Sonno

Il poco sonno favorisce l'obesità

SonnoUna privazione parziale del sonno è legata al rischio di obesità, e nel prescrivere diete e cambiamenti di stile di vita i medici dovrebbero soffermarsi anche su questo punto.

Lo afferma uno studio, basato sulla revisione delle ricerche precedenti, pubblicato dal Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics.

Varie indagini hanno legato la privazione parziale del sonno al peso corporeo - spiegano gli autori della Pennsylvania State University - c'è un'associazione tra le poche ore dormite e l'eccesso di adiposità, e questo rende la privazione del sonno un argomento di interesse nella regolazione del peso corporeo”.

Il team ha valutato gli articoli pubblicati sul tema tra il 1996 e il 2011, costruendo una serie di tavole che legano il bilancio energetico dei soggetti studiati e la misurazione dei livelli degli ormoni legati alla fame.

Dormire poco può incrementare di 4 volte il rischio di ictus

Il sonno è importante e dormire poco può rovinare la salute. Ma all'elenco dei guai causati da un brutto rapporto con Morfeo si aggiunge ora anche l'ictus: il rischio di un 'infarto cerebrale aumenta di 4 volte nelle persone che dormono meno di 6 ore per notte, rispetto a chi ne dorme 7-8.

Il monito arriva dall'èquipe di Megan Ruiter, dell'università dell'Alabama di Birmingham, in uno studio presentato oggi a Boston durante il 26° meeting delle società associate di esperti del sonno (Associated Professional Sleep Societies).

Si tratta della prima ricerca che collega la privazione di sonno con un'aumentata probabilità di ictus, spiegano gli autori. E in particolare, questo è il primo studio che mette in evidenza un maggior pericolo cardiovascolare nelle persone che non dormono abbastanza ma che non hanno altri fattore di rischio, come ad esempio obesità e sovrappeso o apnee ostruttive nel sonno.

Lo studio, durato 3 anni, ha coinvolto oltre 5.600 persone con indice di massa corporea normale e senza precedenti episodi di ictus, chiamate a riferire ogni 6 mesi la durata del proprio sonno ed eventuali sintomi di ictus. «La gente ha imparato quanto siano importanti dieta ed esercizio fisico nella prevenzione dell'ictus - osserva Ruiter - Invece, è ancora scarsa la consapevolezza dell'impatto che può avere sulla salute il fatto di dormire un numero di ore insufficiente.

Pagine