Cambiamenti climatici

La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

In Amazzonia i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria.

Un nuovo studio ha scoperto che nei modelli di ecosistemi non è stato adeguatamente preso in considerazione l'apporto insufficiente di nutrienti.

L'agricoltura, la silvicoltura e altri tipi di utilizzo del suolo rappresentano il 23% delle emissioni di gas serra provocate dall'uomo, ma allo stesso tempo i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria, secondo l’International Panel on Climate Change, che ha pubblicato il primo rapporto (1) completo in assoluto sulle interazioni tra terra e clima all'inizio di questo mese. Per quanto tempo la foresta pluviale amazzonica continuerà a fungere da efficace pozzo di assorbimento del carbonio?

Un team internazionale di scienziati, tra cui climatologi del Dipartimento dell'Energia del Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab), ha indagato su questa domanda e ha scoperto che i terreni carenti di fosforo hanno ridotto l'assorbimento di biossido di carbonio previsto in media del 50% in Amazzonia, rispetto alle stime attuali basate su precedenti modelli climatici che non hanno tenuto conto di questa carenza.

Il bacino amazzonico è fondamentale per aiutare a mitigare i cambiamenti climatici grazie ai suoi alberi che assorbono circa un quarto della CO2 rilasciata ogni anno dai combustibili fossili.

L'articolo, "Risposta della foresta amazzonica alla fertilizzazione con CO2 dipendente dall'acquisizione di fosforo nelle piante", è stato pubblicato il 5 agosto sulla rivista Nature Geoscience. (2)

Il riscaldamento del mar Adriatico nell'ultimo secolo

Il riscaldamento del mar Adriatico nell'ultimo secolo

La temperatura marina superficiale del nord Adriatico è sempre aumentata nell'ultimo secolo, così dice una serie di dati ricostruita dai ricercatori dell'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche. La serie temporale, tra le più lunghe del mediterraneo.

La temperatura marina superficiale del nord Adriatico nell'ultimo secolo è in aumento crescente. Ad attestarlo, un lavoro dell'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ismar), con sede in Area Science Park, condotto attraverso una serie di osservazioni effettuate nel porto di Trieste, e pubblicato di recente sulla rivista scientifica internazionale Earth System Science Data, (1) liberamente consultabile su una piattaforma open. (2) Le misurazioni abbracciano un intervallo di tempo di 117 anni e costituiscono una tra le più lunghe serie temporali esistenti relative alla temperatura del Mediterraneo.

“Avere serie temporali lunghe e per quanto possibile omogenee è fondamentale per comprendere se e come l'evoluzione recente del clima possa aver influito sui parametri fisici del mare, in questo caso sulla temperatura”, spiega Renato R. Colucci del Cnr-Ismar, coautore della ricerca “il problema è che, rispetto alle osservazioni meteorologiche, la complessità strumentale e logistica chiamata in causa dalle osservazioni marine ha per lungo tempo impedito la rilevazione di dati caratterizzati da sufficiente continuità e qualità. Per questo, andando indietro nel tempo, c'è carenza di dati e non risulta semplice costruire una serie come questa”, conclude Colucci.

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

A causa del surriscaldamento globale, gli ecosistemi marini subiranno riduzioni sia della biomassa che della biodiversità. Le comunità marine dovranno attuare delle strategie per il futuro basate sulle tendenze climatiche piuttosto che sui dati storici.

Un nuovo studio suggerisce come gli ecosistemi marini di tutto il mondo stiano sperimentando temperature oceaniche insolitamente alte più frequentemente di quanto i ricercatori si aspettassero in precedenza. Questi eventi di riscaldamento, comprese le ondate di calore marine, stanno sconvolgendo gli ecosistemi marini e le persone che dipendono da loro.

Il dottor Andrew Pershing, (1) Chief Scientific Officer presso il Gulf of Maine Research Institute, ha guidato lo studio, intitolato “Sfide per le comunità naturali e umane a causa di temperature oceaniche sorprendenti” (Challenges to natural and human communities from surprising ocean temperatures) e pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS). (2)

Come parte di questo nuovo studio, il dottor Pershing, la cui ricerca aveva precedentemente identificato il Golfo del Maine come uno degli ecosistemi a riscaldamento più rapido nell'oceano globale, ha osservato tendenze di riscaldamento simili in tutto il mondo.

Il dottor Andrew Pershing e i suoi colleghi hanno esaminato 65 grandi ecosistemi marini dal 1854-2018 per identificare la frequenza delle temperature oceaniche.

Pagine