Luna: trovate "tracce" di vita terrena

LunaLa superficie della luna si è rivelata essere coperta da una gigantesca quantità di ossigeno, elaborata da piante e microbi, successivamente “staccatasi” dall'atmosfera della terra per il vento solare.

Lo dicono gli astronomi in un articolo pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. Negli ultimi anni gli scienziati hanno cominciato a discutere l'ipotesi della panspermia, cioè l'idea che la vita possa essere stata inserita dalla Terra su altri pianeti del cosmo. Questa ipotesi, formulata dal famoso chimico svedese Svante Arrhenius, tuttavia, fino a poco tempo fa, non era seriamente presa in considerazione.

La situazione è cambiata dopo gli esperimenti a bordo dei razzi russi di serie Bion-M, in pratica la possibilità comprovata di sopravvivenza dei germi in caso di caduta di un meteorite sulla Terra. Inoltre, gli scienziati americani hanno dimostrato che resti fossili di vita terrena potrebbero essersi “rotti” sulla superficie della Terra con gli asteroidi arrivati dallo spazio, come potevano cadere in passato sulla Luna, Marte e altri pianeti. Kentaro Terada dell'università di Osaka, Giappone e i suoi colleghi, hanno trovato le prime possibili tracce di vita sulla luna, studiando i dati raccolti dalla sonda giapponese Kaguya, durante il suo lavoro in orbita intorno alla Terra.

Come dicono gli scienziati, ad aprile 2008, Kaguya era in un insolito punto dell'orbita, si trovava in realtà lungo una linea retta trasversale tra sole, terra, la stessa sonda e la luna, che si trova dietro di essa.

Questo ha permesso agli studiosi giapponesi per la prima volta di osservare come l'interazione del vento solare, ovvero un flusso di plasma caldo, luminare, con l'atmosfera della Terra possa aver influenzato la Luna nel passato fino ad oggi.

Le misurazioni, effettuate con l'aiuto dei sensori a ioni, in modo inaspettato, hanno rivelato che il vento solare, nonostante la Terra sia protetta da un potente “scudo” magnetico, genera un gran numero di ioni e molecole di ossigeno dall'atmosfera. La quota di isotopi pesanti e leggeri, il grado di ossidazione degli ioni, secondo gli scienziati, inconfondibilmente tipici dell'atmosfera terrestre, sintetizzato dai microbi, alghe o piante, generano ossigeno di origine biogenica. Una simile scoperta, come dice Terada, ha spiegato uno dei più antichi misteri della Luna.

Secondo gli scienziati, le prime misurazioni della composizione del suolo lunare hanno dimostrato che esso contiene molto ossigeno “pesante”, che dovrebbe essere molto poco nel plasma del vento solare. Si è scoperto che la sua fonte è la Terra, la cui atmosfera “bombarda” la luna di una grande quantità di ossigeno ogni volta che il nostro pianeta si frappone tra luna e sole.

Secondo le stime degli autori dell'articolo, per 4,4 miliardi di anni passati dalla nascita dei pianeti del sistema Solare, la luna ha assorbito circa 106 milioni di tonnellate di ossigeno terreno. Come sottolineano gli scienziati, questa è una stima molto prudente, poiché in passato la terra e la luna sono state più vicine e lo scudo magnetico della terra non era così forte.

Lo studio dei giacimenti di ossigeno sulla luna, come sottolineano gli scienziati, può aiutare a sapere come è nata l'atmosfera della Terra nel passato, quando sono apparsi i primi organismi fotosintetici, come è cambiata la concentrazione dei principali elementi di vita negli ultimi miliardi di anni.

Foto di WerbeFabrik / Fonte: it.sputniknews.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.