Le minuscole lumache dell'Artico


Le minuscole lumache dell'Artico

Gli scienziati dell'Università di San Pietroburgo studiano tutte le minuscole lumache nell'Artico. Le informazioni raccolte aiuteranno a conoscere meglio l'inquinamento dell'ecosistema marino e i cambiamenti climatici.

In un articolo, pubblicato sulla rivista Systematics and Biodiversity, (1) si spiega che i microgastropodi con guscio sono lumache le cui dimensioni sono inferiori a cinque millimetri. Rappresentano uno dei gruppi meno studiati di organismi viventi metazoi negli oceani. Il dottor Ivan O. Nekhaev (2) è un ricercatore associato presso il Dipartimento di Ecologia Applicata dell'Università di San Pietroburgo ed Ekaterina Krol è una studentessa di dottorato. Hanno riassunto e analizzato le informazioni attualmente conosciute sulla composizione delle specie e sullo stile di vita di questi animali nel settore orientale dell'Artico.

In totale, almeno 66 specie di microgastropodi, appartenenti a quattro sottoclassi, vivono nella regione. Due delle specie sono già state descritte in recenti studi dagli autori della presente recensione. Inoltre, per la pubblicazione sono in preparazione descrizioni di altre due specie. In più della metà delle specie i ricercatori hanno studiato solo l'aspetto esterno del guscio. I dettagli importanti della struttura interna e della sequenza dei geni, tradizionalmente utilizzati nella classificazione degli animali, rimangono di norma sconosciuti nei microgastropodi.

«A partire dal 18° secolo, le lumache sono state classificate in base al loro guscio: si credeva che ogni specie avesse la sua forma. Successivamente i molluschi hanno iniziato a essere sezionati e solo nella fase attuale gli scienziati hanno iniziato a studiare il loro DNA. Questi studi hanno mostrato incoerenze nella classificazione per shell», ha spiegato Ivan O. Nekhaev, il primo autore dell'articolo. «Studiare questi animali non è facile. Immagina un mollusco di due millimetri di fronte a te. Da esso, è necessario estrarre il suo sistema riproduttivo, che misura decimi di millimetro. Questo è un lavoro molto delicato, laborioso e meticoloso.»

Secondo Ivan O. Nekhaev, la diversità biologica dell'Artico è stata studiata in modo estremamente irregolare. Vi è una quantità relativamente grande di dati su animali di grossa taglia che sono facili da vedere. Tuttavia, ci sono pochissime informazioni su altri gruppi come i micromolluschi, che includono microgastropodi a guscio. Gli scienziati hanno bisogno di queste informazioni per capire: com'è l'Artico; come si è formata la sua fauna; come gli ecosistemi rispondono ai cambiamenti climatici associati alle attività umane.

I molluschi artici diventano regolarmente figure centrali nelle pubblicazioni sui cambiamenti climatici. Ciò è generalmente dovuto al fatto che le lumache, che vivono nelle aree più meridionali, si trovano nei territori settentrionali. Tuttavia, tali conclusioni non hanno spesso un background scientifico sufficiente, poiché i ricercatori non hanno dati completi sui tipi di micromolluschi. Teoricamente, una lumaca migrante proveniente dal sud potrebbe rivelarsi un “nordista” poco conosciuto.

1 - Skenea trochoides (Skeneidae); 2 - Anatoma crispata (Anatomidae); 3 - Moelleria costulata (Colonidae); 4 - Leptogyra bujnitzkii (Melanodrymiidae); 5 - Nepotilla amoena (Raphitomidae); 6 - Alvania verrilli (Rissoidae); 7 - Aclis sarsi (Aclididae); 8 - Peringia ulvae (Hydrobiidae); 9 - Skeneopsis planorbis (Skeneopsidae); 10 - Eulima bilineata (Eulimidae); 11 - Onoba improcera (Rissoidae); 12 - Elachisina globuloides (Elachisinidae); 13 - Retusa obtusa (Retusidae); 14 - Philine denticulata (Philinidae); 15 - Diaphana makarovi (Diaphanidae); 16 - Menestho truncatula (Pyramidellidae); 17 - Rissoella globularis (Rissoellidae); 18 - Omalogyra atomus (Omalogyridae)

«Nonostante la somiglianza formale, la fisiologia e i requisiti per le condizioni di vita di questi animali possono variare in modo significativo. La forma del guscio di alcune specie è tipica delle aree più meridionali. Quando vengono trovati, è spesso scritto che ciò è dovuto al cambiamento climatico. Tali pubblicazioni aumentano la consistenza delle informazioni, il che rende difficile catturare reali cambiamenti negli ecosistemi», ha affermato Ivan O. Nekhaev.

Le lumache artiche possono dire agli scienziati non solo degli effetti del riscaldamento climatico, ma anche del livello di inquinamento ambientale. I grandi numeri e l'identificazione relativamente semplice di alcune specie comuni li rendono oggetti molto utili per tali studi. Ad esempio, è stato scoperto che le lumache Boreocingula martyni e Onoba aculeus hanno iposex, un'anomalia nello sviluppo causata dai composti organotinici. È caratterizzato dal fatto che gli organi riproduttivi maschili compaiono nelle lumache femminili. Fino al 2008, i composti di organotina venivano utilizzati come parte delle vernici per proteggere le navi e le strutture portuali dall'incrostazione della crescita marina. Tuttavia, gli effetti negativi dell'uso di queste sostanze tossiche sono ancora registrati.

Inoltre, i microgastropodi svolgono molte funzioni negli ecosistemi marini. Variano notevolmente nel tipo di dieta e stile di vita. Alcuni si nutrono di alghe o detriti vegetali. Molte specie mangiano animali unicellulari: foraminiferi o metazoi ancora più piccoli. Alcune specie sono parassiti e simbionti di echinodermi e vermi policheti. Nonostante le loro dimensioni ridotte, in alcuni casi, specialmente nelle regioni costiere, i micromolluschi possono costituire una parte significativa della biomassa delle comunità marine.

Il Mare di Barents, e in particolare la sua parte sud-occidentale, è l'habitat per la maggior parte delle specie - 51 su 66. In altri mari dell'Artico orientale, sono conosciute solo 10-20 specie e solo nove specie si trovano nelle acque profonde del Bacino artico. Questa distribuzione è in gran parte dovuta all'insufficiente conoscenza della maggior parte delle regioni artiche. Tuttavia, un'analisi della somiglianza della composizione delle specie in diverse regioni ha anche rivelato una connessione tra la distribuzione delle specie e le condizioni idrologiche.

A differenza di altri gruppi animali, l'interesse per lo studio dei microgastropodi non è aumentato con l'avvento di nuovi metodi per studiare la morfologia dei piccoli organismi. Secondo il dottor Ivan O. Nekhaev, ciò può essere spiegato da due fattori: «In primo luogo, nonostante lo sviluppo della microscopia elettronica, i metodi di raccolta dei campioni non sono cambiati dalla metà del secolo scorso. Non possiamo raccogliere correttamente questa fauna durante le principali spedizioni marine nell'Artico, perché l'uso della microscopia elettronica richiede la pronta fissazione dei campioni. Farlo a bordo della nave è problematico. In secondo luogo, il feedback negativo funziona: meno si sa degli animali, meno gli specialisti sono interessati a loro. Ciò è negativo se stiamo parlando di valutare la diversità biologica e i dati che tali studi possono portare. Tuttavia, per la zoologia moderna, questa è una situazione normale. Il fatto è che ci sono molti animali e ci sono poche persone che li studiano.»

Riferimenti:

(1) Hidden under ice and mud: diversity of shell-bearing microgastropods in the eastern Arctic seas

(2) Ivan O. Nekhaev

Descrizione foto: Microgastropodi con guscio. - Credit: SPbU.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: St Petersburg University scientists count all the tiny snails in the Arctic

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.