Vermi che mangiano plastica contenente additivi tossici


Vermi che mangiano plastica contenente additivi tossici

Un nuovo studio dimostra che i vermi della farina non sono solo in grado di mangiare varie forme di plastica, come hanno dimostrato ricerche precedenti, ma possono consumare additivi plastici potenzialmente tossici in polistirolo senza effetti negativi. I vermi possono quindi essere utilizzati come integratore alimentare sicuro e ricco di proteine.

Secondo un nuovo studio di Stanford, pubblicato in Environmental Science & Technology, (1) piccoli vermi possono rappresentare una soluzione al nostro gigantesco problema delle materie plastiche. Non solo sono in grado di consumare varie forme di plastica, come ha dimostrato una precedente ricerca di Stanford, ma possono anche mangiare polistirolo contenente un comune additivo chimico tossico e possono essere tranquillamente utilizzati come materie prime ricche di proteine per altri animali.

Lo studio è il primo a esaminare dove finiscono le sostanze chimiche plastiche dopo essere state scomposte in un sistema naturale. Serve come prova del concetto per derivare il valore dai rifiuti di plastica.

«Questo non è sicuramente quello che ci aspettavamo di vedere», ha detto l'autrice principale dello studio Anja Malawi Brandon, (2) dottoranda in ingegneria civile e ambientale a Stanford. «È sorprendente che i vermi della farina possano mangiare un additivo chimico senza che si accumuli nel loro corpo nel tempo.»

In un precedente lavoro, (3) ricercatori e collaboratori di Stanford, presso altre istituzioni, hanno rivelato che i vermi della farina, che sono facili da coltivare e ampiamente utilizzati come cibo per animali, come polli, serpenti, pesci e gamberi, possono sopravvivere con una dieta a base di vari tipi di plastica. Hanno scoperto che i microrganismi nelle viscere dei vermi biodegradano la plastica nel processo di digestione: una scoperta sorprendente e piena di speranza. Tuttavia, è rimasta la preoccupazione se fosse sicuro usare i vermi della farina in plastica come mangime per altri animali, data la possibilità che nel tempo i vermi chimici si accumulassero negli additivi plastici.

«Questo lavoro fornisce una risposta a molte persone che ci hanno chiesto se è sicuro nutrire gli animali con i vermi che hanno mangiato polistirolo», ha affermato il dottor Wei-Min Wu, (4) un ingegnere di ricerca senior del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale di Stanford (5) che ha diretto la maggior parte degli studi di Stanford sui vermi della plastica.

Studio sul polistirolo

Il dottor Anja Malawi Brandon e il dottor Wei-Min Wu, in sinergia con i loro colleghi, hanno esaminato il polistirolo, una plastica comune tipicamente utilizzata per l'imballaggio e l'isolamento, che è costoso da riciclare a causa della sua bassa densità e ingombro. Nella verifica si è constatata la presenza di una sostanza che funge da ritardante di fiamma, il hexabromocyclododecane (HBCD), che viene comunemente aggiunto al polistirene.

L'additivo è uno dei tanti utilizzati per migliorare le proprietà produttive della plastica o ridurre l'infiammabilità. Solo nel 2015, quasi 25 milioni di tonnellate di queste sostanze chimiche sono state aggiunte alla plastica, secondo vari studi. Alcuni, come l'HBCD, possono avere impatti significativi sulla salute e sull'ambiente, che vanno dalla distruzione endocrina alla neurotossicità. Per questo motivo, l'Unione Europea prevede di vietare l'HBCD e l'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti sta valutando il suo rischio.

Nell'esperimento, i vermi hanno digerito circa la metà del polistirolo che hanno consumato come piccoli frammenti parzialmente degradati e l'altra metà come biossido di carbonio. Con esso, hanno espulso l'HBCD - circa il 90 percento entro 24 ore dal consumo e sostanzialmente tutto dopo 48 ore. I vermi alimentati con una dieta costante di polistirene carico di HBCD erano sani come quelli che seguono una dieta normale.

I ricercatori riconoscono che l'HBCD escreto con i vermi della farina rappresenta ancora un pericolo e che altri additivi plastici comuni possono avere destini diversi all'interno dei vermi della farina che degradano la plastica. Pur sperando in soluzioni derivate da questi vermi per tentare di mitigare la crisi mondiale dei rifiuti di plastica, i ricercatori avvertono che risposte durature arriveranno solo sotto forma di materiali di ricambio in plastica biodegradabili e una riduzione della dipendenza dai prodotti monouso.

«Questa è uno stimolo», ha detto il dottor Brandon. «Ci ricorda che dobbiamo pensare a ciò che stiamo aggiungendo alla nostra plastica e al modo in cui la trattiamo.»

Co-autori dello studio includono Craig Criddle, (6) professore di ingegneria civile e ambientale presso la Stanford’s School of Engineering, (7) ricercatore presso lo Stanford Woods Institute for the Environment, (8) membro di Bio-X (9) e affiliato del Precourt Institute for Energy. (10) Altri coautori dello studio includono: Sahar El Abbadi, uno studente laureato in ingegneria civile e ambientale; Uwakmfon Ibekwe, uno studente universitario in ingegneria civile e ambientale al momento della ricerca e attuale studente laureato presso la Carnegie Mellon University; YeoMyoung Cho, ingegnere di ricerca senior in ingegneria civile e ambientale.

La ricerca è stata finanziata dallo Stanford Woods Institute for Environment, dalla National Science Foundation e dalla Stanford Interdisciplinary Graduate Fellowship.

Riferimenti:

(1) Fate of Hexabromocyclododecane (HBCD), A Common Flame Retardant, In Polystyrene-Degrading Mealworms: Elevated HBCD Levels in Egested Polymer but No Bioaccumulation

(2) Anja Malawi Brandon

(3) Plastic-eating worms may offer solution to mounting waste, Stanford researchers discover

(4) Wei-Min Wu

(5) Stanford’s Department of Civil and Environmental Engineering

(6) Craig Criddle

(7) Stanford’s School of Engineering

(8) Stanford Woods Institute for the Environment

(9) Bio-X

(10) Precourt Institute for Energy

Credit foto: Rob Jordan / Stanford Woods Institute for the Environment.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Stanford researchers show that mealworms can safely consume toxic additive-containing plastic

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.