Foreste

Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Secondo alcuni studi, con l'età le foreste negli Stati Uniti orientali e in Canada diventano meno vulnerabili ai cambiamenti del clima.

Una nuova ricerca dell'Università del Vermont sostiene che le foreste più vecchie nell'America settentrionale e orientale sono meno vulnerabili ai cambiamenti climatici rispetto alle foreste più giovani, in particolare per lo stoccaggio di carbonio, la produzione di legname e la biodiversità.

Lo studio, pubblicato da Global Change Biology, (1) ha analizzato come i cambiamenti climatici influenzeranno le foreste degli Stati Uniti orientali e del Canada. Secondo la ricerca, l'aumento dell'età aiuta a salvaguardare le foreste dai cambiamenti climatici.

Il dottor Dominik Thom, (2) autore principale e ricercatore postdottorato della UVM's Rubenstein School of Environment and Natural Resources di UVM e Gund Institute for Environment, (3) afferma: “questo studio dimostra che le foreste più vecchie dell'Alto Midwest nel New England sono eccezionalmente resistenti al clima. Abbiamo constatato che i servizi essenziali sono protetti meglio dai cambiamenti climatici da parte delle foreste più vecchie. Questo fenomeno è una pietra miliare nel dibattito su come preparare le nostre foreste per le incerte condizioni ambientali che ci attendono.”

Analizzando grandi quantità di dati sul campo provenienti da 18.500 appezzamenti di foreste - dal Minnesota al Maine e dal Manitoba alla Nuova Scozia - lo studio identifica le regioni prioritarie per gli sforzi di adeguamento al clima delle foreste. Le foreste più giovani situate a est e sud-est dei Grandi Laghi erano meno resistenti ai cambiamenti climatici, mostrando un calo previsto dello stoccaggio del carbonio, del legname e della biodiversità.

Meno neve negli USA a causa degli incendi boschivi

Meno neve negli USA a causa degli incendi boschivi

Gli incendi boschivi stanno provocando lo scioglimento della neve all'inizio della stagione, una tendenza che si sta verificando in tutti gli Stati Uniti occidentali e che potrebbe influire sull'approvvigionamento idrico e provocare ulteriori incendi.

A sostenere questa tesi è una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori della Portland State University (PSU), del Desert Istituto di ricerca (DRI) e dell'Università del Nevada, Reno. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, (1) fornisce nuove informazioni sull'entità e la persistenza dei disturbi provocati dagli incendi boschivi che alterano negativamente le principali risorse di acqua piovana.

Il team ha utilizzato misurazioni di laboratorio all'avanguardia sui campioni di neve. Gli strumenti sono stati messi a disposizione dal laboratorio analitico di ghiaccio Ultra-Trace del Desert Istituto di ricerca (DRI) a Reno, in Nevada, così come il trasferimento radiativo (2) e la modellazione geospaziale per valutare gli impatti degli incendi boschivi sulla neve per più di un decennio dopo un incendio. Queste misurazioni hanno permesso di scoprire che non solo la neve si scioglieva in media cinque giorni prima dopo un incendio, ma i tempi accelerati dello scioglimento del manto nevoso continuavano per ben 15 anni.

“Questo effetto fuoco sul precedente scioglimento della neve è diffuso in tutto l'Occidente ed è persistente per almeno un decennio dopo l'incendio”, ha puntualizzato la dottoressa Kelly Gleason, (3) autrice principale e assistente professore di scienze ambientali e gestione nel College of Liberal Arts and Sciences.

Kelly Gleason, che ha condotto la ricerca come borsista post dottorato presso il Desert Research Institute, assieme al suo team citano due ragioni per il precedente scioglimento delle nevi.

Collasso della biodiversità nel mondo

collasso, biodiversità, mondo, pianeta, Terra, specie, contadini, cambiamento climatico, pastori, pescatori, governi, istituzioni, imprese, finanza

Le Nazioni Unite lanciano un allarme sul drammatico collasso della biodiversità nel mondo con uno studio. Una specie su otto si estinguerà a breve

Slow Food denuncia da oltre 20 anni i rischi di un sistema intensivo di produzione di cibo e ha già catalogato oltre 5.000 prodotti da salvare. Oggi chiede con forza ai governi mondiali di prendere in seria considerazione questi studi.

Un milione di piante e animali scompariranno dal pianeta in poco tempo e la salute degli ecosistemi si sta deteriorando più velocemente che mai. L'allarme arriva dalle Nazioni Unite: la Piattaforma intergovernativa scientifico-politica sulla biodiversità e gli ecosistemi (Ipbes) si è riunita a Parigi dal 29 aprile a oggi e ha reso pubblico l'esito di tre anni di ricerche sullo stato della biodiversità.

“Le più importanti istituzioni del mondo si stanno rendendo conto di una situazione drammatica che Slow Food denuncia da oltre vent'anni", dichiara Carlo Petrini, presidente di Slow Food. "Negli ultimi 70 anni abbiamo distrutto i tre quarti dell'agrobiodiversità che i contadini avevano selezionato nei 10.000 anni precedenti. Fonti autorevoli già da tempo ci stanno mettendo in guardia perché stiamo attraversando la sesta estinzione di massa e per la prima volta il responsabile di questa crisi ecologica globale è l'uomo. Lo scenario descritto è molto grave: la perdita di specie, razze e habitat naturali è pesantissima. Non abbiamo più tempo ma abbiamo uno strumento efficace con cui possiamo cambiare la situazione: il nostro cibo quotidiano. Cambiando le nostre scelte alimentari possiamo fare molto per salvare il suolo, le acque, l'intero pianeta”.

Pagine