ricerche

Alcuni antidepressivi possono provocare l'ictus

IctusL’uso di alcuni popolari antidepressivi è legato a un rischio aumentato di ictus causato da sanguinamenti del cervello, anche se molto basso. Lo studio pubblicato sulla rivista ‘Neurology’ è stato realizzato dalla Western University in London, Ontario.

Per la ricerca, gli scienziati hanno analizzato l’uso di antidepressivi e la ricorrenza di ictus vagliando 16 studi che coinvolgevano un totale di 500mila partecipanti.

risultati hanno mostrato che chi assumeva inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), i più comuni antidepressivi, aveva il 50 per cento di probabilità in più di subire un’emorragia intracranica rispetto a coloro che non prendevano antidepressivi, e circa il 40 per cento in più di avere una emorragia intracerebrale.

Si stima che ogni anno si verifichino 24,6 ictus ogni 100mila persone.

Scoperto il processo per mezzo del quale si forma la vitamina B12

Vitamina b12Scoperto un nuovo processo intracellulare che riguarda la vitamina B12 e che potrebbe un giorno permettere di ottenere nuovi farmaci per trattare il cancro. La ricerca della University of Kent è stata pubblicata sulla rivista 'Nature Chemical Biology'.

Gli studiosi hanno messo a punto un metodo che consente di studiare quali sono i singoli passi necessari alla costruzione della vitamina B12.

La vitamina B12 è un nutriente essenziale che svolge un ruolo importante nella formazione dei globuli rossi e nel funzionamento del sistema nervoso.

Le carenze di questa vitamina sono associate ad anemia, disturbi cardiovascolari e demenza.

Usando nuove tecniche di biologia sintetica e dei batteri che sono stati impiegati come 'trasportatori' di macchine molecolari, gli scienziati hanno scoperto in che modo la vitamina viene fabbricata e sono stati capaci di modificare la forma finale della vitamina.

Pochi sanno che il cuore inizia a danneggiarsi da giovani

CuoreLa salute del cuore inizia da giovani, ma pochi lo sanno

Anche se i danni al cuore causati dalle cattive abitudini iniziano fin da giovani, una buona metà delle persone pensa di non doversene occupare fino a oltre 30 anni.

È il risultato di uno studio reso noto dalla World Heart Federation in occasione del World Heart Day, che si celebra il 29 settembre. La ricerca è stata effettuata su oltre 4mila persone di quattro paesi, Brasile, India Usa e Gran Bretagna.

In media l'età a cui bisognerebbe intervenire è 32,2 anni, con il 49 per cento degli intervistati che ritiene di dover fare qualcosa solo dopo i 30.

Pagine