Il clima è correlato ai rischi di conflitti


Il clima è correlato ai rischi di conflitti

Secondo una ricerca il rischio di conflitti armati è maggiore dopo un disastro legato al clima, ma solo nei paesi vulnerabili. L'autore principale il dottor Tobias Ide dell'Università di Melbourne ha affermato che i disastri climatici includono tempeste, inondazioni e siccità, la cui frequenza e intensità aumenteranno in futuro a causa dei cambiamenti climatici.

Il dottor Tobias Ide, (1) della DEKRA, dice: «gli incendi boschivi in Australia non scateneranno una guerra civile in quanto lo stato gode di una forte stabilità democratica e quindi in grado di ristabilire l'armonia sociale, ma quando si tratta di siccità in Nigeria o tempeste in Pakistan, dove si hanno grandi popolazioni emarginate e poca presenza statale, il quadro potrebbe benissimo cambiare.»

Il documento, pubblicato sulla rivista Global Environmental Change, (2) fornisce prove inestimabili per i responsabili politici come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che è stato invitato a investire nell'adattamento al clima e nella riduzione del rischio per i milioni di persone che già soffrono degli effetti di cambiamento climatico.

Il dottor Tobias Ide spiega: «la domanda 'Un mondo in riscaldamento sarà anche un mondo con conflitti più violenti e armati?' È il risultato molto reale per i leader politici e le società civili di tutto il mondo. Il cambiamento climatico aggrava ulteriormente le tensioni sociali e politiche, quindi i disastri del cambiamento climatico possono agire come un moltiplicatore di minacce per i conflitti violenti. Solo i paesi con una vasta popolazione, l'esclusione politica dei gruppi etnici e livelli relativamente bassi di sviluppo economico, sono sensibili ai legami di disastro-conflitto. Le misure per rendere le società più inclusive e più ricche sono, quindi, opzioni senza rimpianti per aumentare la sicurezza in un mondo in fase di riscaldamento.»

La ricerca sugli effetti dei cambiamenti climatici e sulla violenza armata è stata precedentemente aperta all'interpretazione, ma il dottor Tobias Ide e i suoi colleghi affermano che il loro studio dimostra che i disastri legati al clima aumentano i rischi di conflitti armati.

Il coautore Carl-Friedrich Schleussner (3) di Climate Analytics spiega: «troviamo che quasi un terzo di tutte le insorgenze di conflitti nei paesi vulnerabili, negli ultimi dieci anni, è stato preceduto da un disastro legato al clima entro sette giorni. Questo, tuttavia, non significa che i disastri causino conflitti, ma piuttosto che il verificarsi di disastri aumenti i rischi di un focolaio.»

Il dottor Tobias Ide ha aggiunto: «se guardiamo a ciò che è accaduto in Mali quando si è verificata una grave siccità nel giugno 2009, possiamo vedere che il gruppo militante Al Qaeda nel Maghreb islamico (AQIM) ha sfruttato la conseguente debolezza dello stato e la disperazione della popolazione locale per reclutare combattenti ed espandere la propria area operativa. Le Filippine erano un altro paese in cui i disastri ricorrenti indebolivano le strutture governative nelle regioni contese, aprendo così uno spazio per i gruppi ribelli.»

Nella stragrande maggioranza dei casi, i fattori di opportunità hanno guidato l'insorgenza della violenza armata. Invece di risentire delle popolazioni, i ribelli hanno sfruttato la debolezza temporanea dello stato dopo un disastro, per mettere in scena attacchi.

Il dottor Michael Brzoska, (4) coautore e ricercatore associato associato dell'Università di Amburgo, ha dichiarato: «Il risultato più sorprendente del nostro studio per me è stata la prevalenza di opportunità di violenza armata rispetto a quelle legate a rimostranze in situazioni post-disastro.»

Lo studio ha adottato un approccio innovativo che combina diversi metodi di ricerca. Il coautore Jonathan Donges di Potsdam Institute for Climate Impacts Research, ha affermato: «per la prima volta, abbiamo riunito analisi statistiche a livello globale con valutazioni di casi studio che ci consentono di valutare la solidità dei nostri risultati e di confrontare le singole circostanze di ciascun caso.»

Riferimenti:

(1) Tobias Ide

(2) Multi-method evidence for when and how climate-related disasters contribute to armed conflict risk

(3) Carl-Friedrich Schleussner

(4) Michael Brzoska

Descrizione foto: i cambiamenti climatici peggiorano ulteriormente le tensioni sociali e politiche, come nelle Filippine, dove i disastri ricorrenti indeboliscono le strutture governative nelle regioni contese, aprendo uno spazio per i gruppi ribelli. - Credit: InsideClimate News.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Climate-related disasters increase risks of conflict in vulnerable countries, research shows

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.