Una dieta sana diminuisce i costi della sanità


Una dieta sana diminuisce i costi della sanità

Dopo aver esaminato 10 fattori dietetici, si è accertato come negli Stati Uniti la dieta malsana rappresenta quasi il 20% dei costi di malattie cardiache, ictus e diabete.

Una dieta non salutare è uno dei principali fattori di rischio per cattive condizioni di salute. Questo stile errato di vita è responsabile fino al 45% di tutti i decessi per malattie cardiometaboliche (Coronary Microvascular Dysfunction - CMD), come patologie cardiache, ictus e diabete di tipo 2. Ma l'onere economico nazionale delle abitudini alimentari malsane rimane sconosciuto.

Un nuovo studio, condotto dai ricercatori del Brigham and Women's Hospital, in collaborazione con gli investigatori della Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University, ha analizzato l'impatto di 10 fattori dietetici, incluso il consumo di frutta e verdura, noci e semi, carni lavorate e altro ancora stimando i costi annuali di CMD delle abitudini alimentari non ottimali. Il team conclude che la dieta non ottimale costa circa 300 dollari a persona, o 50 miliardi di dollari a livello nazionale, rappresentando il 18% di tutti i costi di malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2 negli Stati Uniti. I risultati del team sono pubblicati su PLOS Medicine. (1)

“C'è molto da guadagnare in termini di riduzione del rischio e dei costi associati a malattie cardiache, ictus e diabete apportando modifiche relativamente semplici alla propria dieta”, ha dichiarato l'autore corrispondente Thomas Gaziano, MD, MSc, (2) della divisione di medicina cardiovascolare presso il Brigham. “Il nostro studio indica che gli alimenti acquistati possono avere un grande impatto. Mi sono sorpreso nel constatare una riduzione fino al 20% dei costi associati a queste malattie cardiometaboliche”.

Per condurre il loro studio, il dottor Gaziano e colleghi, tra cui la dottoressa Renata Micha, PhD, (3) professore di ricerca associato presso Tufts, si sono concentrati sull'impatto di 10 gruppi alimentari: frutta, verdura, noci/semi, cereali integrali, carni rosse non trasformate, carni lavorate, bevande zuccherate, grassi polinsaturi, grassi di pesce omega-3 e sodio). Utilizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), il team ha creato un campione rappresentativo della popolazione statunitense comprendente persone di età compresa tra 35 e 85 anni. Con l'impiego di un modello sviluppato dal team, definito il modello CVD PREDICT, è stato analizzato il rischio individuale di patologia cardiometabolica e i costi associati per la popolazione campione sulla base degli attuali schemi dietetici degli intervistati. I ricercatori hanno quindi ricalcolato i costi per la CMD (Coronary Microvascular Dysfunction) nel momento in cui la dieta di tutti è stata ottimizzata somministrando le quantità più sane dei 10 alimenti e sostanze nutritive.

Il team ha scoperto che le diete non ottimali ammontano a 301 dollari a persona in termini di costi relativi alla CMD. Ciò si traduce in una spesa che supera i 50 miliardi di dollari a livello nazionale, l'84% dei quali è dovuto a cure acute. I costi erano più alti per quelli con Medicare (481 dollari a persona) e quelli che avevano diritto sia a Medicare che a Medicaid (536 dollari a persona).

“Abbiamo accumulato prove dal lavoro di ricerca collaborativa Food-PRICE per sostenere i cambiamenti delle politiche incentrati sul miglioramento della salute a livello di popolazione. Un fattore trainante per tali cambiamenti è identificare l'onere economico esorbitante associato alle malattie croniche causate dalle nostre diete povere. Questo studio fornisce ulteriori prove che tali costi sono inaccettabili. Nel momento in cui le persone cambiano il proprio regime alimentare, abbiamo bisogno di soluzioni innovative, che coinvolgano i responsabili politici, l'industria agroalimentare, le organizzazioni sanitarie e le organizzazioni di sostegno non profit, per attuare cambiamenti con lo scopo di migliorare la salute di tutti gli americani”, ha affermato l'autore senior Renata Micha della Friedman School of Nutrition Science and Policy di Tufts.

Tre fattori dietetici hanno contribuito maggiormente a questi costi: consumo di carni trasformate, basso consumo di noci, semi e frutti di mare contenenti grassi omega-3.

Il team osserva che il presente studio potrebbe sottostimare il costo inerente alle errate abitudini alimentari poiché i fattori dietetici possono contribuire anche al rischio di contrarre il cancro. Mentre lo studio si concentra su 10 fattori dietetici per i quali vi erano dati affidabili, altri possono influenzare anche i rischi e i costi. Inoltre, lo studio si è basato su dati inerenti all'assunzione della dieta raccolti da questionari che hanno chiesto agli intervistati di ricordare quali alimenti avevano consumato nelle ultime 24 ore. Gli intervistati possono aver sottostimato le scelte alimentari insalubri o di aver rammentato in modo inesatto ciò che avevano consumato.

Questa ricerca è stata sostenuta dal National Institutes of Health e dal National Heart, Lung, and Blood Institute (R01 HL130735).

La dottoressa Renata Micha è uno delle principali ricercatrici di una borsa di ricerca di Unilever su un progetto avviato dallo sperimentatore per valutare gli effetti dei biomarcatori di acidi grassi omega-6 sul diabete e sulle malattie cardiache e riporta le tasse personali della Banca Mondiale e di Bunge.

Il dottor Thomas Andrew Gaziano riporta finanziamenti per la ricerca di Novartis e spese personali per la consulenza dell'Organizzazione mondiale della sanità e di Amgen. Questo studio è stato condotto nell'ambito del lavoro sulla revisione della politica alimentare e sull'efficacia dei costi di intervento (Food-PRICE).

Brigham Health, leader globale nella creazione di un mondo più sano, è composta dall'ospedale Brigham and Women's, dall'ospedale Brigham and Women's Faulkner, dalla Brigham and Women's Physician Organization e da molti servizi e programmi correlati. Con oltre 1.000 letti di degenza, circa 60.000 degenze e 1,7 milioni di interventi ambulatoriali ogni anno, i 1.200 medici di Brigham Health forniscono assistenza specialistica praticamente in ogni specialità medica e chirurgica ai pazienti a livello locale, regionale e mondiale. Leader internazionale nella ricerca di base, clinica e traslazionale, Brigham Health ha quasi 5.000 scienziati, tra cui investigatori medici, rinomati ricercatori biomedici e docenti supportati da oltre 700 milioni di dollari di finanziamenti. La preminenza medica del Brigham risale al 1832 e ora, con 19.000 dipendenti, questa ricca storia è la base del suo impegno nella ricerca, innovazione e comunità. Il Brigham and Women's Hospital, con sede a Boston, è un affiliato della Harvard Medical School e si dedica all'istruzione e alla formazione della prossima generazione di operatori sanitari. (4)

Riferimenti:

(1) Cardiometabolic disease costs associated with suboptimal diet in the United States: A cost analysis based on a microsimulation model

(2) Thomas Andrew Gaziano

(3) Renata Micha

(4) Brigham and Women's Hospital

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Healthy diet could save $50 billion in health care costs

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.