Sonno

Spegni il cellulare di notte! È così che ci condiziona alterandoci i bioritmi

Spegni il cellulare di notte! È così che ci condiziona alterandoci i bioritmiGli scienziati sottolineano che coloro che hanno interrotto il loro ciclo di riposo sono più inclini a soffrire di disturbi dell'umore.

Scienziati dell'Università di Glasgow (Scozia) dicono che esiste un legame tra il disturbo del ritmo dell'orologio biologico e l'insorgere della depressione e dei problemi mentali, secondo The Lancet Psychiatry.(1) I ricercatori dicono che la violazione del regime giorno e notte promuove una maggiore predisposizione a soffrire di disturbi dell'umore.(2)

I partecipanti a ricerche condotte da scienziati scozzesi che non seguivano i loro cicli naturali avevano più probabilità di sperimentare depressione grave o disturbo bipolare. Inoltre, tendevano a sentirsi più soli e meno felici.

Il professor Daniel Smith,(3) uno degli specialisti che ha condotto lo studio,(4) offre diversi suggerimenti. "Ci sono molte cose che le persone possono fare, specialmente durante l'inverno per migliorare la propria salute", ha detto in un commento raccolto dal Daily Mail.

Ad esempio: ricevere più luce solare o fare esercizio fisico per sentirsi stanco prima di coricarsi.

Perché con l'invecchiamento le persone tendono a dormire di meno

Perchè con l'invecchiamento le persone tendono a dormire di menoUna nuova ricerca ha identificato il modo in cui l’età riduce la capacità dell’orologio circadiano di reimpostarsi quando esposto alla luce, con conseguente interruzione del sonno e conseguenti minacce per il benessere.

I ricercatori, guidati da un neurofisiologo dell’Università del Kent,(1) hanno scoperto che l’invecchiamento determina una significativa riduzione della sensibilità alla luce nella parte del cervello che controlla i ritmi circadiani, noto come nucleo soprachiasmatico (SCN).

L’innovazione potrebbe aiutare a indirizzare i trattamenti che mirano a migliorare sia l’orologio circadiano fisiologico e comportamentale ‘re-setting’ nelle persone anziane.(2)

Il Dottor Gurprit Lall,(3) della Medway School of Pharmacy(4) dell’università e gli altri membri del team di ricerca hanno esplorato le alterazioni in uno dei percorsi nella parte del cervello che controlla i ritmi circadiani. Hanno scoperto che un recettore del glutammato (NMDA), utilizzato per trasmettere informazioni leggere, è diventato meno efficace nel reimpostare l’orologio circadiano come parte del processo di invecchiamento.

Questo cambiamento strutturale nel recettore del glutammato era responsabile del declino della risposta alla luce osservata. Una subunità del recettore NMDA ha mostrato una marcata diminuzione della presenza tra i più anziani, indicando un cambiamento associato all’età nella configurazione strutturale.

Il giusto sonno ci aiuta a vivere meglio

Angeli e bambino che dormonoÈ vero che dormire bene ci aiuta a vivere meglio?

Pare di si, visto che negli ultimi due decenni si sono moltiplicati esponenzialmente gli studi e le ricerche sulla qualità del sonno e sugli effetti benefici del riposo.

Molti di questi studi hanno persino mostrato che per prevenire molte malattie degenerative del cervello come l'Alzheimer, bisogna necessariamente partire proprio dal sonno.

Lo spazzino del cervello

Sebbene infatti dormire può sembrare un'attività improduttiva, al contrario è stato dimostrato come proprio durante il riposo il cervello opera un'azione di pulizia dalle scorie.

La scienza del sonno ha dimostrato con dei test su animali che il sistema chiamato “glinfatico” agisce nel cervello proprio come quello linfatico agisce sui muscoli, eliminando per esempio l'acido lattico. Allo stesso modo, il sistema glinfatico libera, depura il cervello dalle proteine associate all'Alzheimer, ovvero le beta-amiloidi e tau.

6 effetti benefici del sonno

Pagine