Curiosità

Giardini nello spazio

Giardini nello spazioIl laboratorio botanico di Miami assicura che ci sono 106 varietà di piante che potrebbero crescere bene al di fuori della Terra.

Non è facile avere piante nello spazio. Senza gravità i semi fluttuano, l'acqua si agglutina in goccioline mentre la luce artificiale e l'aria devono essere regolate con precisione per riprodurre il sole e il vento. Tuttavia, per la NASA, avere giardini nel cosmo è cruciale per il suo programma spaziale.

I futuri esploratori spaziali, nel corso delle loro missioni, dovranno nutrirsi per diversi mesi, a volte anni, sulla Luna o su Marte, e nei prodotti liofilizzati alcuni nutrienti essenziali, come le vitamine C e K, scompariranno col tempo. Se gli astronauti sono privati di questi componenti, aumenta il rischio di sviluppare infezioni, cancro, malattie cardiache o cattiva circolazione sanguigna.

In questo contesto, l'agenzia spaziale statunitense si è rivolta a botanici e giardinieri, in maggioranza giovani scolari, per fare alcuni esperimenti.

“Ci sono decine di migliaia di piante commestibili sulla Terra che potrebbero essere utili, ma non è facile sapere quali sono le migliori con le quali potrebbero cibarsi gli astronauti”, spiega Carl Lewis, direttore del Fairchild Tropical Botanic Garden, in Florida. “È qui che entriamo in gioco”, aggiunge.

Uber presenta un prototipo di Taxi volante al CES 2018 di Las Vegas

Uber presenta un prototipo di Taxi volante al CES 2018 di Las VegasUber ha presentato al CES 2018 di Las Vegas(1) un nuovo taxi, progettato in collaborazione con Bell Helicopter.

Il veicolo rappresenta un interessante concept di mobilità futura: si tratta infatti del primo prototipo di taxi volante.

Il mezzo è completamente autonomo e dotato di quattro posti a bordo, nonché di dispositivi che consentono di svolgere video-conferenze per permettere agli utilizzatori del mezzo di lavorare anche durante i trasferimenti.

Ai visitatori del CES è stato possibile sperimentare l’esperienza di volo grazie alla realtà aumentata, che ha permesso di provare la simulazione in svariati scenari, volo notturno compreso.

Ancora è presto per parlare di dati tecnici quali la velocità, l’autonomia e soprattutto il prezzo, tutto quello che sappiamo è che i primi test sono previsti per il 2020.

Micro-mucche grandi come cani

Mini-muccaNella storia si contano innumerevoli casi in cui gli uomini hanno usato e modificato animali per il nostro beneficio. Dai topi di laboratorio ai maiali geneticamente modificati, stiamo alterando la natura per trovare risposte, per soddisfare alcune necessità o per fini estetici.

Ora è il momento delle mini-mucche da compagnia. Esatto: ci sono alcuni allevatori di bovini che vendono mucche e tori allevati in allevamenti selettivi delle dimensioni di un animale domestico.

Il più famoso di loro è Dustin Pillard, che crea le mini-mucche nella sua fattoria nello stato americano dell’Iowa. È apparso nei giornali e nei telegiornali numerose volte da quando ha iniziato a produrre micro-bestiame nel 1995, ma le sue mucche in miniatura sono più piccole che mai.

Ha scoperto il concetto di mini-mucche nel 1992 quando partecipò a un’asta di bestiame. Era affascinato da quegli animali. Tre anni dopo, quando divenne proprietario di un ranch di 10 ettari, acquistò cinque di questi animali.

Le mucche e i tori di Pillard hanno un’altezza media di circa 84 cm.

Pagine