Ostriche in Myanmar altamente inquinate


Ostriche in Myanmar altamente inquinate

Il primo studio fondamentale che utilizza la tecnologia di nuova generazione per esaminare in modo completo i contaminanti nelle ostriche in Myanmar rivela la presenza diffusa di agenti patogeni batterici umani e materiali composti da microparticelle di origine umana, tra cui plastica, cherosene, vernice, talco e polveri di integratori di latte.

Lo studio - condotto da scienziati dell'Università della California, Irvine, in collaborazione con Environmental Defense Fund, Cornell University e l'Università del Queensland - è stato condotto nel Mar delle Andamane orientale attraverso partnership con ricercatori locali in Myanmar nella densamente popolata, ma ancora rurale, regione di Tanintharyi. Lo studio conclude che l'urbanizzazione costiera e la mancanza di trattamento delle acque reflue aumentano la contaminazione nei frutti di mare e possono causare potenziali rischi per la salute degli esseri umani, anche a grandi distanze dalle fonti di inquinamento.

I risultati dello studio si possono consultare su Science of the Total Environment. (1)

L'area coperta dallo studio si estendeva su nove barriere coralline al largo dell'Arcipelago Mergui del Myanmar, a circa 40 miglia da Myeik, una città con una popolazione di oltre 250.000 persone. Lo studio ha esaminato i contaminanti nell'acqua di mare e nelle ostriche utilizzando il sequenziamento del DNA di nuova generazione per rivelare 5.459 potenziali patogeni umani appartenenti a 87 specie di batteri. Più della metà di questi agenti patogeni è considerata dannosa per la salute umana. Inoltre, gli scienziati hanno utilizzato la spettroscopia a infrarossi per esaminare le singole microparticelle trovate nelle ostriche. Delle 1.225 singole particelle esaminate, sono stati trovati 78 diversi tipi di materiali contaminanti.

«Mentre il 48 per cento delle microparticelle erano microplastiche - un risultato rappresentativo di numerosi ecosistemi oceanici - molte altre particelle non erano di plastica e provenivano da una varietà di materiali di derivazione umana che sono costituenti di combustibili, vernici e cosmetici», ha detto l'autrice senior Joleah Lamb, (2) assistente professore di ecologia e biologia evolutiva presso l'UCI. (3) «Siamo rimasti particolarmente sorpresi di trovare tre diverse marche di latte in polvere, che costituivano il 14 per cento dei contaminanti».

Entrambi i tipi di contaminanti - agenti patogeni e microparticelle - riflettono la presenza pervasiva di acque reflue e deflusso da fonti umane e animali. Le implicazioni per altre regioni costiere sono significative, dal momento che gli ambienti marini costieri di tutto il mondo sono sempre più soggetti a una ridotta qualità dell'acqua dovuta all'urbanizzazione che potrebbe portare alla contaminazione di importanti specie ittiche su scala globale.

Anche le implicazioni per la salute umana sono significative. Le ostriche in questa regione e altrove fanno parte della dieta locale e tipicamente consumate crude e intere. I contaminanti trovati in questo studio indicano che anche l'arcipelago di Mergui nel Myanmar, in gran parte rurale, ha un inquinamento significativo e diffuso da deflusso di rifiuti agricoli e umani che possono colpire le fonti di cibo a valle su una vasta area lontana dai centri urbani.

Oggi più della metà delle esportazioni di pesce in valore proviene dai paesi in via di sviluppo, sollevando preoccupazioni più generali sulla sicurezza alimentare locale e sulla sicurezza alimentare in tutto il mondo.

«È importante tenere presente che gran parte del nostro pesce viene importato dall'estero, da luoghi che potrebbero essere contaminati, sottolineando l'importanza sia di test adeguati che di miglioramenti alla qualità dell'acqua costiera in tutto il mondo», ha affermato l'autore principale Raechel Littman, (4) studiosa post-dottorato in ecologia e biologia evolutiva all'UCI.

Oltre agli agenti patogeni batterici umani, la predominanza di microplastiche e altri tipi di microparticelle presenti nei frutti di mare potrebbe avere implicazioni sia per l'ambiente che per la salute umana.

«Gli scienziati stanno solo iniziando a esplorare le conseguenze sulla salute umana derivanti dal consumo di microplastiche», ha detto la dottoressa Lamb.

Molte particelle di plastica possono trasportare tossine, come inquinanti organici persistenti, o POP, come diclorodifeniltricloroetano (DDT), bifenili policlorurati (PCB) e bisfenolo A (BPA), che successivamente entrano nell'oceano e nelle reti alimentari marine e possono eventualmente essere trasferiti a persone attraverso il cibo. Pertanto, l'assorbimento di microplastiche nell'ambiente marino potrebbe avere conseguenze di vasta portata per il consumo umano di frutti di mare e può essere un rischio emergente per la salute pubblica a livello globale.

È anche preoccupante che oltre la metà dei contaminanti composti da microparticelle rilevati nei tessuti delle ostriche del Myanmar fossero composti da materiali non polimerici che possono essere dannosi per la salute umana se ingeriti, come cherosene, saponina e talco. Inoltre, l'importanza del supplemento di latte rilevato suggerisce un collegamento fecale-orale diretto tra i rifiuti umani e le acque reflue che ritornano nella catena alimentare, aumentando così il rischio di contaminazione o trasmissione di malattie.

«Questo studio è importante nelle sue implicazioni globali. Ci sono forti prove di trasferibilità dei risultati dal Myanmar ad altre fonti di pesce in tutto il mondo», ha detto il dottor Douglas N. Rader, (5) capo scienziato per il programma EDF Oceans e collaboratore capo scienziato del programma EDF Oceans e collaboratore di questo studio. «Questi risultati evidenziano sia i rischi dell'urbanizzazione costiera che l'importanza di un'adeguata gestione delle acque reflue e piovane. Mostra anche chiaramente la necessità di una scienza migliore relativa ai potenziali impatti di questi contaminanti e la necessità di migliori programmi di test in modo che i consumatori di pesce possano fare affidamento sulla sua salubrità».

Informazioni sull'Università della California, Irvine:

fondata nel 1965, l'UCI è il membro più giovane della prestigiosa Association of American Universities. Il campus ha prodotto tre premi Nobel ed è noto per i suoi risultati accademici, la ricerca premier, l'innovazione e l'anteater mascot. Guidata dal cancelliere Howard Gillman, l'UCI ha più di 36.000 studenti e offre 222 corsi di laurea. Si trova in una delle comunità più sicure ed economicamente dinamiche del mondo ed è il secondo datore di lavoro di Orange County, contribuendo con 5 miliardi di dollari all'anno all'economia locale. (6)

Riferimenti:

(1) Coastal urbanization influences human pathogens and microdebris contamination in seafood

(2) Joleah Lamb

(3) Lamb Lab

(4) Raechel Littman

(5) Douglas N. Rader

(6) University of California, Irvine

Descrizione foto: La dottoressa Joleah Lamb, assistente professore di ecologia e biologia evolutiva presso l'UCI, mentre sta raccogliendo dati sulle barriere coralline urbane in Myanmar. - Credit: Michelangelo Pignani.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Plastics, pathogens and baby formula: What’s in your shellfish?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.