Piante da fiore per le api cittadine


Piante da fiore per le api cittadine

Secondo un team internazionale di ricercatori, alberi, arbusti e viti legnose sono tra le migliori fonti alimentari per le api da miele negli ambienti urbani.

Usando le api da miele ospitate negli apiari a Filadelfia, i ricercatori hanno identificato le specie vegetali dalle quali le api da miele hanno raccolto la maggior parte del loro cibo e hanno monitorato come queste risorse alimentari sono cambiate dalla primavera all'autunno. I risultati della ricerca possono essere utili a proprietari di case, apicoltori e gestori di terreni urbani che desiderano sostenere le api da miele e altre specie di api e impollinatori.

«Sappiamo che le città possono supportare una sorprendente diversità di specie di api; tuttavia, le città sono ambienti complessi e i tradizionali metodi di rilevamento floreale possono essere difficili da implementare», ha affermato la dottoressa Christina Grozinger, (1) illustre professoressa di entomologia e direttrice del Center for Pollinator Research, Penn State. «Analizzando il polline che le api da miele riportavano nelle loro colonie e come i pesi di queste colonie cambiassero ogni ora, siamo stati in grado di identificare le piante da fiore che forniscono più nutrimento per le api a Filadelfia e capire come queste risorse cambiano attraverso le stagioni.»

I ricercatori hanno installato 12 apiari, ciascuno contenente tre colonie di api da miele, in località di Filadelfia. Ogni colonia era dotata di una trappola per polline per catturare il polline in arrivo e una bilancia per registrare ogni ora il suo peso. Il team ha visitato ogni apiario mensilmente per raccogliere campioni di polline. Hanno sequenziato il DNA dai campioni per determinare quali generi vegetali erano presenti in ciascun campione. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista Ecosphere. (2)

«Il nostro è il primo studio a combinare due nuove tecniche - il monitoraggio continuo del peso della colonia e la metabarcodazione del DNA di polline - per rispondere simultaneamente alle domande di 'cosa' e 'quanto' rispetto ai fiori che sono disponibili per alimentare gli insetti», ha asserito il dottor Douglas Sponsler, studioso post-dottorato in entomologia, Penn State. «I modelli di peso delle colonie ci dicono quando le risorse sono abbondanti e quando sono scarse. La metabarcodazione del DNA pollinico ci dice quali piante sono disponibili in un determinato momento e come la comunità floreale cambia durante l'anno.»

Il team ha scoperto che la disponibilità di risorse floreali a Filadelfia segue un modello stagionale costante: le risorse floreali sono abbondanti in primavera, scarse in estate e di nuovo brevemente abbondanti a fine estate e inizio autunno prima di diventare scarse per il resto dell'anno.

In particolare, alberi come aceri, querce e salici erano le più importanti fonti di polline primaverili. Durante l'estate, quando le risorse erano scarse, il mirto crepe, l'albero di pagoda giapponese e il bastone da passeggio del diavolo emersero come specie importanti. In estate e in autunno, le viti legnose, come la pianta rampicante della Virginia, l'edera inglese e la clematide autunnale, dominavano i campioni di polline.

«Le viti non sono tradizionalmente considerate le principali risorse di foraggiamento per gli impollinatori e ciò che abbiamo scoperto nel nostro sistema di studio potrebbe essere una novità degli ecosistemi urbani», ha affermato il dottor Douglas Sponsler. «Viti come quelli che abbiamo trovato prosperano sulle superfici verticali degli ambienti costruiti, e molti di loro sono stati introdotti dagli umani come piante da giardino.»

Secondo i ricercatori, lo studio evidenzia almeno tre risultati attuabili:

  1. le api hanno bisogno di alberi in fiore, quindi la silvicoltura urbana dovrebbe essere una priorità assoluta nella gestione del territorio urbano;
  2. molte delle piante che erano importanti nello studio sono associate ad habitat un tempo disturbati che ora ospitano ricche risorse floreali, quindi le aree infestanti dovrebbero essere valutate;
  3. mentre le specie di piante autoctone sono di solito le migliori per sostenere le api e altri impollinatori, le specie di piante ornamentali possono fornire anche importanti risorse nutrizionali, in particolare nei periodi in cui altre piante non fioriscono.

«Bisogna fare attenzione per evitare che le piante con un forte potenziale diventino invasive», ha dichiarato Sponsler. «Ma per quanto riguarda le piante ornamentali, specie in fiore come la pagoda giapponese e il mirto crepe potrebbero alleviare la carenza stagionale di risorse floreali. Negli Stati Uniti orientali, specie autoctone come il redbud orientale, il tiglio americano e alcune varietà di ortensie sono buone opzioni per l'ornamentale piantagioni.»

La dottoressa Christina Grozinger ha osservato che, sebbene si debba usare cautela nell'estrapolazione dei risultati in città oltre Filadelfia, la coerenza complessiva dei risultati del team con insiemi di dati comparabili suggerisce che i modelli visti nei dati sono probabilmente gli stessi di quelli trovati in luoghi simili. Christina Grozinger ha notato che diversi altri studi (3) del loro gruppo hanno scoperto che le piante ornamentali (4) possono fornire una buona alimentazione per le api e spesso forniscono fioriture per tutta la stagione. Ulteriori informazioni sulla creazione di giardini per impollinatori sono disponibili sul sito del programma di certificazione per giardini impollinatori Penn State Master Gardeners. (5)

«I nostri dati possono informare la gestione del territorio urbano, come la progettazione di piantagioni ornamentali ecologicamente funzionali, fornendo al contempo una guida pratica agli apicoltori che cercano di adattare le loro attività di gestione alla stagionalità delle risorse floreali», ha affermato la Grozinger.

Maggiori informazioni su questo progetto sono disponibili su Research to help plant growers protect bees and manage pests. (6)

Altri autori del documento includono Don Shump, proprietario della Philadelphia Bee Company e Rodney Richardson, ricercatore post dottorato presso la York University. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha sostenuto questa ricerca.

Riferimenti:

(1) Christina Grozinger

(2) Characterizing the floral resources of a North American metropolis using a honey bee foraging assay

(3) New Study Identifies Ornamental Nursery Plants Used by Honey Bees for Pollen

(4) Some Pollinators Swipe Right on Annual Ornamental Flowers

(5) Center for Pollinator Research

(6) Research to help plant growers protect bees and manage pests

Descrizione foto: i ricercatori hanno scoperto che gli alberi, come aceri, querce e salici, erano le più importanti fonti di polline primaverili per le api da miele. Durante l'estate, quando le risorse erano scarse, il mirto crepe, l'albero di pagoda giapponese e il bastone da passeggio del diavolo emersero come specie importanti per le api da miele. Willow era un'importante fonte di polline per le api da miele a maggio. - Credit: Douglas Sponsler, Penn State.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Study reveals important flowering plants for city-dwelling honey bees

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.