I consumatori sprecano molto più cibo di quanto si creda


I consumatori sprecano molto più cibo di quanto si creda

Una nuova ricerca, che utilizza i dati sul fabbisogno energetico e sulla ricchezza dei consumatori, dimostra che si spreca più del doppio di quanto si crede comunemente.

Secondo uno studio, pubblicato sulla rivista PLOS ONE, (1) di Monika van den Bos Verma e colleghi dell'Università e ricerca di Wageningen, Paesi Bassi, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ha stimato che nel 2005 un terzo di tutti gli alimenti disponibili per il consumo umano è stato sprecato (in questo contesto, “rifiuti” si riferisce a alimenti idonei al consumo umano che sono rimasti intatti). Questa cifra ha continuato a servire da riferimento per l'estensione dello spreco alimentare globale.

Tuttavia, la metodologia della FAO non tiene conto del comportamento dei consumatori rispetto allo spreco alimentare e considera la sola fornitura di cibo nel determinare l'entità dello spreco alimentare. Questo studio è il primo a verificare se e in che modo la ricchezza dei consumatori può influire sugli sprechi alimentari.

Utilizzando un modello di metabolismo umano e dati provenienti dalla FAO, dalla Banca mondiale e dall'Organizzazione mondiale della sanità, la dottoressa Monika van den Bos Verma e colleghi hanno quantificato il rapporto tra spreco alimentare e benessere dei consumatori. Utilizzando questo modello, hanno creato un set di dati internazionale che fornisce stime dello spreco alimentare globale e specifico per Paese.

Gli autori hanno scoperto che una volta che la ricchezza dei consumatori raggiunge una soglia di spesa giornaliera di circa $ 6,70 pro capite, i rifiuti alimentari di consumo iniziano a crescere, aumentando rapidamente con l'aumento della ricchezza all'inizio, quindi poi a tassi molto più lenti a livelli più alti di ricchezza.

I loro dati hanno anche mostrato che le stime della FAO sullo spreco alimentare dei consumatori potrebbero essere troppo basse. Mentre la FAO ha stimato uno spreco alimentare di 214 Kcal / giorno pro capite nel 2015, questo modello ha stimato uno spreco di cibo come 527 Kcal / giorno pro capite per lo stesso anno.

Questo lavoro si basa sull'accuratezza dei dati della FAO, che potrebbero non essere sempre completi (ad esempio, le indagini sui paesi a basso reddito non includono sempre alimenti provenienti da agricoltura di sussistenza). Gli autori notano anche che ci sono molti attributi del consumatore che possono influenzare lo spreco alimentare oltre la ricchezza.

Tuttavia, questo lavoro suggerisce che per ottenere bassi sprechi alimentari globali, bisogna attuare questi obiettivi:

  1. ridurre i livelli elevati di rifiuti alimentari nei paesi ad alto reddito;
  2. impedire che i livelli di rifiuti aumentino rapidamente nei paesi a reddito medio-basso dove la ricchezza è in aumento potrebbe essere necessario.

Gli autori ritengono che il metodo alla base di questo studio possa essere utilizzato come principio per introdurre il controllo della ricchezza dei rifiuti come nuovo concetto nei modelli futuri, comprendere meglio e valutare le dimensioni attuali dei rifiuti alimentari e contribuire a misurare i progressi globali nella riduzione dei rifiuti alimentari.

Gli autori aggiungono: «una nuova ricerca che utilizza i dati sul fabbisogno energetico e sulla ricchezza dei consumatori dimostra che i consumatori sprecano più del doppio di quanto si crede comunemente. Fornisce una nuova base comparabile a livello globale rispetto alla quale si possono misurare i progressi sull'obiettivo internazionale di spreco alimentare e suggerisce un livello soglia di benessere dei consumatori attorno al quale avviare politiche di intervento per evitare che i rifiuti alimentari diventino un grosso problema.»

Finanziamento: MV, TA e MR hanno ricevuto finanziamenti dal Ministero degli affari economici olandese (sovvenzione del progetto # KB-22-002-005). I finanziatori non hanno avuto alcun ruolo nella progettazione dello studio, nella raccolta e analisi dei dati, nella decisione di pubblicare o nella preparazione del manoscritto.

Interessi concorrenti: gli autori hanno dichiarato che non esistono interessi in competizione.

Riferimenti:

(1) Consumers discard a lot more food than widely believed: Estimates of global food waste using an energy gap approach and affluence elasticity of food waste

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Consumers may be wasting more than twice as much food as commonly believed

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.