Pesci

Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano grandi e vorticose correnti oceaniche, conosciute come vortici, per accelerare la loro discesa con lo scopo di nutrirsi nella zona crepuscolare dell'oceano.

Si tratta di uno strato oceanico situato tra i 200 e i 1000 metri di profondità dove si trova la più grande biomassa di pesci sulla Terra. I ricercatori hanno taggato più di una dozzina di squali blu al largo della costa nord-orientale degli Stati Uniti e li hanno monitorati per nove mesi. I tag hanno trasmesso i dati ai ricercatori via satellite, rivelando che gli squali avevano trascorso buona parte delle loro giornate immergendo queste vorticose sacche di acqua calda nella zona del crepuscolo oceanico centinaia di metri sotto la superficie. Lì, passavano circa un'ora a cercare cibo come piccoli pesci e calamari prima di tornare in superficie per riscaldarsi prima di immergersi di nuovo.

Questa nuova ricerca del Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) e dell'Applied Physics Lab dell'Università di Washington (UW) è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS). (1)

Le immersioni erano meno frequenti di notte, quando molti animali della zona crepuscolare effettuano la loro migrazione quotidiana dall'acqua di mezzo dell'oceano per nutrirsi in superficie. Il dottor Camrin Braun, (2) ecologista oceanico presso la UW e autore principale dello studio, ha affermato che una gita serale probabilmente non vale lo sforzo per gli squali blu affamati poiché la zona non è particolarmente ben fornita dopo il tramonto.

Pagine