Inquinamento

Le tendenze agricole globali minacciano la sicurezza alimentare

Le tendenze agricole globali minacciano la sicurezza alimentare

Agrumi, caffè e avocado: il cibo sui nostri tavoli è diventato più vario negli ultimi decenni. Tuttavia, Le tendenze agricole globali non riflettono questa tendenza.

Le monoculture stanno aumentando in tutto il mondo, occupando più terra che mai. Allo stesso tempo, molte coltivazioni dipendono dall'impollinazione di insetti e altri animali. Ciò pone un rischio maggiore per la sicurezza alimentare, come scrive un team di ricercatori con l'aiuto dell'Università Martin Luther di Halle-Wittenberg (MLU) sulla rivista Global Change Biology. (1) Per lo studio, gli scienziati hanno esaminato gli sviluppi globali dell'agricoltura negli ultimi 50 anni.

I ricercatori hanno analizzato i dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) sulla coltivazione di colture da campo tra il 1961 e il 2016. La loro valutazione ha dimostrato che vengono sempre più utilizzati terreni agricoli in tutto il mondo. Nel frattempo, 16 delle 20 colture in più rapida crescita richiedono l'impollinazione di insetti o altri animali.

Il professor Robert Paxton, (2) biologo della MLU e uno degli autori di questo studio, afferma: “solo pochi mesi fa, il World Biodiversity Council IPBES ha rivelato al mondo che fino a un milione di specie animali e vegetali sono state minacciate di estinzione, inclusi molti impollinatori. Ciò colpisce in particolare le api da miele che sono sempre più minacciate da agenti patogeni e pesticidi come pure le popolazioni di api selvatiche che sono in declino in tutto il mondo da decenni.”

Un minor numero di impollinatori equivale ad una flessione dei raccolti oppure, nei casi più gravi, a una totale mancanze di raccolti. Tuttavia, i rischi non sono distribuiti equamente in tutto il mondo. I ricercatori hanno utilizzato i dati della FAO per creare una mappa che mostra il rischio geografico di fallimento delle colture.

I mozziconi ostacolano la crescita delle piante

I mozziconi ostacolano la crescita delle piante

Una nuova ricerca ha scoperto che i mozziconi di sigarette - la forma più comune di rifiuti sul pianeta - riducono significativamente la crescita delle piante.

Guidato da accademici dell'Università Anglia Ruskin (ARU) e pubblicato sulla rivista Ecotossicologia e sicurezza ambientale, (1) lo studio è il primo a mostrare il danno che i mozziconi di sigaretta possono causare alle piante.

I ricercatori hanno scoperto che la presenza di mozziconi di sigaretta nel terreno riduce il normale decorso della germinazione. La lunghezza del germoglio (la lunghezza dello stelo) e del trifoglio si riducono del 27% e del 28%, mentre la biomassa delle radici (peso della radice) è ridotta del 57%. Per l'erba, il successo della germinazione è diminuito del 10% e la durata del tiro del 13%.

La maggior parte dei mozziconi contiene un filtro in fibra di acetato di cellulosa, un tipo di bioplastica. I filtri delle sigarette non fumate hanno quasi lo stesso effetto sulla crescita delle piante dei filtri usati, indicando che il danno alle piante è causato dal filtro stesso, anche senza le tossine aggiuntive rilasciate dalla combustione del tabacco. Gli esperimenti di controllo contenevano pezzi di legno di forma e dimensioni identiche a mozziconi di sigaretta.

Si stima che circa 4,5 trilioni di mozziconi di sigarette siano disseminati ogni anno, rendendoli la forma più pervasiva di inquinamento plastico sul pianeta. Come parte di questo studio, gli accademici hanno campionato le località intorno alla città di Cambridge e hanno trovato aree con ben 128 mozziconi di sigarette scartati al metro quadrato.

Declino del numero di farfalle causato dall'uomo

Declino del numero di farfalle causato dall'uomo

Il programma di monitoraggio degli insetti più esteso e sistematico mai intrapreso in Nord America mostra che il numero di farfalle in Ohio è diminuito annualmente del 2%. Nell'arco dei 21 anni di ricerche la flessione del numero di farfalle ha raggiunto il 33%.

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su PLOS ONE, (1) suggerisce che, nonostante la ricerca sia limitata a un gruppo specifico di insetti e ad una area geografica, i risultati forniscono un'importante base per ciò che sta accadendo, in modo più ampio, con le popolazioni di insetti a causa dei cambiamenti climatici e di altri disturbi causati dall'uomo. I risultati sono anche in linea con quelli dei programmi di monitoraggio delle farfalle in diversi paesi europei.

Il dottor Tyson Wepprich, (2) ricercatore dell'Università dell'Oregon che ha guidato lo studio, esprime questa tesi: “queste flessioni del numero di lepidotteri colpiscono le specie comuni. La diminuzione di queste specie mi riguarda perché dimostra che ci sono cause ambientali diffuse che causano il loro declino. Noi pensavamo erroneamente che le farfalle fossero ben adattate per condividere il paesaggio con gli esseri umani. Le specie comuni sono anche quelle che contribuiscono alla maggior parte dell'impollinazione. Inoltre, esse rappresentano una importante fonte di cibo per gli uccelli appartenenti all'ecosistema, quindi il loro lento e consistente declino probabilmente cagionerà nefasti effetti a catena.”

Il ricercatore, che dal 1996 al 2016 ha analizzato più di 24.000 sondaggi sulle farfalle forniti da scienziati addestrati, spiega: “le farfalle tendono a rappresentare la migliore fonte di dati per tenere traccia degli aumenti e delle diminuzioni della popolazione degli insetti. Gli studiosi ambientali usano le farfalle come indicatore per la tracciabilità generale della biodiversità poiché subiscono, come altri gruppi di insetti, le medesime tipologie di pressioni dai cambiamenti di uso del suolo, dai cambiamenti climatici e dal degrado dell'habitat.”

Pagine