottistiche che girano da anni sul web e sui giornali non sono poi così false”.

Ma il pilota dell’aereo, intervistato ai nostri microfoni, prima ha risposto vagamente poi si è lasciato sfuggire un commento alquanto equivoco: “Ma poi sta cosa delle scie chimiche è ormai storia nota.. la sanno tutti e che ca..o!” una frase che suona un po’ come una confessione. Di certo ciò che è accaduto è uno strano episodio che speriamo sia un caso isolato, ma come dice il signor Mario” a seguire i siti di complotto si fa peccato ma spesso si indovina”.

Pagine