Biologia

Fare sport accresce le capacità olfattive

Fare sport accresce le capacità olfattiv

Lo rivela uno studio condotto dal Cnr-Ibcn in collaborazione con il laboratorio di Neuroimmunologia della Fondazione Santa Lucia e con la Fondazione Ebri, secondo il quale il movimento, ovvero fare sport, attiva cellule staminali neurali, aumentando il numero di neuroni maturi che partecipano ai processi olfattivi.

Nel cervello adulto dei mammiferi esistono aree in cui si originano nuovi neuroni a partire da cellule staminali neurali. Una di queste è denominata zona sottoventricolare (Svz) e rappresenta la principale fonte di nuovi neuroni del cervello dei topi adulti. Uno studio condotto dall’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibcn) ha individuato il processo che porta alla formazione di neuroni olfattivi. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Molecular Neurobiology. (1)

“All’interno della Svz, le cellule staminali dormienti vengono attivate da stimoli interni o esterni e cominciano un percorso di espansione e maturazione fino a diventare neuroni maturi che migrano in direzione del bulbo olfattivo, dove partecipano attivamente ai processi olfattivi”, spiega Stefano Farioli Vecchioli del Cnr-Icbn. “Nel nostro laboratorio abbiamo scoperto che lo spegnimento, tramite ingegneria genetica, del gene anti-proliferativo p21 innesca uno straordinario aumento della risposta delle cellule staminali neurali quiescenti all’azione svolta dall’attività fisica, che favorisce la generazione di nuovi neuroni (proneurogenica). Ciò si traduce in un aumento dell’attivazione e della velocità di proliferazione delle cellule staminali e in un incremento del numero di nuovi neuroni attivi all’interno del bulbo olfattivo. Infine, le nostre osservazioni sul modello murino hanno stabilito che i soggetti provvisti di un numero superiore di nuovi neuroni all’interno del bulbo olfattivo sono dotati di una sensibilità e di una memoria olfattiva molto superiore rispetto a quelle registrate negli esemplari di controllo”.

500 specie di pesci cambiano completamente sesso

500 specie di pesci cambiano completamente sesso

Uno studio condotto dall'Università di Otago sta anticipando i progressi nella nostra comprensione di una delle trasformazioni più sorprendenti nel mondo naturale: l'inversione completa del sesso che si verifica in circa 500 specie di pesci.

La co-conduttrice dottoressa Erica Todd, (1) del Dipartimento di Anatomia della Nuova Zelanda, afferma che molti di noi danno per scontato che il nostro sesso biologico è fissato alla nascita. Tuttavia, molti pesci, come il pesce pagliaccio di 'Alla ricerca di Nemo', il kobudai di 'Blue Planet II' e il labro comune dei Caraibi, cambiano abitualmente il loro sesso in età adulta come parte naturale del loro ciclo di vita. La ricerca è stata pubblicata da science Advances. (2)

La ricercatrice aggiunge: “La maggior parte dei wrass blu iniziano la vita come femmine, ma possono cambiare sesso qualche tempo dopo per diventare maschi - un processo che si completa in 10-21 giorni. Nel momento in cui un maschio dominante viene perso da un gruppo sociale, la femmina più grande in 10 giorni si trasforma in un maschio fertile. Le femmina inizia questa trasformazione cambiando colore e assumendo i medesimi comportamenti di un maschio. Le sue ovaie iniziano quindi a regredire per lasciare posto ai testicoli funzionali. Il modo in cui questa straordinaria trasformazione funziona a livello genetico è stato a lungo un enigma.”

Nuova specie di pesce a Zanzibar

Nuova specie di pesce a Zanzibar

A Zanzibar, nelle barriere mesofotiche profonde e poco conosciute, è stato individuato un nuovo pesce, il Vibranium Fairy Wrasse che incanta con le sue squame viola.

In Africa sono stati individuati nuovi esemplari, di una specie di pesce con una colorazione viola, che abitano a più di 80 metri sotto la superficie dell'oceano. Scienziati esperti di immersioni, seguendo il progetto Hope for Reefs della California Academy of Sciences e dell'Università di Sydney, hanno avvistato degli esemplari - in precedenza sconosciuti alla scienza - nelle scarsissime barriere coralline mesofotiche situate della zona orientale di Zanzibar, al largo della costa della Tanzania. I poligoni multicolori sfoggiano squame pigmentate di un colore viola intenso. Gli scienziati chiamano questa area “twilight zone”, mentre l'abitante della barriera corallina Cirrhilabrus wakanda (nome comune “Vibranium Fairy Wrasse”) in onore della mitica nazione di Wakanda dei fumetti della Marvel Entertainment e del film Black Panther. Il nuovo pesce è stato descritto su ZooKeys. (1)

Il signor Yi-Kai Tea, autore principale e studente di dottorato di ittiologia dell'Università di Sydney, si esprime: “quando abbiamo pensato alla natura segreta e isolata di queste inesplorate barriere africane, sapevamo che dovevamo dare il nome a questa nuova specie. Abbiamo saputo di altre specie imparentate nell'Oceano Indiano, ma la nostra convinzione è che doveva esistere una specie scomparsa lungo il bordo orientale del continente. Quando ho visto questo incredibile pesce viola, ho capito subito che avevamo a che fare con il pezzo mancante del puzzle.”

Gli scienziati dell'Accademia sostengono che la remota casa del Cirrhilabrus wakanda nelle barriere coralline mesofotiche - al di sotto dei limiti delle immersioni ricreative - probabilmente ha contribuito al loro status di lunga data nascosto nell'ombra dell'Oceano Indiano.

Pagine