Il futuro fabbisogno calorico globale umano


Il futuro fabbisogno calorico globale umano

I ricercatori dell'Università di Göttingen studiano le relazioni tra le dimensioni del nostro corpo e il fabbisogno calorico globale umano.

La quantità di cibo necessaria per nutrire la popolazione mondiale in futuro è di vitale importanza. Fino ad oggi, gli scienziati hanno considerato questa domanda solo dal punto di vista della quantità di cibo che le persone possono permettersi di acquistare, di quanto cibo è sano o di cosa può essere prodotto in modo sostenibile. Tuttavia, i ricercatori dell'Università di Göttingen hanno ora analizzato come è probabile che la quantità effettiva di cibo che le persone vorrebbero mangiare possa cambiare. Un indice di massa corporea in aumento (IMC), che valuta il peso in relazione all'altezza e un'altezza corporea in aumento porta ad un marcato aumento del fabbisogno calorico globale. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista PLOS ONE. (1)

Nella maggior parte dei paesi, l'altezza media e la dimensione corporea sono in aumento. Più deve essere mangiato per mantenere il peso più elevato. L'economista dello sviluppo, il professor Stephan Klasen, (2) della Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Göttingen, e il suo allora studente di dottorato, Lutz Depenbusch, (3) hanno progettato uno scenario per studiare come sviluppare l'apporto calorico tra il 2010 e il 2100. Precedenti cambiamenti nei Paesi Bassi e il Messico è stato usato come punto di riferimento.

“Gli sviluppi in questi paesi sono molto pronunciati”, afferma Depenbusch, “ma rappresentano uno scenario realistico”. Anche se sia il IMC che l'altezza dovessero rimanere costanti, il fabbisogno calorico globale aumenterebbe di oltre il 60 percento entro il 2100 a causa della crescita della popolazione. Con l'aumento dell'IMC, come osservato in Messico, e l'aumento dell'altezza, come visto nei Paesi Bassi, ci sarebbe un ulteriore aumento di oltre il 18 percento. Ciò significa che l'aumento del fabbisogno calorico globale tra il 2010 e il 2100 sarebbe un terzo più grande, raggiungendo un aumento totale di quasi l'80%.

Se la produzione alimentare globale non soddisfa questa crescente necessità, i ricercatori temono che questo problema non sarà controllato da una corrispondente riduzione dell'IMC (indice di massa corporea). Mentre le persone più ricche saranno in grado di mantenere le loro abitudini alimentari, i poveri soffriranno notevolmente per i prezzi più alti a causa dell'aumento della domanda. “Ciò porterebbe ad un aumento del consumo di cibo economico, spesso ricco di calorie ma povero di nutrienti”, afferma il dottor Lutz Depenbusch. “Di conseguenza, il peso corporeo tra i poveri continuerebbe a crescere insieme alla malnutrizione e ai risultati di salute più scarsi”.

Riferimenti:

(1) The effect of bigger human bodies on the future global calorie requirements

(2) Stephan Klasen

(3) Lutz Depenbusch

Descrizione foto: variazione percentuale della quantità annua di calorie richiesta dalla popolazione tra il 2010 e il 2100, ipotizzando un aumento del peso corporeo e una crescita della popolazione. La proiezione dell'aumento di peso si basa sul presupposto che tutti i paesi seguiranno lo sviluppo storico delle dimensioni e del peso corporeo in Messico e dell'altezza nei Paesi Bassi prima del 2010. - Credit: Lutz Depenbusch.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Press release: How much will we eat in the future?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.