Relazione tra pipistrelli e insetti katydid


Relazione tra pipistrelli e insetti katydid

Uno studio scientifico suggerisce importanti indizi sulla relazione predatore-preda tra pipistrelli e gli insetti katydid (Tettigoniidi).

Gli ecosistemi possono essere incredibilmente complessi, con molte specie interagenti. In molti habitat, i predatori modellano il loro comportamento delle prede e le prede modellano il comportamento dei predatori. Questo documento, pubblicato su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences (1) fornisce uno sguardo dettagliato alla relazione predatore-preda tra pipistrelli e katydid (Tettigoniidae), (2) un gruppo di insetti legati ai grilli e alle cavallette.

Alcune specie di pipistrelli cacciano i katydidi (Tettigoniidae) ascoltando di nascosto i loro richiami di accoppiamento. Tuttavia, i katydid non sono indifesi. Molte specie di katydid hanno orecchie in grado di sentire i richiami di ecolocalizzazione ultrasonici dei pipistrelli.

In alcuni habitat, i katydid smettono di chiamare quando sentono i richiami di ecolocalizzazione dei pipistrelli. Abbiamo studiato, spiegano gli scienziati, i katydidi nelle foreste neotropicali e abbiamo previsto che avrebbero smesso di chiamare quando avrebbero sentito i richiami di ecolocalizzazione dei pipistrelli in avvicinamento. Quello che abbiamo scoperto è stata una sorpresa: la maggior parte delle specie katydid ha continuato a chiamare anche quando hanno sentito i richiami di ecolocalizzazione dei pipistrelli predatori che origliavano.

Nelle foreste neotropicali ci sono molte specie di pipistrelli. Alcuni di questi pipistrelli mangiano frutta e altri catturano insetti volanti. La maggior parte di queste specie di pipistrelli non rappresenta un rischio per un katydid appollaiato e cantante. Tuttavia, tutti questi pipistrelli producono ecolocalizzazione, quindi mentre la foresta è piena di chiamate di ecolocalizzazione, meno del 4% di quelle chiamate proviene da pipistrelli che potrebbero origliare le chiamate dei katydid. Per un katydid, questo significa che chiamare è molto rischioso, ma poiché ci sono così tanti pipistrelli che producono chiamate di ecolocalizzazione, se i katydid smettessero di cantare quando sentono l'ecolocalizzazione, avrebbero poche opportunità di attirare un compagno.

Misurando l'attività neurale dalle loro orecchie, sappiamo che i katydid sono in grado di sentire i pipistrelli, ma la maggior parte delle specie che abbiamo studiato canta alla stessa velocità, indipendentemente dal fatto che stiano ascoltando i pipistrelli. La maggior parte delle specie che abbiamo studiato ha una strategia più proattiva, utilizzando chiamate molto brevi e molto rare. Molte specie producono pochissimo suono ... meno di due secondi per insetto a notte!

Questo è un bell'esempio di come l'evoluzione delle relazioni predatore-preda è influenzata da altre specie nell'ambiente, sottolineando le dinamiche complesse e interconnesse degli ecosistemi naturali.

Riferimenti:

(1) Sheep in wolves’ clothing: prey rely on proactive defences when predator and non-predator cues are similar

(2) Tettigoniidae

Descrizione foto: In ordine da sinistra a destra: Steirodon stalii, Phylloptera dimidiata, Copiphora brevirostris. - Credit: Christian Ziegler.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: What did the katydids do when picking up bat sounds?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.