Scienza

Auto più sicure ma non per le donne

Auto più sicure ma non per le donne

Studio: le nuove auto sono più sicure, ma le donne hanno maggiori probabilità di subire lesioni.

Le auto costruite nell'ultimo decennio hanno dimostrato essere più sicure rispetto ai modelli più vecchi, anche nei tipi più comuni di incidenti come le collisioni frontali. Tuttavia, un nuovo studio, condotto dai ricercatori del Center for Applied Biomechanics (1) dell'Università della Virginia, dimostra che le donne, che indossano le cinture di sicurezza, hanno significativamente più probabilità di subire lesioni rispetto alle loro controparti maschili.

Le occupanti dotate di cintura hanno il 73% di probabilità in più di essere gravemente ferite in incidenti stradali frontali rispetto ai maschi con cintura (dopo aver controllato la gravità della collisione, l'età dell'occupante, la statura, l'indice di massa corporea e l'anno del modello del veicolo). La differenza di rischio è maggiore per le lesioni alle estremità inferiori, ma si verifica anche con molti altri tipi di lesioni.

Il dottor Jason Forman, uno scienziato del Center for Applied Biomechanics dell'UVA's School of Engineering and Applied Science, ha affermato: “fino a quando non capiremo i fattori biomeccanici fondamentali che contribuiscono ad aumentare il rischio di lesioni per le donne, saremo limitati nella nostra capacità di comprendere a fondo la problematica. Ciò richiederà notevoli sforzi e, a mio avviso, l'amministrazione nazionale per la sicurezza del traffico autostradale non dispone delle risorse necessarie per affrontare questo problema.”

Inoltre, gli occupanti dei veicoli di età pari o superiore a 66 anni continuano a essere particolarmente sensibili alle lesioni toraciche, probabilmente derivanti dall'aumentata fragilità della cassa toracica con l'età avanzata.

Fare sport accresce le capacità olfattive

Fare sport accresce le capacità olfattiv

Lo rivela uno studio condotto dal Cnr-Ibcn in collaborazione con il laboratorio di Neuroimmunologia della Fondazione Santa Lucia e con la Fondazione Ebri, secondo il quale il movimento, ovvero fare sport, attiva cellule staminali neurali, aumentando il numero di neuroni maturi che partecipano ai processi olfattivi.

Nel cervello adulto dei mammiferi esistono aree in cui si originano nuovi neuroni a partire da cellule staminali neurali. Una di queste è denominata zona sottoventricolare (Svz) e rappresenta la principale fonte di nuovi neuroni del cervello dei topi adulti. Uno studio condotto dall’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibcn) ha individuato il processo che porta alla formazione di neuroni olfattivi. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Molecular Neurobiology. (1)

“All’interno della Svz, le cellule staminali dormienti vengono attivate da stimoli interni o esterni e cominciano un percorso di espansione e maturazione fino a diventare neuroni maturi che migrano in direzione del bulbo olfattivo, dove partecipano attivamente ai processi olfattivi”, spiega Stefano Farioli Vecchioli del Cnr-Icbn. “Nel nostro laboratorio abbiamo scoperto che lo spegnimento, tramite ingegneria genetica, del gene anti-proliferativo p21 innesca uno straordinario aumento della risposta delle cellule staminali neurali quiescenti all’azione svolta dall’attività fisica, che favorisce la generazione di nuovi neuroni (proneurogenica). Ciò si traduce in un aumento dell’attivazione e della velocità di proliferazione delle cellule staminali e in un incremento del numero di nuovi neuroni attivi all’interno del bulbo olfattivo. Infine, le nostre osservazioni sul modello murino hanno stabilito che i soggetti provvisti di un numero superiore di nuovi neuroni all’interno del bulbo olfattivo sono dotati di una sensibilità e di una memoria olfattiva molto superiore rispetto a quelle registrate negli esemplari di controllo”.

Un'App aiuterà le navi ad evitare le balene blu

Un'App aiuterà le navi ad evitare le balene blu

L'app, ora in sviluppo, permetterà agli equipaggi e ai gestori delle navi di avere tutte le informazioni sulle posizioni delle balene in maniera che potranno evitare collisioni.

Un nuovo modello, basato sui dati oceanografici quotidiani e sui movimenti delle balene etichettate, ha permesso di trovare la soluzione tecnologica che permetterà di stimare dove si trovano le balene blu, in via di estinzione, in modo che le navi potranno evitare di colpirle.

La ricerca, che è stata pubblicata su Diversity and Distributions (1) dalla dottoressa Briana Abrahms, (2) ricercatrice ecologa presso il NOAA Fisheries' Southwest Fisheries Science Center, ha messo in relazione i movimenti di oltre 100 balene blu e le condizioni oceanografiche giornaliere. La studiosa ha scoperto che le condizioni dell'oceano hanno influenzato gli spostamenti delle balene in modi molto prevedibili. Ella, assieme ai suoi colleghi, stanno ora sviluppando un'app che consentirà ai manager e agli equipaggi delle navi di prevedere la posizione delle balene blu mentre transitano lungo la costa occidentale. L'app, che sarà accessibile al pubblico e ai gestori, suggerirà eventuali rallentamenti delle navi o l'uso di rotte alternative.

Briana Abrahms spiega: “più impariamo su come l'oceano influenza le balene e altre forme di vita marina, meglio siamo in grado di prevedere dove saranno quelle specie. L'obiettivo è quello di mettere questa tecnologia nelle mani di manager, dell'industria navale e altri utenti che possono utilizzarla maggiormente per aiutare a proteggere questi animali dagli attacchi delle navi e da altre minacce umane.”

Pagine