Ufologia

Nasa e alieni: sappiamo dove sono...

Ellen Stofan NASA“Sappiamo dove cercare gli alieni ed abbiamo i mezzi per poterlo fare”.

Queste dichiarazioni incredibili arrivano dal capo ricercatore della Nasa, che afferma inoltre che tra circa 20 anni avremo le prove concrete e tangibili della loro esistenza.

Queste frasi sono state affermate durante una conferenza che si è tenuta in questi giorni a Washington.

Siamo finalmente pronti per la verità?

Gli alieni e le prove della loro esistenza

Martedì 7 Aprile 2015, si è tenuto a Washington un convegno, a cui hanno partecipato i leader scientifici della Nasa, che aveva come tema proprio la possibilità dell’esistenza della vita fuori dal nostro pianeta. Il verdetto è stato unanime: la vita c’è, e sappiamo anche dove andarla a cercare.

La più sicura di questo fatto è stata proprio Ellen Stofan, capo ricercatore della Nasa, che ha dichiarato che ci sono molte probabilità che nei prossimi 20 anni si riescano a trovare le prove certe dell’esistenza di altre forme di vita.

Vi riportiamo le dichiarazioni di Stofan: “Credo che riusciremo ad ottenere indizi molto chiari sulla presenza di forme di vita extraterrestri nel corso del prossimo decennio e probabilmente tra i 10 e i 20 anni nel futuro saremo in possesso di prove certe al riguardo”.

Sul lato nascosto della Luna ci sono insediamenti alieni

Base aliena sulla LunaRicercatori ufologi hanno sempre sostenuto che sul lato oscuro della Luna, ci potrebbero essere alcune basi extraterrestri. La teoria suggerisce che se questi alieni provenienti da un pianeta lontano, in un altro sistema solare, potrebbero avere una base o alcuni avamposti sulla Luna, da cui possano fare le loro visite regolari sulla Terra.

Quale posto migliore del lato oscuro della luna, che è perennemente nascosta ai nostri occhi?

A sostegno di questa affermazione, Milton William Cooper, scrittore americano, broadcaster ed ex ufficiale dei servizi segreti dell’US AIR FORCE, ha dichiarato sotto giuramento nel 1989, che il governo degli Stati Uniti è a conoscenza di basi aliene sulla Luna, (per l’esattezza “avamposti”) dove vengono ospitate astronavi che spesso vistano la Terra.

“Al di là della Luna ci sono basi alieni” – dichiara MiltonCooper in un comunicato. “Sono stati visti dagli astronauti delle missioni Apollo. Durante il viaggio sulla Luna sono state fotografate queste basi aliene, che erano dotate di grandi macchine utilizzate per lavori sulla superficie del satellite (forse chissà per estrazione mineraria) e di grandi astronavi“.

Cooper ha scritto anche su altre teorie del complotto, legate al governo degli Stati Uniti.

Una base aliena nel Vulcano Popocatepetl

Astronave nel Vulcano PopocatepetlLa notizia viene riportata dal canale Tercermilenio TV, successivamente approfondita dal giornalista e investigatore UFO messicano Yohanan Diaz, riguarda l’avvistamento da parte di alcuni alpinisti, di misteriosi esseri alti più di due metri che camminano in modo anomalo all’interno del vulcano Popocatepetl.

A segnalare questo avvistamento a Yohanan Diaz è l’alpinista di fama Guillermo Vidales, meglio conosciuto come “Hurricane Vidales”.

Guillermo durante una intervista fatta recentemente, ha dichiarato che il suo gruppo, facente parte del soccorso alpino, durante una escursione sul Popocatepetl, effettuata nei primi giorni di Dicembre 2014, hanno visto strane persone…più corretto dire.. misteriosi esseri alti più di 2 metri o due metri e mezzo, con il corpo esile.

“Questi risalivano molto velocemente il cratere e sappiamo tutti – rammenta Guillermo – che la zona è off limits per via del pericolo che incombe, dato che sono possibili imprevedibili eruzioni di magma, quindi per entrare nel cratere ci vogliono delle speciali autorizzazioni e di solito solo geologi accompagnati da esperti del soccorso alpino possono accedere e solo sotto monitoraggio dell’attività sismica e vulcanica”.

L’AVVISTAMENTO DEI MISTERIOSI ESSERI

“Mentre eravamo in escursione sulla parte del Labio Inferior del Popocatepetl (picco che sovrasta la parte più bassa del cono vulcanico), abbiamo visto alcune figure alte quasi tre metri - racconta Guillermo Vidales al ricercatore Yohanan DIaz – questi si muovevano molto velocemente all’interno del cratere, verso il Labio Superior.

Pagine