Propaganda

Weidmann: “più sovranità a Bruxelles altrimenti bisogna accettare le procedure di default”

Jens Weidmann"L'unione monetaria è a un bivio: o si cede più sovranità a Bruxelles o si accettano le procedure di default".

Questo il titolo dell'intervista del Corriere dalla Sera a Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank, il super-falco tedesco, il “braccio armato” di Angela Merkel. “Mister Merkel”, appunto.

Un titolo che ne sintetizza perfettamente il pensiero, la cui traduzione è altrettanto semplice: comanda la Germania, e se volete pagare un prezzo più basso (in situazioni che porterebbero a un bail-in bancario), la Germania dovrà comandare ancora di più.

Si parla delle banche italiani, della crisi dell'Unione e, ovviamente, di Mps. Si ricorda a Weidmann che il governo tedesco salvò le banche senza colpire i creditori, e lui ribatte:

Allora eravamo in una crisi finanziaria globale e non c'erano ancora le attuali regole europee.Queste norme sono una delle lezioni centrali tratte dalla crisi: dovrebbero contribuire a far sì che gli investitori e le banche valutino meglio i rischi che si assumono”. Dunque, quando gli si ricorda che imporre perdite ai creditori può diventare un problema politico per i governi, il governatore risponde un po' beffardo: “Può essere. Ma dovremmo per questo derogare a regole piene di buon senso che ci siamo dati insieme? Il governo italiano può sostenere i singoli cittadini, se lo ritiene necessario”.

Intervento in Libia. Una guerra iniziata 5 anni fa

Matteo RenziSuccede sempre che in estate, tra una presidenziale e l’altra, i media di regime occidentali decidano di omettere le notizie riguardanti i reali sconvolgimenti che dilaniano il loro mondo.

Martedì 30 luglio, il fatto quotidiano titolava Isis, la guerra segreta dell’Italia: forze speciali in Libia e Iraq. Ma il Parlamento è all’oscuro di tutto.

Nell’articolo, Enrico Piovesana ipotizzava la presenza sul territorio libico di forze speciali italiane. Nell’avallare tali affermazioni, il giornalista ricordava un decreto del 10 febbraio risalente allo scorso anno, relativo la guerra in Libia e alla lotta all’Isis, subito secretato dal governo Renzi (guarda un po’).

Ma qual è la novità? Nessuna.

Il 5 marzo 2016 il sole 24 ore pubblicava, quasi di nascosto, ”Intervento italiano in Libia: forze speciali e 007, ma non più di 100 uomini”.

Il pensiero delle masse viene adattato al pensiero dominante

Programmazione mentaleLa fusione delle aziende mediatiche, nelle ultime decadi, ha generato una ristretta ma potente oligarchia di gruppi di controllo. Gli spettacoli televisivi che seguiamo, la musica che ascoltiamo, i film che guardiamo e i giornali che leggiamo, sono tutti prodotti da cinque corporations, che in questo modo riescono a creare una standardizzazione e un’omologazione del pensiero umano.

I proprietari di questi gruppi di controllo hanno legami stretti con le élites di potere, di cui in molti casi fanno parte integrante. Possedendo gran parte dei media in grado di raggiungere le masse, hanno il potere di creare nelle menti delle persone una singola e coesa visione del mondo, generando questa “standardizzazione del pensiero umano”.

Persino movimenti o stili considerati marginali, sono spesso estensioni del “pensiero mainstream”. I mass media producono loro stessi dei finti ribelli, che fanno parte del medesimo establishment e non lo mettono mai veramente in discussione. Gli artisti, le creazioni e le idee che non si adattano al pensiero dominante, vengono invece inesorabilmente rifiutate e dimenticate dai gruppi di controllo, che le fanno gradualmente scomparire dalla società, mentre le idee che sono giudicate adatte ad essere accettate dalla società, sono abilmente vendute alle masse con lo scopo di farle diventare norme ovvie.

Pagine