Invenzioni

Pronto il primo champagne adatto per essere bevuto nello spazio

Non sarà più un sogno per i futuri viaggiatori dello spazio fare un brindisi. Una società ha creato il primo champagne da bere a gravità zero

Creato il primo champagne per i futuri turisti dello spazio

I futuri viaggiatori dello spazio che vorranno fare un brindisi con uno champagne avranno un problema in meno da risolvere. La società Mumm International ha sviluppato il primo champagne che può essere consumato in un ambiente a gravità zero.

L'attuale prototipo ha richiesto tre anni per essere sviluppato e consiste in una bottiglia con due camere: una contenente la bevanda e l'altra una valvola speciale per poter servire il contenuto. Quando entrambi i lati sono collegati, la valvola utilizza la pressione del CO2 presente nel vino per servirlo in una piccola porzione sotto forma di schiuma.

Una striscia di alluminio nell'apertura della bottiglia consente alla schiuma di champagne di assumere la forma di una sfera e quindi non andare alla deriva sulla navicella spaziale. Per servirlo, vengono usati dei piccoli occhiali che aiutano il contenuto a non galleggiare attorno.

La stampa 4D sarà la prossima rivoluzione tecnologica

La stampa 4D e si basa sulla stampa di nuovi materiali chiamati intelligenti, cioè sottoposti a un cambiamento strutturale controllato da uno stimolo esterno

Con la stampa 3D sono stati fatti progressi nel settore industriale, nella ricerca dai prototipi industriali, nei biomateriali degradabili utilizzati nella medicina rigenerativa. Quello che segue è il 4D: trasformare questi materiali affinché possano muoversi o mutare di fronte a stimoli esterni.

Humberto Palza Cordero,(1) ingegnere dei materiali presso l'Università del Cile,(2) asserisce che la recente capacità di creare o costruire oggetti, strato per strato, e da un modello di calcolo virtuale, noto anche come stampa 3D, ha tutte le potenzialità per rivoluzionare il nostro mondo in aspetti che vanno ben oltre la tecnologia. Questa tecnologia ha prodotto significativi cambiamenti nei modelli di business, nella logistica di produzione e nella catena di approvvigionamento, così che oggi è un pilastro fondamentale in quella che è stata definita la terza rivoluzione industriale. Ciò che accadrà in futuro, in termini geopolitici, economici, sociali, demografici e ambientali, sarà equivalente alle precedenti rivoluzioni riconducibili al motore a vapore o ai processi di industrializzazione del primo Novecento.

Sembra storia, ma solo un decennio fa l'unico modo per generare un prototipo di qualsiasi prodotto era quello di processarlo in macchine o attrezzature industriali tradizionali ad un costo molto alto. Oggi, con una semplice progettazione assistita da computer, è possibile stampare qualsiasi prototipo, accelerando le innovazioni e le iniziative in molteplici ambiti. La stampa 3D è già ampiamente utilizzata dall'industria tradizionale per la produzione di pezzi di ricambio e parti nuove per aerei, treni e automobili. La stampa 3D è l'applicazione più efficacie in sostituzione ai processi di produzione tradizionali.

Tuttavia, il grande impatto della stampa 3D verrà con l'introduzione di nuovi prodotti e tecnologie. Forse uno degli esempi più interessanti in questo contesto è l'uso della stampa 3D nella medicina rigenerativa. Un requisito fondamentale nell'uso delle cellule staminali per trattamenti avanzati di rigenerazione dei tessuti è la costruzione di un'impalcatura tridimensionale che fornisce supporto alle cellule. Questo si basa sul fatto che le nostre cellule si trovano naturalmente nei tessuti che formano strutture 3D.

Nuovo modo per rimuovere l'accumulo di ghiaccio senza energia o sostanze chimiche

Il sistema per rimuovere l'accumulo di ghiaccio è basato su un materiale a tre strati che può essere applicato o addirittura spruzzato sulle superfici da trattare

Sistemi solari passivi possono evitare la formazione di ghiaccio sugli aeroplani e su vari altri tipi di superfici.

Un accumulo di ghiaccio nelle ali degli aerei, nelle linee elettriche, nelle pale delle turbine eoliche può compromettere le prestazioni ma anche cagionare conseguenze ben più gravi. Prevenire questo accumulo richiede di solito sistemi di riscaldamento ad alta intensità energetica o spray chimici dannosi per l'ambiente. Ora, i ricercatori del MIT hanno sviluppato un metodo completamente passivo, basato sull'energia solare, per combattere l'accumulo di ghiaccio.

Il sistema, straordinariamente semplice, è basato su un materiale a tre strati che può essere applicato o addirittura spruzzato sulle superfici da trattare. Raccoglie la radiazione solare, la converte in calore e diffonde quel calore intorno in modo che lo scioglimento non si limiti solo alle aree esposte direttamente alla luce solare. E, una volta applicato, non richiede ulteriori azioni o fonti di alimentazione. Può anche fungere da antigelo notturno, usando l'illuminazione artificiale.

Il nuovo sistema è descritto nella rivista Science Advances in un documento del dottor Kripa Varanasi,(1) professore e ingegnere meccanico del MIT di Boston e dei postdottorati Susmita Dash(2) e Jolet de Ruiter.

Il dottor Kripa Varanasi spiega: "La formazione di ghiaccio è un grosso problema per gli aeromobili, per le turbine eoliche, le linee elettriche, le piattaforme petrolifere offshore e molti altri luoghi. I metodi convenzionali per aggirare il formarsi di ghiaccio sono gli spray antighiaccio o il riscaldamento, ma questi possono provocare dei problemi".

Pagine