Biologia

Oceano analizzato nei suoi nuovi modelli di nutrienti


I nuovi modelli rappresentano una valida opportunità di prevedere i molti modi in cui ogni oceano risponderà in base all'evoluzione dei cambiamenti climatici.

Secondo un nuovo articolo di Science Advances, (1) per creare un set di dati più accurato, con l'obiettivo di alimentare i modelli oceanici globali, i ricercatori hanno raccolto specifici dati utilizzando tecniche altamente sensibili capaci di misurare il fosfato.

“Questo è un po' un campanello d'allarme per farci capire che, con l'avanzamento della tecnologia, dobbiamo aggiornare i dati e i processi sottostanti che alimentano i modelli oceanici. Questa modalità garantirebbe migliori previsioni”, ha dichiarato il dottor Mike Lomas, (2) ricercatore senior presso il Bigelow Laboratory for Ocean Sciences e autore del documento. “I modelli rappresentano la nostra migliore possibilità di prevedere i molti modi in cui gli oceani risponderanno in base all'evoluzione dei cambiamenti climatici.”

Il dottor Mike Lomas ha acquisito nuovi importanti elementi dai dati provenienti dalle misurazioni ad alta sensibilità. Le nuove informazioni rivelano che il fosfato nell'oceano di superficie è meno abbondante di quanto suggeriscano misure e modelli tradizionali. I ricercatori hanno anche scoperto modelli precedentemente sconosciuti dei livelli di fosfato nei principali bacini oceanici sia nell'Atlantico che nel Pacifico. Le alghe oceaniche dipendono dal fosfato minerale, che è essenziale per tutta la vita sulla Terra. I livelli più bassi di fosfato rappresentano una sfida per le alghe, che sono già destinate a soffrire poiché i cambiamenti climatici rendono più scarsi i nutrienti dell'oceano.

Ibernazione umana secondo la scienza

Ibernazione umana secondo la scienza

A livello scientifico, ibernazione significa variazione della condizione biologica in cui le funzioni vitali sono ridotte al minimo.

Proposto al cinema da Woody Allen ne 'Il dormiglione' (1973), da Steve Maner in 'Amore per sempre' (1992) e da Cameron Crowe in 'Vanilla Sky' (2001), l'ibernazione è affrontata anche in diverse opere letterarie: è al centro del libro di James Halperin 'The first immortal' del 1998 e, più recentemente, del romanzo di Don DeLillo 'Zero K' (2016). Non è difficile capire perché il tema affascini: da sempre gli esseri umani coltivano il sogno di contrastare l'invecchiamento e conquistare l'immortalità.

Proprio come Ross Lockhart, il protagonista del libro di DeLillo, che decide di congelare la moglie colpita da un cancro incurabile, per risvegliarla in un futuro in cui la medicina sarà avanzata a tal punto da riuscire a curare tutte le patologie, anche il tumore. Già molte persone si sono fatte crioconservare dopo il decesso (attualmente l'ibernazione è permessa solo post-mortem) e a fornire il servizio sono società come le statunitensi Alcon e Cryonics e la russa KrioRuss.

Ma in cosa consiste l'ibernazione? “È una condizione biologica in cui le funzioni vitali sono ridotte al minimo, il battito cardiaco e la respirazione rallentano, il metabolismo si riduce e la temperatura corporea si abbassa”, spiega Roberto Volpe del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr. “Può essere avvicinata al letargo degli animali nel quale, comunque, non si raggiungono mai temperature inferiori a pochi gradi sopra lo zero. A esso ricorrono diversi tipi di invertebrati, ma anche anfibi, rettili, mammiferi come l'orso bruno, il tasso, la marmotta, soprattutto in inverno, nelle regioni fredde o temperate”.

A livello scientifico, l'ibernazione è un'opportunità oggetto di studio: in particolare, la medicina spaziale cerca di applicarla sugli astronauti impegnati nelle lunghe missioni, come sta facendo l'azienda SpaceWorks di Atlanta finanziata dalla Nasa.

Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano grandi e vorticose correnti oceaniche, conosciute come vortici, per accelerare la loro discesa con lo scopo di nutrirsi nella zona crepuscolare dell'oceano.

Si tratta di uno strato oceanico situato tra i 200 e i 1000 metri di profondità dove si trova la più grande biomassa di pesci sulla Terra. I ricercatori hanno taggato più di una dozzina di squali blu al largo della costa nord-orientale degli Stati Uniti e li hanno monitorati per nove mesi. I tag hanno trasmesso i dati ai ricercatori via satellite, rivelando che gli squali avevano trascorso buona parte delle loro giornate immergendo queste vorticose sacche di acqua calda nella zona del crepuscolo oceanico centinaia di metri sotto la superficie. Lì, passavano circa un'ora a cercare cibo come piccoli pesci e calamari prima di tornare in superficie per riscaldarsi prima di immergersi di nuovo.

Questa nuova ricerca del Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) e dell'Applied Physics Lab dell'Università di Washington (UW) è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS). (1)

Le immersioni erano meno frequenti di notte, quando molti animali della zona crepuscolare effettuano la loro migrazione quotidiana dall'acqua di mezzo dell'oceano per nutrirsi in superficie. Il dottor Camrin Braun, (2) ecologista oceanico presso la UW e autore principale dello studio, ha affermato che una gita serale probabilmente non vale lo sforzo per gli squali blu affamati poiché la zona non è particolarmente ben fornita dopo il tramonto.

Pagine