Vivere meglio

Passeggiare nella natura modifica i nostri ormoni e trasforma il DNA

Natura Steve Jobs è noto per i suoi “meeting camminati” nel parco e lo stesso anche il fondatore di Facebook MarkZuckerberg. Se ci fai caso inoltre anche tu quando devi trovare una soluzione cominci a camminare avanti e dietro. Forse i ricercatori sono arrivati a dare una spiegazione.

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronali in modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.

Sicuramente camminare è utile per la perdita di peso, la prevenzione di malattie cardiovascolari ed un migliore metabolismo e temperatura corporea. In pochi sanno, però, che camminare ci rende più creativi e felici.

Purtroppo la maggior parte di noi vive in città e spende pochissimo tempo nel verde e nella natura rispetto a quanto avveniva alcune generazioni fa. Diverse ricerche(1) mostrano che chi vive nel grigio della città ha rischio maggiore di vivere disturbi psicologici ed ha un valore più alto degli ormoni dello stress.

Gregory Bratman dell’Università di Stanford in uno studio(2) precedente aveva scoperto che gli studenti che passeggiavano nel parco dell’università erano più attenti e felici di quelli che camminavano per lo stesso tempo nel traffico cittadino.

Le proprietà miracolose dello zenzero

ZenzeroLo zenzero (Zingiber officinale) è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Zingiberaceae originaria del Sud della Cina, viene coltivata in tutta la fascia tropicale e subtropicale.

Essa nasce da un rizoma carnoso e nodoso strisciante, marrone fuori e giallo dentro, che produce steli con foglie lanceolate e infiorescenze a forma di spiga tra il verde e il giallo, che emettono fiori rosa porpora.

Può essere coltivato anche in casa in un vaso largo, visto che il rizoma avanza orizzontalmente, piantando un pezzo del rizoma a pochi centimetri sotto la terra, annaffiando spesso e cercando di simulare un clima caldo umido tropicale, nebulizzando acqua e proteggendo la pianta dal freddo.

La pianta venne importata dai Romani ed usata con applicazione medicinale, ma si diffuse in Europa successivamente attraverso il Regno Unito dove prese il nome di Ginger.

Il rizoma, che si raccoglie dopo la fioritura, contiene i principi attivi della pianta: zingiberene, zingerone, gingeroli e shogaoli ed è la parte utilizzata in forma essiccata e polverizzata come spezia oppure fresca tagliata a fette. Esso è ricco di minerali: calcio, fosforo, potassio, magnesio, ferro, selenio, rame, zinco, manganese, sodio e vitamine del gruppo B ed E.

L'Orologio degli Organi secondo la Medicina tradizionale cinese

L'Orologio degli Organi - LibroVivi al ritmo della medicina tradizionale cinese

“I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi. Anche le terapie possono essere più efficaci in certi momenti, e potremmo perfino adeguare i nostri orari di lavoro all’orologio degli organi, il pacemaker interno”.

Nel corso del XXI secolo l’uomo si è allontanato sempre più dal suo naturale ritmo di vita. Spesso la nostra pianificazione quotidiana non viene più stabilita dalla naturale alternanza di giorno e notte, ma è strutturata da una serie di obblighi e di compiti impellenti ai quali lo svolgimento della giornata è costretto ad adeguarsi.

Per questo molte persone si sentono sotto pressione, hanno i nervi a fior di pelle e sono esaurite, dopodiché sviluppano i tipici sintomi da stress. Prima o poi la maggior parte di noi finisce per soffrire di disturbi ricorrenti del sonno, di emicrania, di problemi gastrointestinali o di perdita di energia, fino a provare sbalzi di umore di tipo depressivo.

Secondo le conoscenze terapeutiche millenarie della medicina tradizionale cinese (MTC), perfino il cosmo infinito è soggetto a una costante trasformazione, a un’alternanza di fasi di attività e di quiete, di yin e di yang, all’interazione dinamica degli opposti.

Pagine